Per un’istruzione migliore: apprendimento intenzionale e apprendimento incidentale (Mario Carretero)

Per quanto riguarda l’attività che lo studente deve dispiegarsi per raggiungere l’apprendimento in base alla comprensione, la distinzione tra l’apprendimento è importante apprendimento intenzionale e incidentale.
Il primo si verifica quando l’educazione intende imparare. Il secondo avviene quando – o meglio, anche se non vi è alcuna intenzione.
da un punto di vista intuitivo, si potrebbe pensare che l’apprendimento intenzionale offrirà risultati migliori su incidentali; Tuttavia, la ricerca a questo proposito indica che dipende dal tipo di elaborazione eseguita dallo studente. Sebbene sia stato ripetuto e intenzionale di un’attività, se non è indirizzata alla comprensione, gli studenti otterranno i risultati mediocri. Al contrario, se la pratica è scarsa e casual, ma favorisce la comprensione, i risultati dell’apprendimento saranno maggiori.
Un esempio è indicato nelle indagini che hanno presentato diverse frasi agli studenti e li avevano diretti a attività diverse. In un caso, l’attività era arbitraria e scarsamente significativa. Ad esempio, guarda il suono delle parole. Nell’altro era analizzare il suo significato. Coloro che hanno svolto il secondo tipo di attività ricordarono le frasi menzionate meglio e ciò accadebbe, tuttavia, il primo sapeva che successivamente le frasi avrebbero chiesto loro, che non è successo con il secondo gruppo. Cioè, in questo caso, l’attività di apprendimento intenzionale produce risultati peggiori dovuti alla sua bassa significativa significativa.
Un esempio quotidiano di ciò che abbiamo appena esposto si verifica quando confrontiamo le piccole prestazioni ottenute dagli insegnanti dopo aver dato spiegazioni complete e logiche ( Significativo per loro ma non per gli studenti), con l’enorme efficacia che sembrano avere le attività spontanee degli studenti nei loro giochi. Nel primo caso, l’attività viene eseguita con l’intenzione di insegnare, mentre nel secondo non esiste. Tuttavia, il risultato dell’attività incidentale sembra avere risultati migliori.
Sembra che sia dedotto che l’apprendimento dovrebbe essere basato sulla comprensione. Infatti, nella sezione seguente espanderemo ciò che è correlato ai processi cognitivi coinvolti nella comprensione dei testi. Al momento insistreremo che, dal punto di vista della pratica educativa quotidiana, è difficile mantenere la riduzione dell’apprendimento alla comprensione.
prima, perché l’apprendimento nel senso inteso dall’istituto scolastico suppone solo l’acquisizione di conoscenza, ma la tua manutenzione, automazione e generalizzazione a un insieme molto ampio di situazioni …
(testo estratto dal libro “Costruttivismo e istruzione”, Mario Carretero, 2002) nel testo precedente sono impliciti intenzioni di cui impara, e anche le intenzioni di chi “insegna”, o meglio, di cui intende causare l’apprendimento negli altri, che in molte occasioni non coincidono …
Ma …. cosa dare Studenti Ensem degli insegnanti a riguardo?

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *