L’81% dei lavoratori del mondo è influenzato da chiusure totali o parziali del loro posto di lavoro, secondo l’ILO

tempo di lettura 3 min.

L’Organizzazione internazionale del lavoro (ILO) denuncia che il Coronavirus ha “un effetto catastrofico” nel mondo del lavoro ed è “la peggior crisi dalla seconda guerra mondiale”. La pandemia ha causato quattro dipendenti per cinque dipendenti (81%) soffre di chiusure parziali o totali dal proprio posto di lavoro.

In tutto il mondo, l’Agenzia con sede a Ginevra prevede che il 6, il 7% degli orari di lavoro nel Secondo trimestre, equivalente a 195 milioni di lavoratori a tempo pieno per un totale di 3.300 milioni, secondo la seconda edizione dell’Osservatorio dell’ORILO: il Covid-19 e il mondo del lavoro.

” I lavoratori e le aziende affrontano un disastro “

Il suo direttore generale, Guy Ryder, mirano che” lavoratori e aziende affrontare una catastrofe, sia nelle economie sviluppate che in cui sono in sviluppo “e sollecita” rapidamente, decisione e coordinamento “.

” Le misure corrette e urgenti potrebbero fare la differenza tra la sopravvivenza e il collasso ” Aggiunge Ryder poiché gli effetti sono peggiori di quelli della crisi finanziaria. 2008. L’ILO è molto probabile che le sue previsioni iniziali di 25 milioni di disoccupati saranno “significativamente più elevate” se non vengono prese misure politiche accurate.

da aree geografiche, in Europa perderanno 12 milioni a tempo pieno lavori e negli Stati arabi 5 milioni. Figure che Pale davanti ai 125 milioni di posti di lavoro distrutti in Asia e nel Pacifico. L’incidenza del COVID-19 sarà superiore nei paesi con redditi medi elevati in cui verranno eliminati 100 milioni di posti di lavoro da marzo.

1.250 milioni di lavoratori vulnerabili

I settori che La maggior parte dei loro soffriranno la crisi sanitaria sono l’ospitalità, il restauro, l’industria manifatturiera, il commercio al dettaglio e le attività commerciali e amministrative.

Secondo questo studio, 1.250 milioni di persone sono impiegate in questi settori con un lavoro scarsamente pagato, di BASSA VALUTAZIONE E UN ALTO RISCHIO DI FARE APPARTAMENTO E ANTERIORE ANTERIORE E ORE LAVORATE. In tutto l’America, rappresentano il 43% della forza lavoro, una percentuale che scende al 26% in Africa.

Il continente nero ha livelli di lavoro informali più elevati, che insieme alla mancanza di protezione sociale, la grande densità della popolazione e della capacità di risposta debole solleva i governi “gravi sfide sanitarie ed economiche”. In tutto il mondo, 2.000 milioni di persone lavorano nell’economia sommersa ed eseguono un rischio speciale durante la pandemia.

<89eddea562"> <89eddea562 ">

“soluzioni che aiutano tutti i segmenti della nostra società globale”

ryder sottolinea che “questo è il test più alto per la cooperazione internazionale in più di 75 anni “e che se un paese fallisce ·” Tutto ciò che falliamo “, quindi chiediamo” cerca soluzioni che aiutano tutti i segmenti della nostra società globale, in particolare i più vulnerabili e coloro che hanno possibilità inferiori a fendere per se stessi. “

ricorda ai governi che decidi Ioni che assumono influenzano la vita di “miliardi di persone” e che con le misure corrette possono essere limitate “il loro impatto, le ferite che lascerà”. Infine, si conclude con l’obiettivo di “ricostruire meglio in modo che i nostri nuovi sistemi siano più sicuri, più giusti e più sostenibili di quelli che hanno permesso a questa crisi di accadere”.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *