TITLE_MIN (Italiano)

Paura, innata o imparato?
Condividi in:

di erika de PAZ |

Sono una manciata di paure. Molte delle mie paure mi hanno impedito di fare cose che, inclusive, mi piacerebbe fare. Le mie paure mi volano, paralizzami e mi limiti. Non mi lasciano essere chi voglio essere. Appaiono senza chiedere il permesso, e si accontentano della mia vita come quelli che amano difficili da dimenticare. So che tutti sentiamo paure, ma a volte trovo difficile gestirli come dovrebbe. Spero che un giorno riesco a controllarli, spero che un giorno stop sabotaggiare i miei sogni.

Ma cosa è la paura? Perché qualcuno è stato salvato da questa sensazione? Nel tempo, la paura ha permesso all’uomo di sopravvivere. È un’eccitazione sgradevole ma necessaria: ci rende consapevoli di ciò che ci minaccia. Anche quando sappiamo che è forte e scomodo noi, dobbiamo anche ricordare che è qualcosa di naturale ed estremamente vecchio. Dal momento del tempo remoto, ci havvisato dal pericolo e ha permesso all’essere umano di evolvere.

In questo senso, possiamo essere chiari che è una specie di “malvagio necessario”; e anche se non ci piace loro Sintomi (sudori, palpitazioni …), questi sono importanti perché ci preparano a fuggire. Il problema appare quando non possiamo controllarlo, quando smette di essere naturale e diventa patologico.

Sono molte discussioni Intorno a questo argomento, un argomento che ci riguarda tutti senza eccezione. Alcuni esperti sostengono che ci sono sia paure innate e acquisite. I primi sono quelli che portiamo geni e che sono ereditati; il secondo proviene dal nostro ambiente.

Tuttavia, altri ricercatori contraddicono questa teoria; secondo loro siamo nati dalla paura, ma stiamo imparando fin dalla tenera età. Questo è dimostrato da uno studio condotto da Vanessa Lobue, ricercatore presso l’Università dei Rutgers. Questo lavoro si è concentrato per analizzare il comor Bambini di sette mesi a cui sono stati mostrati due video: uno con serpenti e un altro con elefanti, mentre minacciavano le voci e le voci felici.

I bambini sono rimasti più tempo a guardare i video su cui apparve i serpenti su cui apparvero i serpenti Con le voci della paura, ma non hanno dato segni di sentire la paura. Con questo semplice esperimento, si è concluso che siamo predisposti per rilevare più rapidamente ciò che ci spaventa, e che lo associamo con cose brutte come voce che spaventa.

Dal piccolo viviamo esperienze che, indiscutibilmente, stiamo facendo vita. Inoltre, riceviamo costantemente messaggi (positivi e negativi) che diverse associazioni creano nella nostra mente. Ovviamente, questo è un argomento che rimarrà studiato, specialmente perché ci influenza tutti. E anche se entrambe le teorie sono ancora gestite, è interessante e persino fiducioso di pensare che le paure siano davvero imparate. E se è nelle nostre mani per evitare di ottenere nuove paure, possiamo essere persone più felici. Cosa ne pensi?

Di: Erika de Paz | Ig @erikadps |. Foto: Bambino con paura /

  • 16

  • I Love 1
  • Mi diverto: 2
  • Sono stupito di me
    1
  • Sono triste circa 0
  • Io ci arrabbio
  • paura
  • Cos’è la paura
Condividi in:

31 ottobre 2018 – Aggiornato: 31 ottobre 2018

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *