Interheart, caso studio e controlli sui fattori di rischio per infarto miocardico nel mondo e America Latina | Med. UIS; 21 (3): 176-182, settembre-dicembre. 2008. TAB |. LILACS

Riepilogo

Le malattie cardiovascolari sono la prima causa della morte in tutto il mondo e in America Latina. Lo studio interheart è uno studio progettato per confrontare l’importanza dei diversi fattori di rischio per l’infarto del miocardico in tutto il mondo. Materiale e

Metodo:

è uno studio di casi di incidenti e controlli effettuati in 52 paesi. I casi erano pazienti che hanno partecipato a un primo infarto e i controlli sono stati accoppiati per sesso, età e centro. In entrambi i gruppi, i dati demografici, il livello socioeconomico, lo stile di vita, i fattori psicosociali, la storia personale e familiare delle malattie cardiovascolari e dei fattori di rischio sono stati determinati. Viene misurata la vita dell’anca e Apolipoproteina B e Apoa1.

Risultati:

Associazione mondiale si è verificata con il fumo corrente (o 2,87) e APOB / APOA1 Ratio1 (o 3,25, inferiore VS Quintile), seguito da fattori psicosociali (o 2,67), la storia del diabete (o 2.37) e storia della storia (o 1.91). In America Latina, i fattori più prevalenti erano l’obesità addominale, il fumo e i livelli di APOB / APOA1 nel terzo superiore. L’associazione più forte con ER di 2,81 corrispondeva alla storia dell’ipertensione e dello stress permanente. Il consumo giornaliero di frutta e / o verdure e esercizio fisico regolare ha avuto un effetto protettivo simile con 0,63 (0,51-0.78) e 0,67 (0,55-0,82). Il rischio attribuibile popolazione più elevato era dovuto all’obesità addominale del 45,8% (35.8-56.2), alti livelli di APO B / APOA1 40,8% (30.3-52.2) e fumare 38,4% (32,8-44,4). In America Latina e nel mondo, questi fattori spiegano circa il 90% degli infartiti.

Conclusione:

I fattori di rischio noti consentono di spiegare quasi tutto il rischio di infarto miocardico in tutto il mondo e in America Latina. Il tuo controllo avrà un impatto significativo sul controllo di questa malattia …

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *