Méndez (Duet): “Per rilevare, il” fitness “dovrebbe andare di pari passo; è il link di cui abbiamo bisogno”

anselmo méndez:

Anselmo Méndez è uno dei gestori più di viaggio del settore fitness. Dopo il diploma di educazione fisica e concesso in licenza per laureati in Business Administration e Gestione (ADE), ha deciso di unire le sue due aree di conoscenza fino alla fine del Grupo Duet. La strada è stata lunga. Prima, ha lavorato nel Ministero degli Interni ed è stato direttore commerciale per Spagna e Portogallo della Sportiva Catena Health & club, che è stato successivamente acquisito da Virgin Active.

After militare nei ranghi del benessere e del benessere del centro fitness e del Centro, Méndez ha assunto la Direzione Generale del Duet nel 2013, un momento di cambiamento e diversificazione con il lancio di Duet Fit, il marchio che ha permesso al Gruppo di vincere le dimensioni senza a seconda sulle concessioni amministrative. Ora, l’esecutivo aspira che il settore sia posizionato come attore collegato alla salute. “È fondamentale che esplodiamo quella parte per aumentare il tasso di penetrazione; con l’esercizio fisico non è sufficiente”, afferma.

Si dice che la Spagna, con una penetrazione di fitness intorno al 12%, è un mercato Interessante crescere dal margine di miglioramento e percorso che hai. Combina?

Io sono uno di quelli che credono che ci sia ancora un sacco di viaggio per vincere in penetrazione. La guerra non è nella distribuzione di questo 11 % tra quelli che siamo, ma per generare domanda. Deve essere generato che ci sono meno sedentari. I paesi più sviluppati hanno una maggiore penetrazione ed è vero che altri hanno una penetrazione più bassa. Secondo l’Europa attiva, in Spagna siamo stati bloccati Circa circa l’11%.

Negli ultimi anni sono sorti nuovi modelli, dal basso costo alle boutique. Come è il settore rispondendo in termini di clienti?

Penso che siano giocatori che generano la domanda, insieme al resto dei modelli e all’arrivo dei centri di prossimità YC Ontent. Per me, più offerta genera più richiesta, e questo provocherà questo l’11% di passare il 15% o anche il 20%.

anselmo méndez: “C’è un mercato da sfruttare con assicuratori e piattaforme B2B Vending Multicentro Accesso “

C’è un tetto di vetro?

C’è un margine di crescita. Dieci anni fa, in Portogallo c’era una penetrazione del 5% e ora è cresciuta grazie a questo Hanno anche fatto operatori informati come la capanna di fitness, Solinca, andare in forma e superano. Nel mercato del Luso c’è il 26% della popolazione di esercizio, e sebbene la penetrazione della palestra sia inferiore che in Spagna, c’è una percentuale più alta di quelle persone attiva che sono pagate. In Spagna, no, qui il tasso di attività fisica è cresciuto molto, fino al 41%, ma le persone non arrivano in entrambe la palestra.

Allora, cosa fai Pensa che devono fare le catene per attirare l’89% della popolazione che non viene pagata?

Devi essere rilevante, devi essere un punto di stato. I medici vanno da un lato e noi P O un altro, e penso che dovremmo andare dalla mano della guarigione. È una chiave che esplodiamo la parte della salute, perché la parte dell’esercizio non prende il peso che hai davvero. Devi sedurre il pubblico da altri modi, e la salute e la nutrizione sono la migliore opzione per combattere l’obesità, che è la pandemia di questo secolo. Il tridente del cibo, della formazione e del riposo influisce su un aumento della produttività e della discesa delle spese in salute. Il vero collegamento è quello di unirsi a tre linee: salute e salute, quella degli assicuratori, e quella delle palestre.

E in questo senso, quale ruolo dovrebbe giocare l’amministrazione in questa battaglia?

Il quadro pubblico dovrebbe essere consapevole. Ridurre l’IVA andrebbe bene, ma io sono uno di quelli che pensano che sarebbe molto più interessante dare vantaggi fiscali alle persone che rimangono sane e aziende che incoraggiano l’attività fisica tra i loro dipendenti. Gli assicuratori lo stanno già facendo: danno sconti per quelle persone che praticano sport, perché sanno che questa attività suggerirà un risparmio di cure mediche. Lì dobbiamo attaccare come settore, per convincere il pubblico che avrebbe indicato una palestra se fosse un’attività incentiva. Una misura avrebbe quindi un impatto diretto sulle persone, sulle catene di palestra, sul settore sanitario e per le aziende, che avrebbero ottenuto la produttività.

Hai la sensazione che le catene di palestre non abbiano aggiunte forze con altri settori?

C’è un’opportunità. Il nostro settore può essere polarizzato in diversi. Tutti noi facciamo cose diverse, o ci proviamo, ma all’interno del mercato tradizionale ci sono divisioni: piattaforme online, come la palestra e la palestra, che sono state riorientate verso i servizi B2B e le app B2C, che hanno iniziato a utilizzare gli assicuratori e offrire programmi Adhoc in modo che i tuoi clienti esercitivano e mangiano sani.Ma perché lo stai facendo online? Perché hanno un mercato globale, e non c’è una palestra che ha una presenza in tutta la Spagna per servire tutti i suoi clienti. Nel frattempo, nel settore del fitness stiamo facendo app focalizzate sui nostri clienti, ma non siamo finalizzati a un B2C per il resto del pubblico. E penso che ci sia un mercato da sviluppare. Il primo che lo fa bene, il gatto prenderà l’acqua.

anselmo méndez:

anselmo méndez, direttore generale del Gruppo Duet.

In un momento in cui un segmento pertinente della popolazione sportiva fuori dalla palestra, la tendenza va a servizio al di fuori delle quattro pareti dell’installazione?

è qualcosa che ha Sono stati fatti per anni, devi dare opzioni ai clienti per dare loro un servizio quando sono fuori per le vacanze, per esempio. L’esercizio esterno non è una minaccia, è un’opportunità. Per quanto riguarda le piattaforme di esercizio virtuale per la casa, penso che indossare l’esercizio a casa tua è molto buono, ma hai bisogno di qualcuno che ti danno consigli, spiegazione. Posso allenarmi a casa, ma non lo faccio perché è noioso. Il contatto umano è qualcosa di unico, è necessario che la socializzazione è necessaria, e questo non dà la tecnologia.

A proposito di digitalizzazione, connettività e grande abbronzatura sono due termini che hanno causato un’interruzione nell’industria fitness. Il settore è pronto ad affrontare questa sfida?

Penso che tecnologicamente parlando siamo da dietro, perché tradizionalmente i fornitori di attrezzature hanno avuto un’azienda legata a macchinari, ferro e non tecnologia. Infatti, la grande tecnologia delle macchine è che consente di connettersi a Internet e collegare wearables.

e sono pronti a interpretare e canalizzare tutta questa serie di informazioni per adattare le loro attività?

Il grosso problema è ora come usi i dati dei clienti. Inoltre, dobbiamo limitarlo a quelli che possiamo usare, perché non siamo centri sanitari e con la nuova legge sulla protezione dei dati devi stare attento. I dati possono essere gestiti dal cliente, non negli Stati Uniti come operatori.

Anselmo Méndez: “I municipi hanno imparato che quello che una volta era un servizio pubblico, ora può essere una fonte di reddito”

La tecnologia ha aiutato nella sfera di back office, giusto?

senza dubbio, ha fornito la nostra vita. Ora siamo dati ubriachi a tutti i livelli, dalla manutenzione fino alla somministrazione, passando attraverso il lavoro di marketing e operativo. La tecnologia ci consente di sapere quali macchine vengono utilizzate più e che le informazioni ci aiutano ad adeguare i nostri acquisti. Ora, di fronte al cliente, oltre la connettività e l’app mobile, non c’è tecnologia che facilita la vita. Non siamo il settore medico. Non siamo il settore medico o l’automotive, la tecnologia è ancora molto costosa e non possiamo assumerlo. Quando è accessibile a noi, non saremo più aggiornati. Siamo collegati con i clienti indossabili, ma non ti offriamo uno.

How Prevede che l’intelligenza artificiale arriverà al settore?

è il futuro, il Siri finirà per raggiungere le macchine. Arrivrai un momento in cui gli utenti sederanno sulle macchine e si agiranno come una sorta di assistente di fitness personale, ti chiederà come ti senti e riformula la routine di allenamento a seconda della tua risposta. Questo verrà, ma siamo lontani. Nel campo dell’intelligenza emotiva, oltre il chatbot, non abbiamo altro.

Per anni la maggior parte delle catene che più coltivati in Spagna hanno fatto attraverso le concessioni. Ora, sempre più vediamo come i concessionari aprono i propri centri. Sarà la tendenza abituale?

Penso che nei prossimi tre anni porteranno molti contratti e continueranno a lasciare le competizioni in concessione e fornitura di servizi. I municipio hanno imparato per gli ultimi trent’anni che, quello che in precedenza era un servizio pubblico, ora può essere una fonte di reddito e un modo per la professionalità del servizio supportando manager specializzati. Questo non si fermerà, è una linea di business interessante.

Ci sarà l’opportunità di crescere con il modello di concessione amministrativa?

L’opportunità continuerà ad essere, l’economia è Andare meglio e che genera la possibilità che i consigli comunici siano incoraggiati a costruire più attrezzature. Ma il ritmo non contrassegna gli operatori, i concorsi e le coscuazioni sono contrassegnati. Ciò rende le aziende con problemi di crescita devono affrontare altri modelli di business che consentono di espandere i centri privati. Ma non sarebbe sorprendente che alcuni operatori che non hanno esplorato il segmento di concessione fino ad ora, è incoraggiato ad entrare. Siamo entrati nel mercato di Sant Antoni (Barcellona) con una concessione. Devi arricciare il ricciolo, devi sculaccarti.Se hai già la struttura, puoi replicarlo. Gli operatori non sono così gelosi dei modelli.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *