Job 3 studio biblica: 13-26

lavoro 3: 13-26

Continuiamo il nostro studio nel capitolo 3 del libro del lavoro. E nella continuazione di questo studio, dobbiamo dire che questo lavoro uomo era stato usato, diciamo, come caso di prova. Satana aveva sfidato Dio, e gli disse che aveva messo un recinto attorno a lavorare e che gli aveva dato tutto ciò che può essere avuto in questa vita. Ma se Dio ha portato via tutti i suoi possedimenti, il lavoro stava per maledirlo. Satana disprezza la reputazione dell’umanità e della blasfemante contro Dio. Le creature di Dio in paradiso devono essere state notevolmente sorprese e arrossimate come vergogna vedere che Satana, una creatura creata da Dio stesso, e che era caduto nel peccato, in quel momento stava calmando il Dio onnipotente.

Dio ha permesso a Satana di attaccare il lavoro e così cominciò ad agire nella vita di questo uomo. Abbiamo visto che ci è voluto una cosa dopo l’altra per cercare di romperla. E dovremmo forse mettere in pausa qui, prima di continuare con i dialoghi del capitolo 3, dove stavamo ascoltando le espressioni di lamello e disperazione del lavoro, e studiano un po ‘più lo sfondo di questa situazione.

L’interessante cosa nei nostri giorni, tu ed io, l’ascoltatore stimato, appartene a una gara perduta. È molto difficile pensare che tu e io vivi tra molti bugiardi, assassini e ladri. Ora, qualcuno potrebbe dire: “Beh, non sono come loro.” Ascoltatore di amici, purtroppo abbiamo la stessa natura umana viziata dal peccato e dal male. Apparteniamo a questo tipo di razza. E questo è il motivo per cui Dio non può portarci in paradiso come lo siamo. Dopotutto, se Dio ha preso il mondo in paradiso nelle stesse condizioni del fatto che oggi, allora, non avremmo nulla di diverso lì, ma di nuovo lo stesso anno come sempre. Ora, non sappiamo come pensi, ma non abbiamo trovato alcun motivo per duplicare. E Dio a quanto pare, anche lui non trova una ragione per farlo. Quindi, non ci sta portando in paradiso nella condizione che abbiamo trovato. Questo è il motivo per cui il Signore Gesù Cristo, come abbiamo visto in Giovanni 3: 7, ha dovuto raccontare un raffinato culto religioso farise: “Devi rinascere.” E se questo è di qualche consolazione per nessuno di quelli che ci ascoltano in questa occasione, siamo tutti nella stessa situazione. Parliamo di un normale comportamento nei nostri giorni. Alcuni professionisti hanno citato quel tipo di comportamento. E come arrivano a definire il comportamento normale? Quello che fanno è tracciare un’immagine comparativa per cercare dove si trovano la maggior parte delle persone; E quelle persone saranno attribuite ciò che si chiama “normale”. Ad un’estremità del dipinto, cioè nella parte inferiore, la persona “anormale” è considerata. E all’altra estremità allora, abbiamo, al “soprannale”. A quei due estremi ci sono pochissime persone. Ma come è noto che il gran numero di mezza terra è normale? Non crediamo che questo sia, e Dio ha detto che siamo tutti nel peccato oggi.

Questa creatura chiamata uomo è fragile, è debole e ha molti difetti. È molto facile rendere il saldo perdere qualsiasi persona. Può succedere a nessuno di noi. Dio ha posto intorno all’uomo alcuni supporti che lo aiutano a rimanere in piedi e bene eretti. Il Libro degli Ecclesiaste, nel Capitolo 7, il verso 29, lo esprime come segue: Ecco, solo questo ha trovato: che Dio ha reso l’uomo dritto, ma ha cercato molte perversione. Dio ha rivestito uomo con un’armatura protettiva e di sicurezza. Dio ha dato a tutti gli uomini alcuni aiuti; Se sono uomini buoni o cattivi. Fa sì che la pioggia cada i giusti e ingiusto. Il perverso riceve così tanto il sole e tanto aria per respirare, e la sua salute è buona come quelle di coloro che sono dritte e appartengono a Gesù Cristo il giorno oggi. Ora, il diavolo sa che se può avvicinarsi a un uomo, rimuovere il suo sostegno, rimuovere tutta la vestigia dell’aiuto che può avere, portando via le sue misure di sicurezza, può turbarlo, displessarlo, trasformare la sua vita nel caos, può distruggere la sua morale , Cambia il tuo modo di pensare, fai una lavanderia del cervello, ad esempio. Pertanto, Dio ha posto intorno all’uomo, come recinto di protezione per tenere via il diavolo. Ora, a volte, figurativamente parlando, Satana è permesso di abbattere la porta, e può spogliare una persona a lasciare la sua anima nuda. E Dio ha permesso a Satana di fare quel lavaggio del cervello lavoro nella persona di lavoro.

Il libro di lavoro ci presenta questo problema; Ci mostra la nudità dell’anima dell’essere umano. Non ci dà la soluzione, anche se le risposte sono suggerite. Dobbiamo andare al Nuovo Testamento, per trovare la risposta vera. Qui abbiamo solo suggerimenti.È come uno di quei libri algebra che sono studiati all’istituto o all’università. I problemi sono presentati nella prima parte del libro e le risposte sono nella seconda parte. Bene, la Bibbia è qualcosa di simile: hai il problema qui nell’Antico Testamento, ma devi andare al Nuovo Testamento per trovare la risposta.

Ora, in molti modi, il vecchio testamento è un vecchio Prenota insoddisfacente. Come qualcuno ha detto: “L’Antico Testamento è aspettativa; il Nuovo Testamento è realizzato.”

Nei capitoli 1 e 2, abbiamo visto il diavolo che attacca il lavoro. Ha spogliato il lavoro di qualsiasi vestigia di copertura, protettiva. Dobbiamo ricordare questo aspetto perché crediamo che ci aiuteremo a capire i termini del dialogo che il lavoro avrebbe avuto con i suoi amici.

1. Satana smaltisco dei suoi beni materiali. Uno dei bisogni fondamentali dell’essere umano sono quei beni materiali. Quando è nato un animale, è già rivestito con una pelle. Quando tu e io venissi al mondo, quando eravamo piccoli, i nostri genitori dovevano fornirci qualcosa per coprirci. E più tardi, quando siamo cresciuti, abbiamo dovuto procurarci i nostri vestiti, così come il cibo, il vestito e la casa di cui abbiamo bisogno. L’animale può sopravvivere al tempo, l’uomo non può farlo. Pertanto, l’uomo ha bisogno di avere granai, bestiame e terre. Hai bisogno di avere tutte queste cose intorno a te. Devi avere una casa. Nelle Scritture ci viene detto che Dio ci ha dato tutte le cose in abbondanza in modo che ci piaccia. E Dio vuole che l’uomo goditi le cose che ha collocato in questo mondo. Nonostante la maledizione del peccato soprattutto, Dio fornisce ciò che è necessario per l’essere umano in modo meraviglioso.

Ora, le cose fisiche possono effettivamente essere benedizioni spirituali. La prosperità è un dono di Dio. Non c’è niente di sbagliato nel costruire fienili più grandi, cioè in corso economicamente; Il pericolo è in funzione di queste cose, sostenendoci come se la vita consisteva in tutto questo.

molti dei moderniidi e comfort moderni che l’uomo ha oggi, ha creato come prigione per lui. Uno è sorpreso di vedere che le persone che vivono in grandi città cercano ogni possibilità di scappare per un periodo dell’ambiente che li circonda. Non vogliono usare, almeno per alcuni giorni, i loro servizi a casa, i loro televisori e tutto il resto che hanno a casa, e vanno in posti tranquilli, per essere in un maggiore contatto con la natura. Vogliono sbarazzarsi di tutto ciò che sottilmente lo sta imprigione.

Oggi, il credente in Cristo dovrebbe andare per se stesso e fare un inventario della sua vita. Dovrei chiederti: mi fido di fidarsi in cose materiali o mi sto fidando di Dio? Giobbe perso tutto. Passò dalla prosperità alla povertà. Era un grande dislocamento, ma non è stato rimosso dalla sua fondazione.

2. La seconda cosa che è accaduta al lavoro, era che Dio ha permesso a Satana di prendere i suoi cari. Tu e io, l’ascoltatore stimato, abbiamo bisogno dei nostri cari a rifugiarci, per il backup. Quando siamo neonati, abbiamo bisogno dell’amore. Un bambino è qualcosa di così bello, così amorevole, attraente, che si vuole abbracciarlo e amarlo molto. E questo è esattamente ciò di cui hanno bisogno.

Una delle grandi emozioni che possiamo godere nella vita, è avere un primo figlio tra le nostre braccia. E poi, forse quando siamo più grandi, sarà il piacere di avere i nostri nipoti tra le nostre braccia. Dio ci ha reso in quel modo.

Il bambino quando inizia a crescere, cerca i suoi genitori quando ha bisogno di amore e simpatia. Quando il bambino è ferito, corre per rifugiarsi nelle braccia di sua madre, in modo che lo baciasse. Fisicamente, non eliminerà il dolore, ma ti aiuterà a resistere. Ora, se manchi queste cose, la creatura svilupperebbe conflitti e complessi nella tua vita. Crediamo che gli psicologi siano giusti quando lo dicono.

Allora il bambino cresce e raggiunge l’adolescenza ed è già meno dipendente dai suoi genitori e poi, trasferirà il suo amore con qualche altra persona. Dopo il tempo, infine, esprimerà il suo amore con i propri figli. Ma avrà sempre bisogno dei suoi cari.

scarso lavoro ha perso tutti i suoi figli in un giorno; Ha perso sette figli e tre figlie!

3. Quindi abbiamo qualcosa che è un fattore importante per il benessere dell’uomo, ed è la sua salute. Leggiamo nei giornali dei nostri giorni che molte persone si suicidano, in molti casi, per soffrire di malattie severe e dolorose. Un innumerevole numero di credenti è rimasto prostrato nei loro letti e sezioni di una normale vita attiva a causa di gravi malattie.Forse hanno imparato a fidarsi in Dio in un modo in cui tu ed io abbiamo mai sperimentato. Così è stato che Satana ha preso posto la sua salute e questo era un tremendo colpo per lui.

4. Quindi il lavoro ha perso l’amore e la simpatia del suo compagno. Dio ha dato ad Adam un aiuto ideale. Questo aiuto appropriato significava “l’altra metà di lui”, qualcuno che gli ascoltò e ha risposto, l’altra parte di lui. E Dio ha istituito il matrimonio per il benessere e la felicità dell’essere umano. Ci sono molti uomini e donne oggi, che sono nella forgia della vita, fedeli e forti, che affrontano faccia a faccia con la lotta delle attività quotidiane, con pesanti lavori e responsabilità; Ma quando tornano a casa loro trovano qualcuno che li capisce, e poi possono sfogare e condividere con quella persona tutto ciò che li infastidisce. Pensando alla situazione del lavoro, riconosciamo che è meraviglioso avere una moglie completa e disposta ad ascoltare e comodità. Ora, come abbiamo letto, il lavoro aveva perso la simpatia e la compassione della propria moglie.

5. D’altra parte, gli amici del lavoro erano venuti a mostrargli la sua compassione, ma scoprì che erano solo un miraggio nel deserto. Quando nel mezzo del suo dolore li vide venire, pensava che sarebbero stati come un’oasi, ma erano solo come l’illusione ottica del viaggiatore del deserto. E così è stato che è finito a chiamarli dilosi fastidiosi. E vediamo perché li ha classificati in quel modo.

Cos’altro potrebbe fare satana a lavoro? Aveva preso tutti i suoi supporti. Dopo che il diavolo agirebbe per distruggere tutti i valori della vita che il lavoro aveva. Questo è il dettaglio che dobbiamo osservare mentre studiavamo i dialoghi che accadranno.

6. Giobbe ha perso il suo senso di valore e la dignità della propria personalità. Cosa può dare l’uomo in cambio della sua anima? Possa Dio avere compassione di quei giovani che oggi sprecano, sprecano le loro vite con un po ‘di droga o per compiacere un gruppo di compagni scarsamente pensati. Solo Dio è colui che dà l’essere umano il suo vero valore. A Luca 12: 7, abbiamo visto che il Signore Gesù Cristo ha detto che eravamo più preziosi degli uccelli. E ha ancora detto che Dio il Padre conosce tutti i passeri, e non dimentichiamo nessuno di loro, conosci il motivo per cui abbiamo più valore? Il fatto che dimostra sia che Cristo è morto per noi. Questa realtà ci dice quanto valore abbiamo per Dio. Il nostro valore è equivalente al sangue di Gesù Cristo! Perché è morto per noi. E questo è il valore di ognuno di noi, amico dell’ascoltatore, il sangue di Cristo.

7. Allora il lavoro perderebbe il suo senso della giustizia di Dio e inizierà ad adottare un atteggiamento critico e cinico, prima che tutto questo processo sia finita. Durante lo studio di questo libro di lavoro dobbiamo essere consapevoli del fatto che è ispirato, come l’intera Bibbia è. L’ispirazione garantisce la trasmissione esatta, attraverso il testo, di ciò che Dio voleva rivelare noi stessi e la precisione di ciò che è accaduto davvero. Ma non tutto ciò che i personaggi hanno detto che era vero. Un’illustrazione di ciò che intendiamo, lo troviamo in Genesi 3: 4: il diavolo non è stato ispirato dicendogli una bugia ad Eva, quando ha detto: certamente non morirai. Ma la storia della sua bugia è stata ispirata. Alcune persone credono che ogni frase che troviamo nella Bibbia sia giusta, ma nel testo biblico dobbiamo osservare attentamente chi sta parlando. Poiché la Bibbia ha registrato fedelmente le azioni e le parole errate di persone che quando hanno agito o parlato erano il margine della volontà di Dio. Per quanto riguarda questo libro per lavoro, scopriremo che le affermazioni del diavolo e le cose che hanno detto gli amici di lavoro, non erano vere.

8. Anche il lavoro ha perso il senso dell’amore di Dio. L’uomo che ha detto: il signor ha dato e il Signore portò via; Beati il nome del Signore, era lo stesso che ha detto in 6: 4, perché le frecce dell’Onnipotente mi hanno inchiodato, il suo veleno ha bevuto il mio spirito e i terrori di Dio combattono contro di me.

Allora, alle 9:33, ascoltiamo lamentato, dicendo: Non c’è arbitro che mette la mano su entrambi. In altre parole, “Ah, se c’era qualcuno che ha preso la mano di Dio e ha anche preso il mio, e così ho incontrato, riconciliazione!” Bene, dobbiamo andare al Nuovo Testamento per trovare la risposta al clamore del lavoro, primo di Timoteo 2: 5, dove dice: Beh, c’è solo un Dio, e un singolo mediatore tra Dio e gli uomini: Gesù Cristo uomo. Grazie a Dio che tu e io abbiamo qualcuno che è il nostro mediatore.

Abbiamo dedicato molto tempo a questo perché è estremamente importante capire il dialogo che inizia qui e si estende al capitolo 37. Nel nostro programma Precedente, leggiamo fino al versetto 12, capitolo 3 del lavoro.Ora leggiamo i versi 13 e 14:

“Ora sarei morto, e riposerei; avrei dormito, e avrei riposato con i re e i consiglieri della terra, coloro che per se stessi ricostruiscono il Rovine “

si riferisce a coloro che hanno costruito le grandi piramidi per se stessi, i grandi monumenti. Ora leggiamo versi 15 e 16:

“o accanto ai principi che possiedono l’oro e riempirono le loro case dall’argento. Perché non ero nascosto come un aborto, come i bambini che non hanno mai visto la luce? “

Il lavoro voleva essere nato morto, si è lamentato che l’oblivion lo sarebbe stato negato. E ha descritto la morte come un evento uguale. Perché tutti riposano allo stesso modo.

In realtà c’erano due desideri che il lavoro esprimeva in questo terzo capitolo: che avrebbe voluto che non fosse mai nato, e che è nato, vorrei essere morto al momento di vedere la luce. E disse nei versi da 17 a 24: “Lì smettono di disturbare il male, e lì riposano quelli che hanno perso la forza. Lì i prigionieri riposano anche e non sentono più la voce del caporeparto. Ci sono ragazzi. E grandioso; e Lo schiavo, libero già del suo padrone. Perché dargli luce soffre e la vita con l’amaro umore; a coloro che aspettano la morte, e non arrivano, anche se lo cercano più di un tesoro; a quelli che sarebbero stati molto Felice e verrebbe goduto per trovare la tomba? Perché dare vita all’uomo che ignora il suo sentiero, che Dio chiude la sua strada? Prima del mio pane, il mio sospiro arriva, e i miei lamenti corrono come acqua “

in Altre parole, ha presentato la morte qui, come qualcosa di preferibile alla vita. Ha detto che la vita è un onere così pesante, che non voleva viverlo e preferito morire. E il lavoro ha detto che l’avrebbe accolto a morte, con la stessa gioia di quel minatore che sta cercando oro, e quando lo trova grida di gioia. Era davvero in una condizione disperata e desolata. E leggiamo nei versi 25 e 26 di questo capitolo 3 del lavoro:

“perché è venuto da me a me quello che avevo paura, mi è capitato di ciò che temevo, non ho avuto pace, tranquillità Oppure riposa, ma solo imbarazzo! “

il lavoro viveva in pace e prosperità nella terra di Uz e le cose erano andate così bene, che era circondata da lusso e abbondanza. Certo che ho vissuto anche a disagio, e quello che avevo paura, è venuto. Anche nei giorni della prosperità, la sua tranquillità è stata disturbata dall’incertezza della vita.

Pensiamo che questa sia la paura che molte persone soffrono oggi. La paura che qualcosa di terribile possa succederti. Il nostro problema è che attribuiamo alle nostre misure di sicurezza invece di aggrapparsi al Salvatore. Dovremmo usare la Bibbia come garanzia di sicurezza, invece di cercarlo altrove. Dobbiamo sostenerci nella Parola di Dio.

Uno ha quasi l’impressione che il lavoro abbia perso la sua fede, ma non era così. Questo non era altro che la lamentela amara di un uomo che stava provando gli stessi poshies, lo spreco della coppa di vita amara. Le avversità e la tragedia erano cadute su di lui, e non capiva perché aveva raggiunto la disgrazia della disgrazia per lui.

Questo era, quindi, un monologo di reclamo davanti ai suoi amici seduti intorno a lui. La lingua era così drammatica, che non poteva essere più pessimista e il lavoro non ha avuto la risposta. A quel tempo, i suoi tre amici stavano per parlare con il lavoro. Il primo di loro sarebbe Elifaz; Parlerebbe e quindi il lavoro risponderà. Dopo che Bildad prenderebbe la parola seconda e il lavoro risponderà anche a lui. E al terzo posto vorrei Zafar, che il lavoro darebbe anche una risposta. Abbiamo finito oggi di ricordare la distanza, la grande distanza che il lavoro ha riconosciuto che c’era tra lui e Dio, quando esprimeva alle 9:33, il suo desiderio di trovare un mediatore, un arbitro che metteva la mano su entrambi per avvicinarli a loro . Abbiamo detto che il passaggio prima di Timoteo 2: 5 costituiva la risposta a quell’antico clamore, senza una risposta nell’Antico Testamento, quando affermava che c’è un singolo mediatore tra Dio e gli uomini, ed è Gesù Cristo, che si è presentato Giovanni 14: 6 Come modo, verità e vita, affermando che solo da lui poteva raggiungere Dio. Caro ascoltatore, Dio non è più distante, ma molto vicino. Nel lavoro di Cristo sulla croce, ci ha avvicinato. Se tu, per fede, accetta il dono della salvezza, dallo Spirito Santo, diventi un figlio di Dio. Sente quello che diciamo, ma ha anche letto i nostri pensieri. Da dove è in questo momento, può dire a Dio in preghiera in questo momento, con le sue stesse parole.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *