Pulpa Kraft Blanqueada A Parir de Pinus Tecunumanii

bosque, vol. 26 n ° 2, Agosto 2005, PP. 115-122

NOTA TECNICA

PULPA KRAFT BLANQUADA A PARTIR DE PINUS TECUNUMANII

BLANDED PUL PUL PUL PUL PU PINUS TECUNUMANII

Leonel Fernando Torres 1, Roberto Melo 1, Jorge Luiz Colorette 2.

1 Laboratorio de Productos Forestales, Universidad de Concepción, Concepción, Cile. [email protected], [email protected]
2 laboratorio de celulosa y papel, universidad federal de viçosa, viçosa mg-brasil. [email protected]

Summary

Abbiamo valutato l’uso di 12 anni Pinus Tecunumanii (EGUILUZ & Perry) cresciuto in Colombia per Produzione di polpa di kraft sbiancato. Le pulsioni kraft di Kappa numero 30 + 1 sono state prodotte, ulteriore ossigeno delineato e sbiancato al 90% ISO con processi ECF. La polpa sbiancata prodotta in condizioni ottimali è stata valutata in merito alle proprietà della resistenza. P. Tecunumanii Wood ha richiesto un basso costo di alcali efficace per raggiungere il numero di kappa desiderato e la polpa marrone ha mostrato un’elevata efficienza di allineamento dell’ossigeno e la violazione delle sequenze del tipo DED (EO). Le polpa sbiancate hanno mostrato buone proprietà fisiche-meccaniche, che sono paragonabili a quelle ottenute con pini più tradizionali come lobolly e radiata. I risultati dimostrano che questa specie di pino tropicale è una materia prima adatta per la produzione di polpa kraft sbiancata.

parole chiave: Pinus tecunumanii, kraft pulping, allineamento di ossigeno, sbiancamento della ECF.

Resumens

Resumens

SE realizó La valutazione (P> SE realizó la valutazione (EGUILUZ Y PERRY PINUS ) De 12 Años Proveniente de Plantaciones de Colombia Como Un Recurso Para La Produzione DE PULPA Blanqueada. SE AFFLY UNCESO DE PULPAJE KRAFT, OBTENIENDO PULPA CON ÍNDICE KAPPA 30. SE DESLIGNICÓ LA PULPA CON UNA Y DOS ETAPAS DE OXÍGENO PARA DESPUSIS SER Blanqueadas con la tecnología ECF, Alcanzando Niveles de Blancura de 90% ISO. Las Pulpas Blanqueadas Producidas BAJO Óptimas Condiciones Fueros Valuadas en Sus PROPIEDADES Físico-Mecánicas. P. Tecunumanii Requivia De Baja Carga de Álcali Para Alcanzar El Número Kappa Deseado y su Pulpa Cruda Alta Eficiencia en la deslignificación con oxígeno y blanqueabilidad con secuencias del tipo od (eo) ded. LA PULPA BLANQUADA MOSTRÓ BUENAS PROPIEDADES FÍSICO-MECÁNICAS, LAS DUBUES SON comparables con Aquellas Obtenidas con Árboles más tradicionales, como el pino radiata y pino taeda. Los Risultatos Demostraron Que Esta Especia de Pino Tropical Es Adecuada Para La Produzione DE PULPA KRAFT BLANQUADA.

PALABRAS CLAVE: PINUS TECUNUMANII, PULPAJE KRAFT, DESLINCIFICIFICIFIÓN CON OXÍGENO, BLANQUO ECF.

INTRODUCCION

La Gran Debilidad del settore Papelero Colombiano Ha Sido La Escasez de Materia Prima Festale, nessuna Obranto La Ventaja comparativa Debida A la PosicIón Tropical del País, La Clual Se Traduce en un más rápido crecimiento de las especies maderables en relación con los paísses de las zonas templadas. Colombia Cuenta con 145.000 ectáreas Plantadas, de un totale de 2,7 millones de hectáreas de tierras povenciamente riforniti. It Comparación, Otros Países Latinoamericano Disporren de Áreas Forestales Varias VECCES Superiores: Brasil Posee 7 millones de hectáreas, Cile 2 milloni de hectáreas, argentina 770.000 hettáreas y venezuela 530.000 aproximadamente.

colombia Nessuna esportazione celulosa y hosta ahora el comercio de pulpas nacionales es irrelentante. It La Actualidad SE Produce Solamenti Para El Soco Internalo. Es Preocupiante El Heco de Que El Crecimiento de la industria papelera pueda versetto limato por la falta de materias primas, especialmente por la falta de pupas proveniente de espetici de fibra larga.

El Desabastecimiento de Maeras de Plantaciones en Colombia ha Traído Como Consecuencia La Poca Disponibilidad de Pulpa, Lo Que Ha Conducido A UNA Permanente Importacón. Recensionile Las Importaciones de Pulpa Han Sido Eleversisti, con 96.600 Toneladas EN 1999 Y 105.300 Toneladas EN 1999. ADICONALMENTE, TODO EL PAPEL PERIÓDICO QUE SE CONSUME EN COLOMBIA ES Importado, A Esto SE SUMA EL HECHO DE QUE LA MITAD DE LOS REQUERIMENTIS DE CELULOSA PARA La Industria Papelera Son Sumistrados por Fibra Reciclada, La Clual SE Importa EN UN 12%.

las especies que cubren los suelos reforestados en colombia figlio: eucalipto, queo cubre 26.800 hettáreas; Teca, con 4.000 ettáreas; El Género Pinus, con 77.500 ettáreas, Entre Ellas El Pinus Tecunumanii; Otro Tipo de ConíFeras, con 11.300 ectáreas, y otras especies, con 20.000 ettáreas. ESTAS PLAANTICIONE DE CONÍFERAS EN LOS Andes Colombianos Pueden Ser RALAEDAS DESPUTISS DE OCHO AÑOS PARA PRODUZIONA DE PULPA (1). MUSGASE ESPIEGES DE PINOS Tropicales Tienen La Ventaja de usos Múltiples, inclusa La Restauración de Suelos Erosionados, PRODUZIONE DE MADERA ASERRADA, ASÍ COMO LA PRODUZIONE DE PULPA Y Papel Ya Sea por los métodos químicos o mecánicos.Tuttavia, molte di queste specie non sono state studiate intensamente (2).

Si stima che ci siano attualmente circa 10.000 ettari di P. Tecunumani è stato fondato in tutto il mondo. La maggioranza è situata nel centro del Brasile, la costa orientale del Sud Africa e nel nord-est del Dipartimento di Antioquia e del sud-est del Dipartimento di Cauca in Colombia, sia nella regione Andrea, diventando stima che circa 2.500 ettari piantati con P. Tecunumanii in Colombia.

Per quanto riguarda la qualità della polpa di Pinus Tecunumanii, ci sono pochissimi studi che sono stati fatti a questa specie. Questi dimostrano che non c’è molta differenza tra il contenuto di lignina tra padre Tecunumanii e altre conifere utilizzate in Colombia e in Sud Africa per la produzione di cellulosa (3, 4).

Il presente lavoro mira a determinare il potenziale di p. Tecunumani cresciuto in Colombia, come una risorsa per la produzione di cellulosa kraft sbiancata.

Materiale e metodi

Campioni di P. Tecunumanii sono stati selezionati da una piantagione di 12 anni situata nel comune di Yolombó, a nord-est di Antioquia in Colombia, con una densità di 1.060 alberi per ettaro . Questa piantagione si trova ad un’altitudine di 1.440 m, con una temperatura media di 21 ° C e precipitazioni di 2.200 mm.

Un campionamento è stato eseguito utilizzando un terreno circolare di 25 metri di diametro. Misurare tutti gli alberi sulla trama e ottenendo il suo DAP medio (21,24 cm), con un’altezza media di 21,44 m. 5 alberi sono stati scelti con diametro medio. Tre tanocchi di 1 metro sono stati prelevati da ciascun albero a tre altezze: altezza basale, metà dell’altezza commerciale e altezza commerciale (diametro 10 cm). I log sono stati scheggiati e classificati, essiccati fino a circa il 20% di contenuti di umidità.

La densità delle schegge è stata determinata utilizzando Norma Tappi 258 OM-94. Allo stesso modo, la lunghezza della fibra nel legno, il diametro del muro, il diametro del lume e lo spessore del muro, è stato determinato anche dall’uso di un microscopio ottico.

La polpa kraft è stata eseguita in una capacità di 4,7 litri di Digester M / K, con circolazione forzata e riscaldamento diretto della candeggina. Le condizioni di polpa utilizzate erano: 30% di solfosità, rapporto liquori / legno 4: 1, tempo alla temperatura massima di 90 minuti e una temperatura massima di 170 ° C. La concentrazione di alcalini e tempi efficaci alla massima temperatura variava tra il 13% e il 18% NA2O, e tra 40 e 70 minuti rispettivamente fino a raggiungere un numero di kappa 30 ± 1. Il numero di kappa è stato determinato secondo il tappi T 236 OM -85. La polpa è stata lavata, setacciata e pesante per determinare le sue prestazioni.

Le polpa erano divulgate con uno e doppio stadio di ossigeno (O e OO), utilizzando un reattore / miscelatore Quantum Mark V, con una capacità di 3,6 litri, utilizzando campioni di PULP 300 G (BPS) in cinque ripetizioni e sbiancati utilizzando la tecnologia ECF con due sequenze ciascuna (deodita e depografica), in condizioni osservate nelle tabelle 1 e 2. sbiancamento con anidride del cloro è stata eseguita su sacchi in polietilene con 260 g campioni per la prima fase e 160 g per le fasi D1 e D2 . Le fasce di estrazione ossidativa con ossigeno (EO ed EOP) sono state eseguite in un reattore Quantum Mark V protetto con Teflon, con campioni di 260 G (B.P.S.) di polpa. Tutte le fasi di sbiancamento sono state eseguite in duplicate e i campioni sono stati lavati con acqua distillata in eccesso. Le dosi dei reagenti sono espresse in percentuali di polpa secca.

Tabella 1

Condizioni generali di allineamento con ossigeno.

SINGLE (O) e DOPPIA (OO) Stadio Digiaction Condizioni di allineamento di ossigeno.
Condizioni
o
(oo)

>

Consistenza (%)
Temperatura (° C)
Tempo (min)
Pressione Iniziale (KPA)
Naoh (kg / t)
mgso4.7h2o (kg / t)
10
90
35
600
34.8
1
10
90 + 95
15 + 45
600
34.8 + 19, 5
5

Tabella 2

Condizioni generali di candeggina.

Condizioni generali di sbiancamento.
Condizioni di sbiancamento
Stadi di sbiancamento
D0

>

EO
EOP
D1
e
d2
coerenza (%)
Tempo (min)
Temperatura (ºC)
Kappa Factor (FK)
Naoh (kg / t)
O2 (kg / t)
H2O2 (kg / t)
mgso4.7H2O (kg / t)
Pressione di O2 (KPA)
11
45
65
0.24



11
20 + 45
85

115
3

200

11
20 + 45
85

115
3
2

200

11
150
70

11
15
70

2


11
180
70


Le proprietà meccaniche fisiche per le pulsioni sbiancarie senza perfezionare e 4.000, 6.000 e 8.000 rivoluzioni sono state analizzate, utilizzando un raffinatore di laboratorio PFI secondo il TAPPI 248 SP- 00 Standard. Le lastre di laboratorio sono state formate secondo lo standard TAPPI T 205 SP-95. Le proprietà di resistenza delle foglie sono state analizzate utilizzando gli standard TAPPI.

Risultati e discussione

Caratteristiche morfologiche e chimiche del legno. I valori delle dimensioni delle fibre possono essere trovati nella Tabella 3. I risultati mostrano che p. Tecunumanii ha un’elevata densità per un’età di 12 anni tra le conifere (466 kg / m3). Studi effettuati in Brasile (12 anni) e in Colombia (8 anni) con alberi della stessa specie hanno trovato rispettivamente le densità medi di 445 kg / m3 e 361 kg / m3 (3). Ha anche una densità superiore rispetto ad altre specie del genere Pinus, utilizzata per la produzione di polpa cellulosiche, come Pinus Taeda e Pinus radiata, che raggiungono i valori medi di 370 kg / m3 e 400 kg / m3. La sua elevata densità è direttamente correlata a uno spessore più alto della parete (9,48 μm), e un diametro minore del lume (32,96 μm), ciò deriva ad un’elevata resistenza al collasso, poiché le fibre sono più rigorose mantenendo la sua forma originale (tubolare) , che non contribuisce ai collegamenti tra le fibre. I valori trovati nella composizione chimica del legno sono considerati normali all’interno della gamma di conifere.

Tabella 3

Parametri fisici e chimici delle fibre di legno P. Tecunumanii .

Parametri fisici e chimici delle fibre di legno di P. Tecunumanii.
Parametri
valore

densità (kg / m3)
> Lunghezza fibra (mm)
Diametro Diametro Fibra (μm)
Lumen Diametro (μm)
Spessore Parete (μm)
Holocellulose (%)
Lignin (%)
Rimovibile ( %)

466
3,96
51,93
32,96

763
27,55
2.96

Pulpage Kraft. Nella figura 1 è possibile vedere il comportamento delle variabili del numero Kappa e la resa classificata (%). La figura mostra che i valori in cui il numero KAPPA raggiunge un valore di 30 è il 16% alcali efficace come Na2O e 40 minuti di tempo alla massima temperatura. Questo valore alcalino è inferiore a quello richiesto da altre specie tropicali Pinus, per ottenere lo stesso numero di kappa. Pinus Patuta e Pinus Maximinoii hanno richiesto il 18,5% e il 19,1% dell’alcali effettivo come NA2O rispettivamente (2).

Figura 1. Numero di Kappa basato su prestazioni nominali (%) per PULP KRAFT Venendo da Pinus Tecunumanii.

Numero Kappa come funzione della resa della polpa schermata (%).

Altri dei parametri valutati nella polpa marrone erano viscosità, bianchezza, acidi esauroni e il contenuto dei metalli; I risultati di tutti questi sono mostrati nella tabella 4. In relazione al contenuto metallico, si può notare che i valori in FE (76,90 ppm) e CU (23,76 ppm) sono superiori a quelli trovati in altre conifere. Nelle pulsioni Kraft provenienti da miscele di P. Ellioti e P. Tada, il contenuto di ferro e rame era rispettivamente 23 e 3,3 ppm (5). Il più grande valore raggiunto da questi metalli può essere causato da processi di corrosione nel digester utilizzato per la piapaga, inserire l’acqua utilizzata nel processo o anche dal massimo contenuto di questi metalli nel pavimento della piantagione di cui provengono dal Campioni, perché si trova in un’area mineraria in Colombia.

Tabella 4

Caratteristiche della polpa Kraft Pinus Tecunumanii.

Caratteristiche della polpa kraft prodotta da 12 anni P. Tecunumanii.

Parametro

valore
Numero Kappa
Viscosità (CP)
Whiteny (% ISO)
AC. Hexensuronics (Mmol / KG)
Metalli (PPM):
Fe
Cu
MN
CA
MG

30
34
23
20

76
23
7
1.036
210

Designificazione con ossigeno. I risultati ottenuti nelle sequenze di allineamento con uno e due stadi di ossigeno sono riportati nella tabella 5. È possibile osservare una caduta del 162% 162% nelle pulsioni a prova di ossigeno a doppio stadio, che è superiore a caduta in polpa inviate a a a singolo stadio (41,67%). Questi valori sono all’interno della gamma considerata adatta per processi a doppio stadio applicati alle polpa di Pine Kraft trovate da diversi autori (6-9). Non c’è differenza nella selettività tra entrambe le sequenze. Questa selettività nel dignificazione dell’ossigeno è correlata al tasso di rimozione di lignina e con una diminuzione del tasso di degradazione dei carboidrati (10). I metalli transitoriali sono importanti rispetto alla selettività delle reazioni in allineamento con ossigeno, poiché le reazioni che catalizzano i radicali degradano sia lignina che cellulosa, causando reazioni di depolimerizzazione e, di conseguenza, una perdita nella resistenza della polpa (9,11) . Una perdita maggiore è osservata nella viscosità per la sequenza OO (56,76%). La perdita di viscosità è dovuta alla depoletion dei carboidrati, il risultato dell’idrolisi delle obbligazioni β-glicosidiche. Può anche essere osservato un maggiore guadagno bianchezza per la sequenza OO.

Tabella 5

Risultati ottenuti nei processi di allineamento con ossigeno (sequenza o sequenza oo).

Risultati del domicilio dell’ossigeno (allineamento di ossigeno singolo e doppio fase).
sequenza
Risultati
o
OO
Numero KAPPA
VISCOSITY (MPA.S)
Δ Kappa (%)
Δ Viscosità (%)
Selectivity
Whiteny (% ISO)
Performance (%)
17.5
21.1
41,1
37,9
1,1
29,8
97.1
11,4
14,7
62.0
56,8
1.09
35.4
96.2

Viscosità iniziale: 34 cp; I. KAPPA: 30; Whiteura: 23,18% ISO.

Tabella 6

Bleach ECF Risultati tra 90 e 90,3% P.-Tecunumanii Pulps ISO.

Risultati del cercapersone di sbiancamento Kraft Kraft-o Pulps tra il 90% e il 90,3% ISO.
Sequenza
CLO2 (*) (KG / TAS)
H2O2 ( *) (Kg / tas)
viscosità (MPa.s)
whiteny (% ISO)
reversione (% ISO)
prestazioni (%)
totali di prestazioni ( %) (**)
ODEODEDED ODEOPDED OODOODED OODOOPDED
101,97 86,97 70,36 56, 86
0
2
0
2
15.3
13, 8
12.2
11.0
90.0
90.1
90.3
90.0
3.1
> 3.1
2.6
2.3
98, 23
98.05
97,85
97,03
95.3
95.1
94.1
93.3

* Consumo di reagenti.
** O2 + Prestazioni della candeggina.

Bleaching ECF. I risultati dell’ BCF Sbiancamento, fino a raggiungere un candore tra il 90 e il 90,3% ISO di P. TECUNUMANII PULPS sottoposti a OD0EOD1ED2, OD0EOPD1ED2, OOD0EOD1ED2 e OOD0EOPD1ED2, sono presentati nella Tabella 6.

I risultati lo dimostrano La sequenza che ha presentato un consumo inferiore di anidride del cloro è stato oodeoped, che ha raggiunto il 44,23% in meno rispetto alle altre sequenze. Ciò ha avuto una viscosità inferiore, ma accettabile entro i limiti richiesti dall’industria della carta. Confrontando i risultati tra quelli soggetti alla stessa sequenza di allineamento, le polpa in cui è stata utilizzata il perossido di idrogeno, aveva meno viscosità finale. Ciò potrebbe essere causato perché una delle reazioni che il perossido ha con la polpa avviene in presenza di metalli di transizione, come Cu, fede e mn, che porta alla formazione di radicali idrossili (ho.) E superossido (.O2 -). La decomposizione del perossido in specie intermedie, compresi questi radicali, non aiuta l’effetto sbiancamento e provoca la rottura della catena cellulosica (9-14).

Proprietà meccaniche fisiche e ottiche. Le polpa sbiancate sono state raffinate a valutare le loro proprietà fisiche.Tutte le proprietà ottenute in ogni grado di raffinazione sono state rappresentate in base alla velocità di tensione, che viene scelta per mettere in relazione le altre proprietà perché è una delle proprietà più richieste per produrre documenti per vari scopi, enfatizzando un valore precedentemente determinato (45 nm / g ). La resistenza alla tensione è controllata da diversi fattori, come la forza individuale delle fibre, la lunghezza della fibra, la formazione e la struttura della lama (15). La resistenza individuale della fibra è controllata da altri parametri, come l’angolo fibrillare, il contenuto della cellulosa e i difetti nella struttura della fibra

figure 2, 3, 4 e 5 mostrano l’indice di tasso di esplosione lacerato , Energia di assorbimento della tensione (tè) e opacità basata sull’indice di tensione (NM / G) per polpa sbiancate con quattro sequenze. I valori massimi nell’indice strappato vengono rapidamente raggiunti a bassi livelli di raffinazione. Ciò implica che la raffinazione aggiuntiva non è necessaria per ottenere i valori desiderati.

Le polpa trattate con una singola fase del allineamento dell’ossigeno hanno valori più elevati nell’indice esplosione e del tè e sono anche più facili da perfezionare; Può essere causato da un danno inferiore sulle pareti delle fibre. C’è una tendenza in quelle polpa che avevano un rinforzo con perossido per presentare una scaricabilità inferiore. È possibile che l’azione del perossido causa un ammorbidimento sulla parete cellulare delle fibre, raggiungendo una maggiore compattazione nella formazione della foglia. Queste proprietà sono fortemente correlate con la capacità dei collegamenti interibrati. La resistenza alla tensione è controllata da diversi fattori, come la forza individuale delle fibre, la lunghezza della fibra, la formazione e la struttura della lama (15).

Figura 2. Indice lacerato (mn.m2 / g) di sbiancato Pulps di Pinus Tecunumanii.

Square indice (mn.m2 / g) delle polpa candeggiate.

Figura 3. Indice di esplosione (KPA.M2 / G) Delle polpa sbiancate di Pinus Tecunumanii.

Indice burst (KPA.m2 / G) delle polpa sbiancate.

Figura 4. Assorbimento energetico (Tè, J / m2) Delle polpa sbiancate di Pinus Tecunumanii.

Absorm energetico (tè, j / m2) delle polpa sbiancate.

Figura 5. Opacità (%) di polpa candeggiate di Pinus Tecunumanii.

Opacità (%) delle polpa sbiancate.

Per quanto riguarda l’opacità, viene osservato un comportamento simile per tutte le polpa. L’opacità è diminuita con l’aumento del tasso di tensione per tutte le polpa. Oltre ad avere una maggiore quantità di lignina, la polpa cruda ha una densità apparente inferiore alle altre polpa.

Oltre a rimuovere parte del lignina residua, gli effetti distruttivi sulle catene di cellulosa e le emicellulosi durante la caduta di ossigeno causano un ammorbidimento sulla parete cellulare, restituendo le fibre flessibili e favoriscono una migliore compattazione nel momento di formazione della foglia. Questo fenomeno riduce gli spazi con aria all’interno della foglia, che si verifica una diminuzione delle interfacce di rifrazione della luce e di conseguenza una riduzione dell’opacità. Polpa non raffinata e con un numero maggiore di fibre per grammo possiede maggiori coefficienti di dispersione leggera; Nel frattempo, questa proprietà è inversamente proporzionale al grado di raffinazione della polpa.

Conclusioni

In questo lavoro, sono state valutate le caratteristiche polpabili delle specie Pinus Tecunumanii (Egiluz e Perry), di cui è possibile concludere quanto segue:

– Fr. Tecunumanii ha caratteristiche morfologiche (densità, lunghezza della fibra, spessore della parete) superiore ad altre conifere utilizzate nella produzione di cellulosa kraft, che sono buone per la produzione di documenti ad alta resistenza.
– Nella polpa Kraft, la sua performance classificata è stata soddisfacente, oltre a richiedere meno quantità di alcali e tempi efficaci a temperatura massima rispetto ad altre conifere, per raggiungere un indice Kappa 30. – P. Tecumanii ha mostrato un buon comportamento in L’efficienza nell’inesificazione con doppia fase di ossigeno, sebbene abbia presentato una bassa selettività nelle sequenze con uno stadio a doppia ossigeno.
– La polpa P. Tecunumanii ha presentato una buona sbiancamento quando è sottoposta a una sequenza intatta, in cui ha raggiunto i livelli di bianchezza ISO del 90% con un minore consumo di Clo2.
– Le pulsioni sbiancate a diverse sequenze hanno comportamenti simili nelle loro proprietà fisiche e meccaniche, nonostante aventi valori di viscosità diversi.

In termini generali, i risultati ottenuti in questo lavoro mostrano che il legno di Pinus Tecunumanii (Eguiluz e Perry) presenta buone caratteristiche morfologiche e tecnologiche per la produzione di cellulosa kraft cruda e cellulosa kraft sbiancata, facendo questa specie un’opzione di materie prime per la polpa colombiana e l’industria della carta

bibliografia

(1) dvorak, ws, gr Hodge, e.a. Gutierrez, et al. Pinus Tecunumanii. In: Conservazione & Test di Tropical & Specie albero foresta subtropicale della Cooperativa Camcore. College of Natural Resources, NCSU. Raleigh, NC. USA, 2000, D: 188-209.

(2) a destra, J.a., Sabourin, M.J., Dvorak, W.S. Risultati di laboratorio di prove TMP e CTMP con Pinus Patuta, P. Tecunumanii e P. Caribaea Var. Hondurensis. Tappi J., 1995, Vol. 78, n. 1, p. 91-96.

(3) Wright, J.A., Jameel, H., Dvorak, W. Laboratorio Kraft Pulping of Juvenile Tropical Pines: Pinus Patuta, P. Tecunumanii, P.Maximinoo e P. Chiapensi. TAPPI JOURNAL, 1996, VOL. 79, n. 4, p. 187-191.

(4) Gomes da Silva, Francias., Barrichelo, Luiz Ernesto., Shimoyama, Vanilda., Souza W., Marcelo. Avalição da QuaSustee da Madeira di Pinus Patuta Var. Tecunmanii Vision a Produção de Celulse Kraft e Pasta Mecânica. O carta, 1994, luglio, p. 32-35.

(5) salomão, k.g. Caratteristiche e Branking di Kraft / Eucalyptus e Pinus PolissUsulSulSulSusulSusulSulset. M.sc. Tesi, Università federale di Viçosa, Viçosa-mg, Brasile, 2001. p. 112.

(6) Poukka, O., Isotalo, I. e Gullinchsen. Gradi di allineamento ottimale di cottura e fase di ossigeno / alcali nella produzione di ECF Bleached Softwood Kraft. J Paperti Puu, 1999, vol. 81, n. 4, p. 316-324.

(7) Shackford, L., Sulliva, P. e Colodette, J.L. Otimização da tecnologia de deslignificação com Oxigênio, in: 2 ° seminario di diselignificazione. ABTCP. San Paolo, Brasile. 1999, p. 1-16.

(8) Salvador, E. Effetto di progettazione Esolly Oxignian NAS Proprietà meccaniche fisiche Kraft, M.Sc. Tesi, Università federale di Viçosa. Viçosa- mg, Brasile, 2000.

(9) Soinii, P., Jakara, J., Koljonen, J., Effetto dei metalli di transizione sul allineamento dell’ossigeno e sulla sbiancamento del perossido. Paperti Puu, 1998, vol. 80, n. 2, p. 116-121.

(10) McDonough, T.J. Allineamento dell’ossigeno. In: Dance, C.W., Reeve, D.W. Sbiancamento della polpa. Principi e pratica, Tappi Press, Atlanta, 1996, p. 215-239.

(11) Brown, G. Dawe, R. Effetti degli ioni metallici sul allineamento dell’ossigeno della polpa kraft. In: Tappi 1996 International Pulp Bleaching Conference, Tappi Press, Washington D.C, 1996, p. 383.

(12) Johnson, S. Uso ottimale del perossido di idrogeno. Tappi Journal, 1994, Vol. 77, n. 7, p. 262-265.

(13) Hobbs, G., Abat, J., il ruolo delle specie radicali nel processo di sbiancamento del perossido. APPITA, 1992, VOL. 45, n. 5, p. 344-348.

(14) Lachenal, D., da Choudens C., Monzie P., perossido di idrogeno per allineamento dell’agente. TAPPI Journal, 1980, Vol. 63, n. 4, p. 119-122.

(15) Hartler, N. Presente e futuro della pulping kraft. PULP NORDICA E PAPERA DI PAPERA Journal, 1997, Vol. 12, n. 2, p. 115-118.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *