Kurt Cobain e la sua infanzia: “The Damn Suicide Gen” – Nazione rock

Forse uno degli aspetti più enigmatici e misteriosi della vita è il comportamento del comportamento del Essere umano e i suoi cambiamenti, a volte drastici e altri tempi metodicamente lenti, ma con un macchinario infallibile, così che da un modo o nell’altro – come una verdura, quasi senza rendersi conto – soffriamo di cambiamenti completi e determinanti, a volte in eventi che segnano per sempre a lungo Vite paralleli e, poiché questo caso è, a una generazione completa.

Il caso di Kurt Cobain sarà sempre curioso, da bambino, traboccante innocenza, anche se lo era Non nato con una culla d’oro precisamente (suo padre ha lavorato in una stazione di servizio, e poi è stato reclutato dalle industrie di registrazione di Aberdeen a Washington), non ha preso il caso in cui da bambino aveva sofferto carenze, fame o qualcosa per il Stile che segnerà una storia immediata della sofferenza congenita. Abbastanza al contrario, Kurt come bambino era l’anima di casa, irrequieta, persino iperattiva, adorabile e con quel sorriso e gli occhi azzurri degni di un principe che illuminava il petto di famiglia dove è cresciuto. Anche al liceo i suoi colleghi i suoi colleghi lo hanno mai attraversato da un bambino con sintomi antisociali o ostracismo, era un ragazzo silenzioso, sì, ma era partecipativo, joker e molto vicino al suo gruppo di amici.

Il grande colpo di cambiamenti radicali che cadde da Remojo nella personalità del bambino di Cobain senza dubbio che era la separazione dei suoi genitori, che derivava che finalmente doveva vivere con suo padre Donald e il suo Jenny Sposa e quindi decantare una convivenza familiare che ha causato una delle peggiori paure di Kurt: dover condividere affetto con i suoi due stenditori, Mindy e James, e ancora di più, quando quell’affetto era quasi arbitrario a favore dei bambini di Jenny, con un Donald che Temeva di perdere così tanto al suo partner che in più di una possibilità ha incline all’equilibrio verso i suoi gradini piuttosto che prima del suo figlio. Sua nonno Leland denuncia questi piccoli abusuti in più di una possibilità: “Sì, avendo frutta al tavolo Mindy o James si alzò per prendere una mela, non è successo niente, ma d’altra parte, se Kurt potesse pensare a qualcosa del genere Io urlo nel cielo. “

Kurt durante la tua infanzia e l’adolescenza stava scoprendo realtà che volava la testa e inseriva un dannato capriccio tra i tuoi templi, quello che ha chiamato” Il gene suicidal “. Il suo bisnonno morì in strane circostanze scaricando un’arma nell’esercito, suo zio nonno Burle era salito alle stelle con un calibro 38 nello stomaco ea testa, accusando di essere vittimizzato da presunti abusi sessuali, il suo altro nonno nonno Ernest morì di emorragia cerebrale a I suoi seri problemi dell’alcolismo a 57 anni (essendo avvertito che se ha seguito quel sentiero sarebbe finito) e non molto più tardi il suo altro zio nonno-nonno Kenneth non ha sopportato la morte di sua moglie e bloccato sulla sua fronte con un calibro di revolver 22.

al tuo “tenero” 14 e Cobain è stato spedito frasi con i tuoi amici come “Sarò una grande stella musicale, suicidarò e mi vedrò circondato di un alone di gloria. ” Ha anche “scherzato” innocentemente di morire come Hendrix, “Supofit è ricco e famoso come Jimi,” nemmeno sapendo la vera ragione della morte del chitarrista in quegli anni di infanzia.

dodici anni dopo, la frase amara del nostro idolo è soddisfatta, ma prima di lasciare un sentiero indimenticabile che continuiamo il giorno prezioso giorno dopo giorno.

di Patricio Avendaño R.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *