Il lato oscuro di Katharine Hepburn

La figura di Katharine Hepburn continua ad affascinare nel centenario della sua nascita, come evidenziato dalla pubblicazione di una grande biografia firmata dall’America William J. Mann , che mira a riscoprire il mito. Orgoglioso e riservato, mentre generoso e impegnato, erano gli eccessi di una personalità contraddittorale che lo ha reso una delle figure del XX secolo. Questo dimostra William J. Mann per l’attrice leggendaria lungo più di 500 pagine di Kate. Il lato oscuro di Katharine Hepburn (T & B Editoriale), un volume in cui l’autore dispensa l’ordine cronologico per ricostruire i pezzi del complesso puzzle che costituisce la storia di Hepburn, Quale domani avrei avuto cento anni.

mann dipinge l’attrice come qualcuno che ha sfidato i canoni del dorato Hollywood con la sua ambiguità sessuale e la sua sofisticata presenza quando si allontana dai riflettori.

La biografia punta alla rottura permanente degli stereotipi sociali come una delle caratteristiche che definiscono la traiettoria vitale dell’attrice americana, che ha ereditato un forte spirito femminista di sua madre, Kit Hepburn, una donna all’inizio del secolo che non ha permesso alla sua vita familiare che fa male alla sua carriera professionale.

Le eccellenti relazioni personali e professionali con il regista George Cukor e il suo rapporto sentimentale di quasi 30 anni con Spencer Tracy, con il quale non è mai venuto a vivere Come uomo sposato, sono alcuni D. E i momenti più felici della stella del cinema, che nella sua vita personale dovevano pagare un prezzo elevato per la fama ottenuta.

Come dice “Kate. Il lato oscuro di Katharine Hepburn “, l’attrice non ha sempre avuto i media dalla sua parte, che non ha esitato a robinarsi sulle presunte relazioni amanti con uomini e donne, né nel chiamarlo come” veleno per la biglietteria “quando lui incatenato diversi fallimenti commerciali che lo hanno relegato sullo sfondo, riempito dal teatro.

Mann rappresenta anche la sua vanità. Durante una grande parte della sua vita, Katharine Hepburn sperava che la sua data di nascita fosse diversi anni dopo 12 maggio 1907, fino a quando un giovane William J. Mann ha provato senza successo di intervistare la Signora del celluloide, che lo ha portato agli archivi di Hatford – Heppurn’s Hometown. Lì ha scoperto un segreto che lei stessa non ha riconosciuto pubblicamente fino alla pubblicazione della sua autobiografia , I: Storie della mia vita.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *