Lacandon, la Grande Jungle Mayan

Incredibile serbatoio genetico che Oxygena al pianeta, la giungla Lacandona è un gioiello di megadiversità: 625 specie di farfalle; 114 dei mammiferi, 345 di uccelli e 84 di rettili, oltre a 3.400 specie di piante, di cui 160 posti trovati in un unico ettaro e insieme rappresentano il 15% delle verdure che esistono in Messico, tra cui sporge, tra cui sporge raro, il fiore scismatico Lacandonia, solo tra 250.000 impianti descritti.

Quanto sopra, insieme ai servizi ecosistemici, mostra l’esuberanza della giungla Lacandon che funziona su un’area di 1,8 milioni di ettari situati a est dello stato dei Chiapas, nei comuni dei margaritas. Altamirano, Ocosomeo, Palenque, Tenejapa Marvel, Marchese di Comillas-Zamora Golden Peak e Benito Juárez.

Tra i 15 tipi di vegetazione che sviluppano prevalere alta giungla, ma c’è anche una foresta mesopofilata di montagna e foresta Con una densa vegetazione, tra gli altri che offrono ancora un’eccellente integrità funzionale e favoriscono il ruolo del corridoio biologico tra la riserva maya di Guatemala e la penisola dello Yucatan.

classificata oggi tra le 25 zone biologiche critiche del pianeta dopo 230 Mille anni di esistenza, la Lacandon Jungle è sede del maggior numero di specie di pipistrelli nel mondo, così come fauna rara, endemica, minacciata o in via di estinzione come il tapiro, il fiume lontra, il giaguaro, il Red Macaw, la scimmia ragno, scimmia urlatrice , arpy aquila, fiume coccodrillo e tartaruga bianca.

Usumacinta Bacino, imponente rete idrologica

Questa giungla riceve annualmente tra 2.000 e 5.000 mm Le precipitazioni e visualizza diverse sfumature altitudinali e vari tipi di vegetazione come le foreste di pini e, grazie alla sua posizione geografica, è una porta d’ingresso per numerosi gruppi di flora e fauna del centro e del Sud America che arricchiscono ulteriormente la diversità biologica.

La vegetazione eterna della Lacandon Jungle è una conseguenza delle grandi foglie perenne di oltre 65 metri di altezza in questa parte del territorio nazionale del clima caldo bagnato con temperature costanti della media 22 OC, e piogge per nove a 12 mesi all’anno , acqua che promuove la sua esuberanza e che, attraverso terreni, flussi che in convergono integrano la corrente più fluida in Messico: il fiume Usumacinta nato in Guatemala.

L’impressionante rete idrologica dell’Usumacinta si trova in uno di Le regioni con i più alti livelli di precipitazione della mesoamerica, caratterizzati da possedere un complesso sollievo e dalla formazione, in Chiapas, Lagos e Lagunas come Najá, Metzabok, Montebello, Lacanjá e Miramar, così come l’importante zona umida di Catazajá.

Questo bacino, la massima estensione e lo sviluppo idrologico, copre un’area totale di sette milioni di ettari, il 42% di che si trova in Messico (il resto in Guatemala) e costituisce un territorio continuo con le regioni di Calakmul e Sian Ka’an, attraverso le aree forestali dove gli stati di Campeche, Tabasco e Quintana Roo convergono (messo messo), e Con le giungle del Pét che collega entrambe le aree del Messico.

La Lacandona, un nome che deriva dal gruppo Maya dalla penisola dello Yucatan che si è stabilita sulle rive del Lago Miramar per installare il suo Centro Cerimoniale Lacan- Tun (Peñón, in lingua Mayan), si trova nel bacino del fiume Usumacinta e copre le aree naturali protette federali: monumenti naturali Bonampak e Yaxchilán; Rifugi della flora e della fauna selvatica Chan-kin, Metzabok e Nahá e Biosphere Biosphere Boxes e Lacan-Tuna.

Questo sistema ANP integra una rete di conservazione a cui un ANP è stato aggiunto, la riserva comunale Sierra de la Cojolta, e tutti sono inseriti nella regione tropicale del pianeta, dove la vita raggiunge la sua massima espressione e la megadiversità manifesta la sua più grande complessità.

Vast Ecosystem Services

Prodiga, la giungla di Lacandone Protegge dall’erosione quando si accumula la materia organica sul suolo ed evita sia la rete da traino del substrato che azolve in altri siti; genera acqua per il consumo umano, per l’irrigazione e per generare elettricità; fornitura di ossigeno e cattura di anidride carbonica, che mitiga il riscaldamento globale; Porta cibo e risorse medicinali come piante e animali, ed è una frazione di infinite specie di flora e fauna, funghi e microrganismi, tra gli altri.

Nel contesto dei cambiamenti climatici, la Jungle LaCandone è riconosciuta tra i più importanti lavandini di carbonio in Mesoamerica, per i quali si presentano opportunità di collegare la conservazione con lo sviluppo economico attraverso meccanismi di remunerazione come RedD + Redd, dato il potenziale Ha la cattura di carbonio e con l’attuale stoccaggio di importanti volumi di carbonio per ettaro.

L’impronta umana

Sfortunatamente, per quanto riguarda tutte le foreste bagnate del Messico, la Lacandon ha influito sul Presenza umana dall’arrivo degli spagnoli, da allora ha perso circa il 90% del suo territorio, nonostante i suoi preziosi servizi ambientali.

La parte inferiore dell’Usumacinta corrisponde al Messico, nella regione che riceve il Danni accumulati sulla rete idrologica dei processi di trasformazione che si verificano a monte, poiché la maggior parte della popolazione si basa sulla parte superiore del bacino in condizioni di enorme dis Persigi, circa 7 mila sedi, il 60% con un migliaio di abitanti in media.

Questa frammentazione rallenta lo sviluppo di servizi educativi, infrastrutture e sanitari di base, che aiutano a mantenere l’emarginazione, alla popolazione indigena pejolabal, Tzeltal, Chol e Maya-Lacandón, principalmente.

Negli ultimi decenni, il bacino è stato popolato per garantire la sovranità nazionale attraverso la colonizzazione diretta, ma anche dalla migrazione dall’esito del Guatemala dei conflitti interni di quella nazione, e da L’area dell’alta di Chiapas, verso il bacino centrale, dove si trova la Grande Mayan Selva.

L’azione umana ha portato la giungla Lacandona sul bordo del collasso. È quindi di vitale importanza riflettere sulla responsabilità del Coadyuvar con popolazioni indigene per salvare le zone perse di questo polmone verde, oltre ad aumentare gli sforzi per il conseguimento della resilienza in questa regione cruciale per il benessere umano e planetario.

/ cms / uploads / immagine / file / 395918 / pulsanti-rivista-15-3.png

Controlla il nostro digitale digitale Magazine

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *