Le borse di studio sono dimenticate dai ricercatori | Elmundo.es Health

(foto: pabloquejo)

(foto: Pablo Requejo)

Aggiornato giovedì 03/12/2009 18:15 (CET)
Stampa Invia notizia Diminuisce lettera Aumenta le lettere

cristina de martos

madrid.- Negli ultimi 15 anni, borse di studio delle donne da parte del National Institutes of Health of the Stati Uniti (NIH) hanno ricevuto 80 centesimi per ogni dollaro ottenuto dai loro colleghi maschi. Secondo un lavoro pubblicato in “Annals of Internal Medicine”, non solo la quantità di queste sovvenzioni è inferiore, ma anche la proporzione di recinzioni che li accedono.

Gli autori dell’articolo hanno osservato la traiettoria di 2.783 I ricercatori che erano stati assegnati tra il 1997 e il 2003 con una delle prestigiose borse di studio concesse da NIH a sostenere lo sviluppo di dottoratori particolarmente luminosi (K08 e K23). L’obiettivo era quello di scoprire quale di loro aveva agito in seguito ad un altro di queste sovvenzioni “, chiamato R01-, concesso dal governo federale e considerato una pietra miliare nella carriera di ogni scienziato.

Il primo divario sessuale appare nella concessione di K08 e K23. Dei 1.919 medici che hanno ottenuto il primo di loro, solo il 31% era una donna, una percentuale che è salita fino al 44% nel caso del secondo. Questi premi, che normalmente si estendono tra tre e cinque anni, intendono proteggere il tempo dei ricercatori e fornire loro un tutoring adeguato che li aiuterà a coltivare la loro carriera incipiente.

Dal momento che queste borse di studio “sono rivolte a queste borse di studio” I giovani più luminosi e promettenti e hanno dato l’importante investimento di risorse che la società fa per raggiungere il successo “, afferma gli autori, è” preoccupante “la bassa percentuale di loro che riceve il premio R01. Secondo i suoi risultati, cinque anni dopo aver ottenuto uno degli aiuti K, solo il 23% ha goduto di un R01. Dopo un decennio, quella percentuale non ha nemmeno raggiunto la metà (42,5%).

Ma, “ancora più preoccupante è la differenza significativa tra i sessi”, afferma il lavoro. Mentre il 25% degli uomini assegnato con un K08 o un K23 ha accesso a una borsa di studio R01 dopo cinque anni, solo il 19% delle donne lo ha raggiunto. A dieci anni, il divario era maggiore: 45,6% rispetto al 36,2%.

Il dilemma tra la vita personale e l’eccellenza scientifica

“La strada tra pratiche e occupazione continua ad avere più ostacoli Per le donne che per gli uomini “, afferma Amy C. Giustizia, professore di medicina interna a Yale University (USA), in un editoriale che accompagna lo studio. La principale fonte di difficoltà è, secondo l’autore, gli impegni personali (familiari, maternità, marito …).

Per quelli con desideri di dedicarsi alla ricerca allo stesso tempo certe responsabilità personali, sia Uomini e donne, la soluzione, suggerisce giustizia, è “costruire percorsi più flessibili” nella ricerca, che non li costringono a optare per altre pratiche cliniche o amministrazione.

Anche se per queste persone “ci sarà sempre Sii più ostacoli e costano più a lungo per raggiungere il successo, la tua esperienza e la tua maturità miglioreranno la qualità della tua scienza. Potrebbero essere i più appropriati per condurre squadre grandi e multidisciplinari verso le scoperte che risiedono all’incrocio delle discipline tradizionali “, aggiunge l’editore.

Ma ciò sarà possibile solo “se possono evitare il dilemma pratico tra il successo nella ricerca e responsabilità personali”, conclude.

    • Pass It > >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *