Singolarità straordinarie di animali ordinari (XVII): Komodo Dragon

Se qualcosa può definire il drago Komodo è la sua dimensione e il suo alto grado di tossicità. Non invano, questa creatura si chiama “Dinosauro vivente” (anche se non è una discendente diretta da loro, a differenza di uccelli e coccodrilli). Nel 1926, W. Douglas Burden, Profession Adventurer, ha condotto una spedizione per catturare un esemplare vivente.

Il tuo viaggio è stato un fallimento, ma ha ispirato il film King Kong nel 1933.

-Il Komodo Dragon è stato scoperto da scienziati occidentali nel 1910. Misura 3 metri di lunghezza e pesa fino a 130 chilogrammi. È , quindi, la più grande lucertola vivente sul pianeta. E anche il più grande che è riprodotto dalla Partenogenesi.

Le femmine che ospitano due diversi cromosomi sessuali: Z per il maschio e w per la femmina. Ognuno di Gli ovli ZW hanno una seconda mini-Valle aderi che contiene una copia completa delle informazioni genetiche della madre. In assenza di sperma, quella mini-valle è riassorbita e “fertilizza” l’ovulo principale. Il frutto di questo è un paio di gemelli maschili non identici (ZZ).

-His Bite è letale e la sua saliva contiene 15 ceppi virulenti di batteri nocivi. Recenti ricerche hanno aggiunto che hanno anche tossine potenti secrete nelle ghiandole della bocca.

Così, dopo aver trascorso i primi anni della sua vita nelle cime degli alberi, il drago Komodo si unisce a un gruppo di terra (avendo precedentemente spalmato con gli escrementi della preda per essere il più possibile per il suo più appetitoso per il massimo I colleghi veterani) e la caccia inizia: elefanti Pygmeos (già estinto), bufali, cervi, capre e giovani lucertole.

Ma i draghi Komodo mangiano solo una volta al mese. A quel tempo, ingeriscono tre quarti del loro peso corporeo. Poi stendono il sole per stimolare la digestione ed evitare così il cibo ruotato nello stomaco.

-Il sesso sembra anche alieno: i maschi praticano i booster violenti con le femmine, cercando di dominarli abbastanza tempo per presentarlo … uno dei suoi due peni. Come se fallire.

sono molto intelligenti. I draghi Komodo nella cattività riconoscono i loro badanti e possono fare semplici trappole. Una punta di Phil Bronstein: sempre ben calzature se ci sono draghi nelle vicinanze.

via | Il piccolo grande libro di ignoranza (animale) di John Lloyd

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *