Quanti giocatori attivi hanno segnato un colpo vincente superando l’orologio?

The Basket-Reference Statistics Sito ha pubblicato una ricerca interessante, in cui ha raccolto tutti i colpi vincenti del Storia della NBA. Da John Barr nel 1946 a Bojan Bodanovic, un paio di giorni fa prima di Houston. Il parametro: conversioni con il punteggio equalizzato o in svantaggio per le apparecchiature di punteggio e l’orologio che lasciano a zero.

L’elenco generale ha una logica leader e anche un’escort prevista: Michael Giordania con nove, seguita Di Kobe Bryant con otto, proprio come Joe Johnson.

Un angolo alternativo raro del vincitore del gioco di Michael Jordan su Ehlo in questo giorno nel 1989 da Cameraman Chuck Davidson
(via Sayhibb59 / YouTube) Pic .twitter.com / fxv9j0ukem

– Sport illustrati (@sinow) 7 maggio 2018

Come è la lista tra i giocatori attivi? Lo esaminiamo qui sotto.

Scatti vincenti tra le risorse

lebron-james-ftr-050518.jpg

Poiché non poteva essere altrimenti, il leader tra le attività non è altro che Lebron James, con sette di questo tipo di conversioni. La cosa curiosa è quelle sette, cinque arrivate in Playoffs: 2009 vs Orlando, 2013 vs Indiana, 2015 vs Chicago, 2018 vs Indiana e 2018 vs Toronto. Nessuno, nella storia della competizione, ha così tanti colpi vincenti nella postseason come James. La prima della sua carriera? Il 23 gennaio 2009, in uno scontro regolare di fase tra i suoi cavalieri e i guerrieri statali d’oro.

cav. Cavves: lebron james buzzer beater vs orlando magic 2009 ECF G2 pic.twitter.com/7f9oirqs2u

– Cavs Sports Talk 🏀 (@cavsssportstalk) 16 luglio 2017

dietro Lebron Due Eai appaiono veterani come Andre Iguadala e Vince Carter, in entrambi i casi con cinque annotazioni. A quelli di Carter (quattro in una fase regolare, uno in playoff) sono separati da 14 anni di differenza: da un triplo vincitore contro Boston nel 2000, fino a una pompa per battere San Antonio nella postseason del 2014. Iguadala, dal suo lato, ha ottenuto tre giocando per Philadelphia tra il 2006 e il 2009 e altri due per lo stato Golden, tra il 2013 e il 2014. Tutti di loro in una fase normale.

Seguendo con le grondaie, il quarto posto appartiene a Rudy Gay, con quattro conversioni: il primo è stato una tripla alla fine del 2017, per dare a Memphis la vittoria su San Antonio e il più recente, all’inizio del 2019, con un doppio lungo per lasciare i soli sulla strada, ora giocando per gli speroni. Come nel caso dell’Iguadala, nessuno dei suoi scatti vincenti è arrivato a Playoffs.

legato al quinto posto tre giocatori appaiono con tre annotazioni. E non perdere l’abitudine, è anche tre grondaie: Jeff Green (una con OKC nel 2009 e due con Boston nel 2013), Kevin Durant (uno con Seattle nel 2007 e due con il Thunder nel 2011) e Tobias Harris (tutti di loro giocando per Orlando nel 2014).

L’elenco dei giocatori con due colpi vincenti comprende 16 nomi: Al Horford, Andrew Wiggins, Blake Griffin, Bogdanovic, Carmelo Anthony, Damian Lillard (entrambi per definire un serie), Derrick Rose, Devin Booker, Evan Fournier, Evan Turner, Gordon Hayward, James Harden, Kema Walker, Khris Middleton, Lamarcus Aldridge e Russell Westbrook.

Damian Lillard ha appena colpito uno degli scatti più freddi di sempre. Non è nemmeno i 37 piedi. Né anche il momento, che si ribalta contro la squadra di Okc che ha avuto il silenzio. È l’onda immediata addio. Quello che guarda mentre mette in mezzo a quel dogpile. Merkel. PIC.TWitter.com/WGPFI23QVH

– Jamil Smith (@Jamilsmith) 24 aprile 2019

Quanti ha segnato un colpo vincente sulla tua carriera? 53 giocatori attivi. Dalle figure come Young, Nikola Jokic, Anthony Davis o Chris Paul, ai giocatori secondari come Noah Vonleh, Cory Joseph o James Johnson. Tutti avevano il loro momento, la loro festa.

Un fatto significativo è che Stephen Curry non ha ancora raggiunto il suo primo colpo vincente, né ha fatto Klay Thompson. Se ti registri un padre, Dell Curry: triplo per dare il trionfo a Charlotte nel 1989 prima … Golden State!

Segui tutto il NBA in diretta con il passaggio della Lega NBA

Le opinioni espresse qui non riflettono necessariamente quelle della NBA o delle sue organizzazioni.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *