Il segreto della longevità di Kirk Douglas: come arrivare “con una salute di ferro” a 103 anni

nell’aprile 2019, Michael Douglas ha condiviso nel suo profilo Facebook un’immagine di suo padre, la leggendaria Kirk Douglas, in cui apparve a 102 anni che riposa su un tappeto in una tenda. La fotografia ha avuto un’enorme ripercussione e Michael Douglas ha deciso di cancellarla entro poche ore. La sorpresa diffusa era vedere il padre Douglas sdraiato in un tappetino da campeggio alla sua età, perché non è il posto più comodo del mondo per riposare con più di 100 anni. Tuttavia, l’attore aveva dimostrato in più di un’occasione per godere di una salute del ferro nonostante i disturbi dell’età, contro i quali non poteva più combattere e ci ha lasciato l’ultima mattina a 103 anni.

Pubblicità – Continua a leggere sotto

“Chiedo sempre consigli per vivere una vita lunga e sana, ma non ne ho”, ha detto Kirk In un’intervista nel 2016. Tuttavia, il segreto della sua longevità sembra essere come efficacemente efficace. Il protagonista di “Espartaco” si è comportato come un gladiatore e rassegnato a tutti complicità della vita sedentaria che invece offre. Nonostante abbia superato nel 1996 a Tictus che alcune sequele sono rimaste, come la paralisi di uno dei lati del viso, Douglas ha cercato di rimanere attivo per non significare il deterioramento dell’età e i disturbi. Suo figlio Michael Douglas gli disse in un’intervista: “Ha ancora un allenatore con chi ti alleni. Ricordo quando papà aveva 90 anni e ha avuto un allenatore con il quale ha addestrato per più di 30 anni o 40 anni, Mike Abrams. Sono andato a vedere papà un giorno, aveva 90 anni e non si sentiva bene. Gli ho chiesto “Papà, cosa c’è che non va? Non ti vedo bene” e lui disse: “MIKE è morto.” Ho risposto: “Ah, papà, sono molto dispiaciuto” e ho chiesto come Mike aveva, a quello che mi ha detto che 94 “. Per lei parte, suo nipote Dylan Douglas, condiviso su Instagram nel 100 ° compleanno dell’attore, un video di lui vestito in una tuta e ballando con una tremenda facilità e agilità.

Sport e l’attività costante, senza dubbio, erano motori chiari che hanno reso la vita di Kirk Douglas un lungo tour del film, ma amore, come ha detto, ha anche avuto un ruolo importante nella sua longevità. “Il nostro meraviglioso matrimonio ei nostri colloqui notturni mi hanno aiutato a sopravvivere a tutte le cose”, ha raccontato a sua moglie, Anne Buydendens. Anche il cambio delle abitudini ha aiutato che l’attore leggendario potesse festeggiare il suo Centenario, perché fino al 1950 consigliava una media di tre bottiglie giornaliere del tabacco, una dipendenza che abbandonava radicalmente dopo la morte di suo padre a causa di un cancro ai polmoni e che, senza dubbio, ha migliorato la sua salute.

Pubblicità – Continua a leggere sotto

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *