Nihonga E, Pittura giapponese: tecniche e stili

Indagare la pittura giapponese innesca molti misteri e charms. Come ogni espressione artistica, nelle opere di pittura tradizionale, molte storie, stile di vita e cultura vengono salvate. Cioè, i campioni di vernice sono come una fotografia fatta a mano che conserva l’essenza di un paese.

Una delle caratteristiche del dipinto giapponese è che copre un gran numero di stili artistici. Sebbene abbia avuto un’influenza cinese, nel tempo stava adattando il proprio stile. Tale era il caso che la pittura giapponese fosse parte dell’influenza artistica di ciò che arriveremo più tardi come modernismo.

Prima di sapere in profondità gli stili e le tecniche del dipinto giapponese, ti consigliamo di capire da dove viene e qual era la sua origine. Pertanto, in questo articolo inizieremo dalla Genesi di questa espressione artistica. Allo stesso modo, conoscerai importanti pittori giapponesi e le loro opere, sia tradizionali che contemporanee.

indice

  1. Che cos’è Nihonga e?
  2. cronologia della pittura giapponese (Nihonga)
  3. tecniche di pittura giapponese
  4. Stili di vernice giapponese
  5. Japonism: L’influenza della vernice giapponese nell’est
  6. Rappresentanti principali della pittura giapponese
  7. rappresentanti contemporanei della vernice giapponese

Cos’è Nihonga e?

Quando cerchiamo informazioni sul dipinto giapponese, il termine Nihonga si distingue sempre. Ma cosa significa? Questo termine consiste in due frasi: Nihon, che significa “Giappone” e GA, che significa “immagine” o “pittura”. Poi, una traduzione esatta in spagnolo sarebbe “pittura in stile giapponese” o “pittura giapponese”.

Questi dipinti rispondono alle tradizionali convenzioni artistiche del Giappone. Questo include anche tecniche, tipi di vernice e altri materiali utilizzati nella pittura tradizionale giapponese.

Mentre questo termine arriva da molti anni di antichità della cultura giapponese. È stato appena rafforzato nel periodo di Meiji del Giappone imperiale (1868 – 1912), in modo che sia diverso dalle altre opere occidentali o comunemente noto come Yōga.

Durante la storia dell’arte di Il Giappone, che comprende anche la pittura giapponese, è costituita ottenendo determinate correnti artistiche dall’estero.

Pitture giapponesi
Fonte: Cultura

Storia di Nihonga

La storia della pittura giapponese parte di Imitare una nuova influenza culturale degli Stati Uniti. Fino al 1853, il Giappone aveva chiuso le porte al mondo esterno per più di due secoli. Proprio con la semplice pressione del paese nordamericano, il Giappone è stato costretto a firmare gli accordi commerciali.

Questa apertura commerciale ad ovest ha anche coinvolto uno shock culturale per i giapponesi. Mentre ciò causerebbe un arricchimento culturale tra entrambe le nazioni, ciò ha causato una reazione di difendere l’estetica, le tradizioni e le tecniche dell’arte giapponese.

è come nasce Nihonga Art. In breve, è l’arte che difende il dipinto della cultura giapponese. Una forza culturale che ha trasceso tutte le generazioni giapponesi e che oggi viene insegnata nelle principali scuole e accademie di quel paese.

Nihonga Attualmente non mantiene una tradizione scortese, dal momento che l’incorporazione di alcuni elementi dell’arte occidentale era progressivamente. Tuttavia, questi cambiamenti hanno aiutato a migliorare le opere di pittura tradizionale giapponese.

Ti piace l’illustrazione naturale? Questa è la tua occasione per specializzarsi e essere il numero 1!

Tecniche di pittura giapponese

La caratteristica principale del dipinto giapponese è la sua alta durata e persistenza del colore. Questo perché alcune delle tecniche di vernice giapponesi si basano sull’uso di minerali come i pigmenti dei dipinti e, in una proporzione minore, utilizzare pigmenti vegetali o animali.

La preparazione di questi prodotti naturali deve essere eseguita nello stesso momento in cui verrà effettuata il lavoro. Questa tecnica, caratteristica della pittura giapponese, rende le opere hanno una vita più lunga. Va notato che questi materiali dovrebbero essere gestiti con estrema cura in modo che non perdano la loro qualità.

D’altra parte, questa tecnica coinvolge anche la vera cura per la conservazione di ogni pittura giapponese. Poiché i cambiamenti di temperatura, umidità ed esposizione alla luce solare sono la causa principale del suo deterioramento.

Pertanto, le vernici devono essere arrotolate e conservate in scatole di legno per una buona conservazione. Quando sono esposti al pubblico, è fatto solo durante brevi periodi di tempo.

Stili di vernice giapponese

La vernice Giapponese gestisce Due stili molto marcati: Nihonga monocromatico e policromo Nihonga.

In entrambi i casi, in modo che la vernice giapponese ha aderito meglio a tela o supporto, i pittori giapponesi usano la colla Nikawa. Quando questo tipo di colla è riscaldato, si forma una sostanza gelatinosa. Quindi, una volta raffreddato, è solidificato e impregnato sul tessuto.

Monochromatic Nihonga

Questo stile Nihonga si basa sulla modulazione dei toni dell’inchiostro, cioè più scuro per l’accendino. Con questo è cercato di avere una varietà di sfumature su bianco. Inoltre, ci sono anche toni grigi e colore nero verdastro, che, a volte, è usato per rappresentare montagne, alberi o acqua.

Per questo stile di vernice giapponese, è usato sumi inchiostro, o comunemente chiamato inchiostro cinese. Per ottenere questo inchiostro, viene utilizzato il fuliggine e la colonna vertebrale animale o la pelle animale. Di solito, questo stile unico a colori è molto marcato in antico dipinto giapponese.

policromo nihonga

Il secondo stile della vernice giapponese ha una varietà di colori di diversi tipi di pigmenti ottenuti da ingredienti naturali come coralli, conchiglie e minerali come lapislazuli, malachite o cinabro . Il foglio oro o argento può anche essere incorporato nella vernice.

La maggior parte dei dipinti policromi mantengono temi di animali, piante, paesaggi e personaggi. Ti ricordi la famosa pittura giapponese “La Gran Ola”? Fa parte del pittura giapponese policromo.

In entrambi gli stili, il fenomeno culturale Japonismo ha influenzato Nihonga Art. Con questo alcuni problemi di prospettiva sono stati cambiati, ombreggiati E il naturalismo per la pittura giapponese, dandogli un aspetto più fedele alla realtà.

L'onda gigante giapponese
fonte: il paese

Japonism: l’influenza del dipinto giapponese nell’est

come già sai, quando il Giappone ha aperto le porte del mondo occidentale, c’era uno scontro di culture. All’interno di questo fenomeno, il dipinto giapponese ha influenzato fortemente nel principale europeo e artisti americani. Questo fenomeno è stato chiamato “japonismo”.

Uno degli impatti principali della vernice giapponese in Europa era l’uso di colori piatti e con un bordo denso e nero. Inoltre, l’assenza di ombre e i telai fuori centro generano un senso di movimento.

Allo stesso modo, il japonismo ha avuto un alto impatto sulle scene dei dipinti. Con l’arrivo di questo fenomeno, la vita quotidiana, le attività quotidiane e gli ambienti degli incontri sociali cominciarono a disegnare. La pittura giapponese ha avuto un’influenza rivoluzionaria in Europa dal momento che c’erano nel periodo realistico.

L’attuale della vernice giapponese è arrivata a van Gogh. Le sue illustrazioni più famose mantengono segrete un’ispirazione giapponese, ad esempio, la provocatoria gestione dei colori, fa parte del suo patrimonio artistico che ha lasciato il mondo intero.

van gogh japonism
Fonte: wikipedia

Rappresentanti principali della pittura giapponese

Di seguito selezioniamo 4 principali pittori giapponesi famosi che rappresentavano la pittura tradizionale giapponese.

Kiyohara Yukinobu

kiyohara era un artista giapponese che fin dall’infanzia è stato coinvolto nel mondo artistico. Durante la sua lunga pittura giapponese ha eseguito ciò che è considerato la pittura tradizionale giapponese.

In questo modo, ha eseguito dipinti a base di paesaggi, fiori e personalità buddisti. Più tardi, ha deciso di salvare personaggi femminili come Murasaki Shikibu, scrittore del primo libro moderno Genji Mongatari.

kiyohara yukinobu
Fonte: wikipedia

Jiro Takamatsu

Nato a Tokyo, nel 1936, divenne uno degli artisti più influenti degli anni ’60. Ha studiato presso l’Università Nazionale di Tokyo di Belle Arti e Musica. Di solito, si dedicò alla pittura ad olio, espandendo il suo repertorio degli stili di vernice giapponese fino all’anno della sua laurea (1956).

Durante la sua carriera fondata Hi-Red (1963-64), un centro collettivo radicale Di breve durata che ha avuto la partecipazione di altri famosi pittori giapponesi del suo tempo come: Akasegawa Genpei e Nakanishi Natsuyuki. In questo centro, sono state esposte opere satirici riferite ai cambiamenti del prodotto della società giapponese del prodotto postbellico.

jiro takamatsu
fonte: stepgen friedman gallery

toshi yoshida

yoshida era un artista che Apparteneva al movimento artistico Hega de Sōsaku. Una corrente che ha evidenziato promuovendo l’auto-espressione nella pittura giapponese.Toshi era un artista del paesaggio Shin Hangha ma cercato sempre di staccarsi dall’eredità artistica di suo padre.

Nel 1926, scelse di dipingere gli animali come uno dei suoi temi di base per differenziarsi da suo padre, che era uno specialista in paesaggi. Tuttavia, quattro anni dopo, nel 1930, Toshi ha iniziato a produrre paesaggio e dipinti incisa.

tōshi yoshida
Fonte: wikipedia

uemura shoen

uemura era un pittore giapponese che ha dedicato La tua vita per rendere illustrazioni Bijing-GA, cioè, dipinti dedicati a evidenziare e rappresentare l’ideale della bellezza giapponese, che, in generale, erano caratteri femminili.

Tuttavia, anni dopo ha cambiato il suo stile a Nihonga , uno stile artistico più tradizionale di pittura giapponese dove poteva evidenziare oggetti tradizionali dal Giappone e alle scene e ai passaggi nella storia del suo paese.

Usemura shoen
Fonte: wikipedia

Rappresentanti contemporanei di pittura giapponese

Mentre Nihonga si allontana dall’attuale pittura giapponese, vogliamo presentare alcuni moderni pittori giapponesi in modo da poter contrastare l’anticipo culturale del Giappone.

Tadanori Yokoo

La pittura giapponese contemporanea ha anche raggiunto quello pubblicato. E Tadanori lo ha mostrato, che è dedicato a realizzare lavori del genere pop-art che fanno parte di annunci commerciali come di prodotti bevande, film e scopre.

Tadanori Yokoo
Fonte: Pinterest

takashi murakami

Le opere di Takashi sono un’esplosione di odori e fantasia. Riuscì a collegare la sua passione per gli anime e il manga con il suo ruolo artistico. L’artista ha anche usato le sue opere come un modo di protestare con l’attuale modello del Giappone.

Secondo Takashi, il suo paese vive in un’effervescenza copiando il modello occidentale.

Takashi Murakami
Fonte: Arterama

La pittura giapponese non è solo colpita per essere autentica, anche perché apre le finestre per imparare molto diverso da ciò che si è abituato.

Hai il coraggio di eseguire un dipinto giapponese? Il modo più tradizionale per farlo è usare un colore nella stessa tavolozza di miscelazione. Questo perché nella pittura tradizionale giapponese i colori si sovrappongono a vicenda. Quindi, ha un aspetto molto più sofisticato e la variazione del colore è più sottile.

Come un’ultima raccomandazione, mescolare la vernice con una colla forte per creare lo strato di base. Quindi, gradualmente, utilizzare una colla più diluita con forma, trasferirsi nella vernice.

Imparare dal tradizionale pittura giapponese è molto interessante, vi invitiamo anche ad immergerti nell’arte contemporanea giapponese, come illustrazioni Kawaii. Inizia ad espandere le tue conoscenze!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *