La potente associazione nazionale del fucile statunitense esplode all’interno (e Trump è molto preoccupato)

“Torna ad essere grande – veloce”. Donald Trump ha twittato quando la Convenzione annuale della National Rifle Association la scorsa settimana, le armi statunitensi della lobby Pro ora sotto il punto di attrazioni per le presunte dimensioni finanziarie dei suoi leader. “Basta di combattimenti interni”, implorò il presidente degli Stati Uniti ai suoi alleati NRA, per il suo acronimo in inglese.

È logico che Trump sia preoccupato per le difficoltà di questa associazione di cinque milioni di membri. È preoccupato per la capacità del vecchio gruppo onnipotente di ripetere il sostegno dato a lui nel 2016 presidenziale e indietro, con decine di milioni di dollari, la sua candidatura nelle elezioni del 2020, secondo gli ex membri dell’NRA e degli analisti nella legislazione sulle armi .

I TUTTI sono arrivati alcuni giorni dopo il loro terzo discorso presso la Convenzione annuale dell’Associazione come presidente degli Stati Uniti, una frequenza senza precedenti per un presidente. Nei suoi messaggi, ha anche accusato l’indagine NRA recentemente aperta da Letitia James, New York Sottorney General, dopo aver ricevuto accuse di irregolarità finanziarie. Su Twitter, Trump ha accusato James e Andrew Cuomo, Governatore dello Stato di New York, a “utilizzare illegalmente il dispositivo legale dello stato per abbattere e distruggere questa importante organizzazione”.

L’NRA è stato due anni consecutivi registrando perdite per un totale di 64 milioni di dollari (oltre 57,2 milioni di euro). Tra i problemi affronta le accuse contro il suo direttore e contro il suo presidente per l’utilizzo di informazioni privilegiate per fare affari privati. Difensori dell’Associazione orientale che Trump vuole che l’NRA risolva i suoi combattimenti interni e concentrarsi sulle sfide giuridiche ed economiche, perché si fida di re-contando sul loro muscolo politico e finanziario per migliorare le loro possibilità di essere rieletto entro il 2020.

Secondo Saul Anuzis, un membro della vita del Partito Repubblicano della NRA e del Michigan, “avere il sostegno dell’NRA è stato molto importante per Trump e ora che la rielezione è la chiave per averlo come una copertura alleata tutti i fianchi “. “Sembra logico che il team del presidente e della campagna sia preoccupato per l’efficacia dell’NRA come alleato con questi combattimenti interni e queste minacce giuridiche da (l’avvocato generale di) New York”, dice.

John Aquilino, esportazione dell’organizzazione, coincide nella diagnosi dell’importanza chiave dell’NRA per la rielezione di Trump nel 2020, un supporto che le difficoltà attuali messe in discussione. “La verità è che l’NRA era chiaramente un aiuto nella scelta di Trump, probabilmente più della maggior parte delle persone crede”, dichiara.

Nel parere di Aquilino, “afferma in cui l’NRA ha più presenza sono indecise e Trump sa che, per vincere, il sostegno dell’NRA è più importante dell’affiliazione a un partito politico”. Trump’s Tuit, dice, è la cosa più vicina a “dire ai bambini di smettere di gettare il cibo a vicenda e indossare il lavoro”.

La presa lobby e l’operatore ben noti del partito repubblicano Charlie Black comprende anche la logica dei messaggi Trump. “Certo che ho dovuto incoraggiare i membri dell’NRA ad aderire ed essere efficace”, dice. “L’NRA era un partner chiave all’interno della coalizione di Trump nel 2016, e sono sicuro che ha loro loro di svolgere un ruolo fondamentale nella coalizione del 2020”, dice.

Possibilità politiche di Trump per il 2020 dipenderanno, in parte, che l’NRA ripeterà il sostegno che e offerto nel 2016 alla sua candidatura audace, quando il gruppo di pressione ha trascorso più di 30 milioni di dollari in pubblicità positiva per Trump e mobilitato i suoi sostenitori negli stati chiave del Midwest, dove hanno un forte movimento di base. È così che l’organizzazione ha aiutato la vittoria di Trump, che ha vinto la Presidenza nonostante la perdita di voto popolare per 3 milioni di voti.

Nella relazione inviata alla Commissione federale elettorale (FEC), l’NRA ha dichiarato una spesa ufficiale di 54,4 milioni di dollari (48,6 milioni di euro) per elezioni 2016. Tuttavia, nel 2018 due persone dell’NRA con collegamenti Nel consiglio di amministrazione rivelano l’agenzia di notizie McClatch che la spesa totale dell’NRA per il 2016 era stata di almeno 70 milioni di dollari (62,5 milioni di euro). In tale figura include la spesa sulle operazioni sul campo per mobilitare gli elettori e il costo degli annunci internet, due concetti su cui FEC non richiede informazioni.

Secondo gli esperti in Armamento e NRA, non è chiaro che l’Associazione può riprendersi dalla crisi attuale in tempo per stellare su spese generose ed efficienti nel 2020.Robert Spitzer, professore di scienze politiche presso la State University di New York, spiega che “in modo che l’NRA sia un agente decisivo nella politica nazionale dei bisogni della politica nella campagna elettorale”. Qualcosa che Spitzer ritiene “tenendo conto delle loro finanze e problemi legali, il che significa che l’agenda e gli obiettivi dell’NRA non occuperà un posto importante nelle prossime elezioni.” A differenza di quello che è accaduto nel 2016, l’NRA “non avrà denaro o risorse per essere una presenza pertinente nel 2020”, prevede l’autore di cinque libri relativi alle armi.

Forse l’NRA non lo ha complicato come analisi di Spitzer, ma se le basse spese e i cattivi risultati delle elezioni legislative a medio termine servono ad esempio, è molto possibile che il gruppo di pressione abbia colpito il ruolo Aveva nel 2016. Nel 2018, quando i Democratici hanno recuperato la maggioranza nella Camera dei rappresentanti, l’NRA ha trascorso un terzo di ciò che aveva investito nei legislativi del 2014: scarsi 9,4 milioni di dollari (chiuso di 8,4 milioni di euro). Per la prima volta, i gruppi di controllo degli arms hanno superato la sua.

Parte della caduta registrata nel corso del 2018 ha a che fare con le grandi perdite finanziarie delle armi PRO della Lobby Pro, che tra il 2016 e il 2017 ammontavano a 64 milioni di dollari (oltre 57,2 milioni di euro). L’NRA non ha risposto al Guardian sull’effetto che i suoi problemi legali e finanziari potrebbero avere a spese nella campagna del 2020.

I numeri rossi e i cattivi risultati delle elezioni del 2018 sono stati gli argomenti di sfondo del fondo Battaglie interne aerate durante la recente convenzione. Il presidente dell’NRA e il tenente colonnello ritirano Ollie North (noto per il suo ruolo durante lo scandalo Iran – contro gli anni ottanta), ha accusato Wayne Lapierre, direttore dell’Associazione, che ha ricevuto critiche interne per più milioni di dollari anno (446.600 euro).

Nord è stato cancellato dalla riunione e non solo dal contratto milionario che ha fatto firmato con il canale televisivo del gruppo di pressione, NRATV. Lapierre ha accusato a nord di aver provato a ricattare che, se non abbandona la sua posizione, presenterà un “rapporto devastante” sulla situazione finanziaria dell’associazione.

il sangue è stato mitigato mentre si stava avvicinando la fine della convenzione. Lapierre è riuscita a rovesciare a nord, che ha assicurato che non cerchi la rielezione per il secondo anno tradizionale come presidente dell’NRA, e è sopravvissuto alla decisione di alcuni membri di rimuoverlo dalla gestione. In una riunione della porta chiusa, il Consiglio di Amministrazione ha rieletto il lapiere come manager.

L’Agenzia pubblicitaria dell’NRA, nel punto di vista

Ma secondo il parere degli analisti e delle persone dall’interno dell’NRA, i problemi finanziari e legali continueranno a influenzare il Gruppo per un po ‘. Il mese scorso, l’NRA ha presentato una causa contro Ackerman McQueen, la sua storica agenzia pubblicitaria. Nel 2017, la società ha ricevuto da NRA 40 milioni di dollari (35,7 milioni di euro) lanciando pochi anni fa dal canale NRATV. Presentato in Virginia, la domanda ha a che fare con la pressione di diverse partner e agenzie di controllo, che considerava un prezzo esorbitante.

Con sede a Oklahoma, Ackerman ha prestato conto dei suoi servizi all’NRA da oltre trent’anni. L’Agenzia è uno dei suoi principali fornitori e il suo lavoro è stato fondamentale nell’immagine del gruppo di pressione. Un gran numero di documenti viene ora analizzato per determinare se l’Agenzia ha esaurito l’NRA o stava sprecando denaro. “Se la domanda di Ackerman scuoterà le acque all’interno dell’NRA per un buon momento”, ha detto una fonte del partito repubblicano relativo all’Associazione Pro Aires.

Secondo un vecchio membro dell’organizzazione con collegamenti del Consiglio di Amministrazione, il “NRA è ora in grave pericolo” da numeri rossi ea ricerca aperta dall’ufficio del procuratore di New York.

L’organizzazione potrebbe ricevere un colpo fatale se James determina che c’erano una truffa finanziaria. L’ufficio generale del procuratore di New York sorveglia le organizzazioni senza scopo di lucro. Poiché l’NRA è stata fondata nel 1871 a New York e mantiene la sua sede lì, il procuratore ha autorità per forzare una soluzione o un rimborso dei fondi ottenuti in modo irregolare.

L’Avvocato NRA, Bil Bil Birwer, ha dichiarato che collaborerebbero con James e il comitato finanziario del Senato (con giurisdizione sugli agenzie senza tributari), dove tre democratici hanno chiesto documenti per un’indagine simile, secondo Al quotidiano il Washington Post.

Secondo Aquilino, i crescenti problemi del Gruppo devono vedere, in parte, con gli alti stipendi di Lapierre e altre accuse elevate, nonché le tariffe di Ackerman. “L’NRA è diventata una parte più parte della Washington Swamp, dove le persone si prendono cura di se stesso e dei loro amici, invece di prendersi cura della Costituzione”, riconosce. “Il simbolo del dollaro ha sostituito la Costituzione come emblema degli alti accuse della NRA,” frase.

L’NRA deve agire “veloce”, Trump ha turato. I commenti dei confini di Aquilino, insieme ai problemi legali e finanziari dell’NRA aiutano a capire perché.

“Diventa grande – veloce”. Donald Trump ha twittato quando la Convenzione annuale della National Rifle Association la scorsa settimana, le armi statunitensi della lobby Pro ora sotto il punto di attrazioni per le presunte dimensioni finanziarie dei suoi leader. “Basta di combattimenti interni”, implorò il presidente degli Stati Uniti ai suoi alleati NRA, per il suo acronimo in inglese.

È logico che Trump sia preoccupato per le difficoltà di questa associazione di cinque milioni di membri. È preoccupato per la capacità del vecchio gruppo onnipotente di ripetere il sostegno dato a lui nel 2016 presidenziale e indietro, con decine di milioni di dollari, la sua candidatura nelle elezioni del 2020, secondo gli ex membri dell’NRA e degli analisti nella legislazione sulle armi .

I TUTTI sono arrivati alcuni giorni dopo il loro terzo discorso presso la Convenzione annuale dell’Associazione come presidente degli Stati Uniti, una frequenza senza precedenti per un presidente. Nei suoi messaggi, ha anche accusato l’indagine NRA recentemente aperta da Letitia James, New York Sottorney General, dopo aver ricevuto accuse di irregolarità finanziarie. Su Twitter, Trump ha accusato James e Andrew Cuomo, Governatore dello Stato di New York, a “utilizzare illegalmente il dispositivo legale dello stato per abbattere e distruggere questa importante organizzazione”.

L’NRA è stato due anni consecutivi registrando perdite per un totale di 64 milioni di dollari (oltre 57,2 milioni di euro). Tra i problemi affronta le accuse contro il suo direttore e contro il suo presidente per l’utilizzo di informazioni privilegiate per fare affari privati. Difensori dell’Associazione orientale che Trump vuole che l’NRA risolva i suoi combattimenti interni e concentrarsi sulle sfide giuridiche ed economiche, perché si fida di re-contando sul loro muscolo politico e finanziario per migliorare le loro possibilità di essere rieletto entro il 2020.

Secondo Saul Anuzis, un membro della vita del Partito Repubblicano della NRA e del Michigan, “avere il sostegno dell’NRA è stato molto importante per Trump e ora che la rielezione è la chiave per averlo come una copertura alleata tutti i fianchi “. “Sembra logico che il team del presidente e della campagna sia preoccupato per l’efficacia dell’NRA come alleato con questi combattimenti interni e queste minacce giuridiche da (l’avvocato generale di) New York”, dice.

John Aquilino, esportazione dell’organizzazione, coincide nella diagnosi dell’importanza chiave dell’NRA per la rielezione di Trump nel 2020, un supporto che le difficoltà attuali messe in discussione. “La verità è che l’NRA era chiaramente un aiuto nella scelta di Trump, probabilmente più della maggior parte delle persone crede”, dichiara.

Nel parere di Aquilino, “afferma in cui l’NRA ha più presenza sono indecise e Trump sa che, per vincere, il sostegno dell’NRA è più importante dell’affiliazione a un partito politico”. Trump’s Tuit, dice, è la cosa più vicina a “dire ai bambini di smettere di gettare il cibo a vicenda e indossare il lavoro”.

La presa lobby e l’operatore ben noti del partito repubblicano Charlie Black comprende anche la logica dei messaggi Trump. “Certo che ho dovuto incoraggiare i membri dell’NRA ad aderire ed essere efficace”, dice. “L’NRA era un partner chiave all’interno della coalizione di Trump nel 2016, e sono sicuro che ha loro loro di svolgere un ruolo fondamentale nella coalizione del 2020”, dice.

Possibilità politiche di Trump per il 2020 dipenderanno, in parte, che l’NRA ripeterà il sostegno che e offerto nel 2016 alla sua candidatura audace, quando il gruppo di pressione ha trascorso più di 30 milioni di dollari in pubblicità positiva per Trump e mobilitato i suoi sostenitori negli stati chiave del Midwest, dove hanno un forte movimento di base. È così che l’organizzazione ha aiutato la vittoria di Trump, che ha vinto la Presidenza nonostante la perdita di voto popolare per 3 milioni di voti.

Nella relazione inviata alla commissione federale elettorale (FEC), l’NRA ha dichiarato una spesa ufficiale di 54,4 milioni di dollari (48,6 milioni di euro) per le elezioni del 2016.Tuttavia, nel 2018 due persone dell’NRA con collegamenti nel Consiglio di Amministrazione hanno rivelato alla McClatch News Agency che la spesa totale dell’NRA per il 2016 era stata, almeno, 70 milioni di dollari (62,5 milioni di euro). In tale figura include la spesa sulle operazioni sul campo per mobilitare gli elettori e il costo degli annunci internet, due concetti su cui FEC non richiede informazioni.

Secondo gli esperti in Armamento e NRA, non è chiaro che l’Associazione possa riprendersi dalla crisi attuale in tempo per starpare una pari spesa di generoso ed efficiente nel 2020. Robert Spitzer, professore di scienze politiche in La Stato Università di New York, spiega che “per NRA è un agente decisivo nella politica nazionale dei bisogni della politica nella campagna elettorale”. Qualcosa che Spitzer ritiene “tenendo conto delle loro finanze e problemi legali, il che significa che l’agenda e gli obiettivi dell’NRA non occuperà un posto importante nelle prossime elezioni.” A differenza di quello che è accaduto nel 2016, l’NRA “non avrà denaro o risorse per essere una presenza pertinente nel 2020”, prevede l’autore di cinque libri relativi alle armi.

Forse l’NRA non lo ha complicato come analisi di Spitzer, ma se le basse spese e i cattivi risultati delle elezioni legislative a medio termine servono ad esempio, è molto possibile che il gruppo di pressione abbia colpito il ruolo Aveva nel 2016. Nel 2018, quando i Democratici hanno recuperato la maggioranza nella Camera dei rappresentanti, l’NRA ha trascorso un terzo di ciò che aveva investito nei legislativi del 2014: scarsi 9,4 milioni di dollari (chiuso di 8,4 milioni di euro). Per la prima volta, i gruppi di controllo degli arms hanno superato la sua.

Parte della caduta registrata nel corso del 2018 ha a che fare con le grandi perdite finanziarie delle armi PRO della Lobby Pro, che tra il 2016 e il 2017 ammontavano a 64 milioni di dollari (oltre 57,2 milioni di euro). L’NRA non ha risposto al Guardian sull’effetto che i suoi problemi legali e finanziari potrebbero avere a spese nella campagna del 2020.

I numeri rossi e i cattivi risultati delle elezioni del 2018 sono stati gli argomenti di sfondo del fondo Battaglie interne aerate durante la recente convenzione. Il presidente dell’NRA e il tenente colonnello ritirano Ollie North (noto per il suo ruolo durante lo scandalo Iran – contro gli anni ottanta), ha accusato Wayne Lapierre, direttore dell’Associazione, che ha ricevuto critiche interne per più milioni di dollari anno (446.600 euro).

Nord è stato cancellato dalla riunione e non solo dal contratto milionario che ha fatto firmato con il canale televisivo del gruppo di pressione, NRATV. Lapierre ha accusato a nord di aver provato a ricattare che, se non abbandona la sua posizione, presenterà un “rapporto devastante” sulla situazione finanziaria dell’associazione.

il sangue è stato mitigato mentre si stava avvicinando la fine della convenzione. Lapierre è riuscita a rovesciare a nord, che ha assicurato che non cerchi la rielezione per il secondo anno tradizionale come presidente dell’NRA, e è sopravvissuto alla decisione di alcuni membri di rimuoverlo dalla gestione. In una riunione della porta chiusa, il Consiglio di Amministrazione ha rieletto il lapiere come manager.

L’Agenzia pubblicitaria dell’NRA, nel punto di vista

Ma secondo il parere degli analisti e delle persone dall’interno dell’NRA, i problemi finanziari e legali continueranno a influenzare il Gruppo per un po ‘. Il mese scorso, l’NRA ha presentato una causa contro Ackerman McQueen, la sua storica agenzia pubblicitaria. Nel 2017, la società ha ricevuto da NRA 40 milioni di dollari (35,7 milioni di euro) lanciando pochi anni fa dal canale NRATV. Presentato in Virginia, la domanda ha a che fare con la pressione di diverse partner e agenzie di controllo, che considerava un prezzo esorbitante.

Con sede a Oklahoma, Ackerman ha prestato conto dei suoi servizi all’NRA da oltre trent’anni. L’Agenzia è uno dei suoi principali fornitori e il suo lavoro è stato fondamentale nell’immagine del gruppo di pressione. Un gran numero di documenti viene ora analizzato per determinare se l’Agenzia ha esaurito l’NRA o stava sprecando denaro. “Se la domanda di Ackerman scuoterà le acque all’interno dell’NRA per un buon momento”, ha detto una fonte del partito repubblicano relativo all’Associazione Pro Aires.

Secondo un vecchio membro dell’organizzazione con collegamenti del Consiglio di Amministrazione, il “NRA è ora in grave pericolo” da numeri rossi ea ricerca aperta dall’ufficio del procuratore di New York.

L’organizzazione potrebbe ricevere un colpo fatale se James determina che c’erano una truffa finanziaria.L’ufficio generale del procuratore di New York sorveglia le organizzazioni senza scopo di lucro. Poiché l’NRA è stata fondata nel 1871 a New York e mantiene la sua sede lì, il procuratore ha autorità per forzare una soluzione o un rimborso dei fondi ottenuti in modo irregolare.

L’Avvocato NRA, Bil Bil Birwer, ha dichiarato che collaborerebbero con James e il comitato finanziario del Senato (con giurisdizione sugli agenzie senza tributari), dove tre democratici hanno chiesto documenti per un’indagine simile, secondo Al quotidiano il Washington Post.

Secondo Aquilino, i crescenti problemi del Gruppo devono vedere, in parte, con gli alti stipendi di Lapierre e altre accuse elevate, nonché le tariffe di Ackerman. “L’NRA è diventata una parte più parte della Washington Swamp, dove le persone si prendono cura di se stesso e dei loro amici, invece di prendersi cura della Costituzione”, riconosce. “Il simbolo del dollaro ha sostituito la Costituzione come emblema degli alti accuse della NRA,” frase.

L’NRA deve agire “veloce”, Trump ha turato. I commenti dei confini di Aquilino, insieme ai problemi legali e finanziari dell’NRA aiutano a capire perché.

“Diventa grande – veloce”. Donald Trump ha twittato quando la Convenzione annuale della National Rifle Association la scorsa settimana, le armi statunitensi della lobby Pro ora sotto il punto di attrazioni per le presunte dimensioni finanziarie dei suoi leader. “Basta di combattimenti interni”, implorò il presidente degli Stati Uniti ai suoi alleati NRA, per il suo acronimo in inglese.

È logico che Trump sia preoccupato per le difficoltà di questa associazione di cinque milioni di membri. È preoccupato per la capacità del vecchio gruppo onnipotente di ripetere il sostegno dato a lui nel 2016 presidenziale e indietro, con decine di milioni di dollari, la sua candidatura nelle elezioni del 2020, secondo gli ex membri dell’NRA e degli analisti nella legislazione sulle armi .

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *