Il falso collegamento francoista di Juan de la Cierva, il pioniere spagnolo a cui persegue la memoria storica

juan de la cierva , caricato in un tipo commerciale
juan de la cierva, caricato in un tipo commerciale Autogyrus

L’ingegnere di strade, canali e I porti e l’inventore del Gyrocopter hanno dato il nome al nuovo aeroporto di Corvera a Murcia, ma la decisione, nelle mani dello sviluppo, sembra classificata da problemi di memoria negativa storica

Aggiornato: 01/01/29/2019 15 : 42h

La memoria storica è ancora impegnata nell’idea che la guerra civile sia stata una buona lotta contro il male, senza lì nessuna grigia o semplicemente vittime delle circostanze in entrambi i lati. L’ultima dannata di questa storia semplicistica è stata il Murciano Juan de la Cierva, ingegneri di strade, canali e porti e inventore del Gyrocopter, che avrebbe dato il nome al nuovo aeroporto di Corvera fino a quando non hanno attraversato il suo cammino, cattiva Problemi di memoria storica

La tua famiglia e l’associazione che naviga con la sua figura hanno denunciato che, sebbene sia stato progettato per battezzare l’aeroporto internazionale della regione di Murcia come Juan de la Cierva, all’ultimo minuto del Ministero della Foment Da rimuovere dal presunto coinvolgimento dell’inventore nel colpo di stato del 1936, anno in cui è morto uno degli spagnoli più avanzati del ventesimo secolo. “Era un genio inventore, un artista aereo e un matematico eccezionale. Un uomo apprezzato in tutto il mondo anche oggi, che ora cerca di appannare con i falsi dati”, afferma ABC Laura de la Cierva, Bisniet of the Inventor e Presidente di questo ASSOCIAZIONE

In parallelo a questa decisione (o piuttosto indecisione) di promozione, piani di ritirare “da francoist” Strade e riconoscimento A De La Cierva, l’uomo delle idee monarchiche e anglophiliche sono ampliate dalle altre parti del paese., Chi ha collaborato tutta la sua vita e ha venduto i suoi dispositivi alla Seconda Repubblica, che non aveva mai contattato con Franco e che non ha combattuto durante la Guerra civile o vissuta in Spagna poiché la guerra è scoppiata fino alla sua morte in un incidente Più tardi … ed è che il suo unico ruolo nel colpo di stato era quello di fare come consulente, come esperto internazionale, per il noleggio dell’aereo il “Dragon Rapide”, che dovrebbe prendere Franco da Canarie a Tetuán da prendere Controllo delle truppe del Nord Africa. La sua famiglia difende che l’inventore e l’uomo d’affari non sapessero nemmeno cosa fosse richiesto l’aereo.

Il sogno di volare

Nato a Murcia nel 1895, Juan de la Cierva proveniva da una famiglia ospitata come figlio del ministro del re Alfonso Xiii Juan de la Cierva e Peñafiel. Tuttavia, poiché l’infanzia la sua vocazione è stata incentrata sull’ingegneria e seguendo le fasi del suo nonno materno, l’eccezionale ingegnere di Montes Ricardo Codorníu. Questo nonno ha messo la curiosità di Icaro sul giovane spiegando perché gli aeroplani hanno volato. Ha sua figlia Ana María, un grande diffusione del lavoro di suo padre, che da quando è stato dedicato al lancio presso gli elettrodomestici del Parco dei retiro di Madrid che lui stesso costruiva e irradiabilmente si è schiantato contro il terreno: “La sua vita e il suo obiettivo sono stati creati un volo come sicuro il più possibile “.

” usando carta, lievi aste e gengive intrecciate che servono come eliche “fabbricavano il loro aereo

Juanito, come è stata chiamata la sua famiglia, la sua infanzia è passata tra Murcia e Madrid. Era uno studente eccezionale e un lettore vorace di quanti libri di invenzioni e inventori caddero nelle sue mani. Come adolescente, condivideva le sue preoccupazioni scientifiche con suo fratello Ricardo e due amici, i fratelli Barcala e Tomás de Martín-BarbaDillo, che hanno ucciso il tempo a parlare dei progressi dell’aviazione europea e della costruzione dei propri modelli di aeroplano “, usando la carta, la luce aste e gengive contorte che servono come eliche, “poiché Adolfo Roldán Villén spiega nell’ingresso che ha dedicato a questo inventore nel dizionario biografico della Royal History Academy.

coincidendo con l’arrivo. Nel 1910 di Aviation a Spagna, Juan de la Cierva, i Brothers Barcala e un nuovo amico, Pablo Díaz, sono andati alla costruzione quasi professionale di alianti, con i quali i giovani hanno eseguito numerosi test. Prima di unire la scuola di ingegneria, Juanito e i suoi amici hanno progettato e realizzato il BCD1 (“El Crab”), il primo aereo spagnolo che ha volato per un lungo periodo di tempo. Non invano, il tridottore si è concluso distrutto su un volo, e le famiglie dei ragazzi hanno chiuso il rubinetto a nuovi progetti.

incontrato la carriera dell’ingegnere della gara, Juan de la Cierva non ha mai esercitato in questo campo, nello stesso modo in cui è stato eletto deputato di tagliare il desiderio di suo padre, ma non ha mostrato entusiasmo per il mondo politico.Quello che è stato veramente appassionato di, a parte la sua ragazza María Luisa Gómez-Acebo Varona, con la quale si è sposata alla fine del 1919, doveva trovare una soluzione ai problemi che avevano portato al suo aeroplano al fallimento per la “perdita di perdita di il a “. Stava evitando di dipendere dalle ali come l’idea di un apparato che impiegava l’autorità: un nuovo tipo di macchina volante che battezzata come “autogyro”. “Stavo cercando elettrodomestici più sicuri, salvando vite con l’ala rotante. Salvali, non rimuovere le vite come dicono coloro che lo chiamano francoist”, dice il suo bisonte.

Ottobre 1920, la costruzione del Prima Autogyro è terminato, il C1, con due rotori sovrapposti che ruotano in direzioni opposte, ispirati al concetto delle gonne di un ballerino quando si gira, che era un modello fallito. Come era il C3, con il rotore di tre pale, che gli è successo il peggio che può accadere a un aeroplano o ad un uccello: non è riuscito a sollevare il volo. Due anni dopo è stato anche naufflod con il modello C2.

ortiz
ortiz

Non è stato fino a quando il suo quarto modello, il C4, quando ha raggiunto un volo di più di tre minuti, ad un’altezza superiore a venticinque metri. Il seguente modello, il C6, esposto prima del re Alfonso XIII, tutto il potenziale degli autogyros, al punto che nel 1926 un gruppo di britannico ha offerto finanziariamente assistenza dal Murciano. L’azienda Il Cierva Autogiro Company Ltd, con sede a Londra, ha permesso al ceree di costruire e migliorare i suoi modelli con vista internazionale.

Attraverso questa azienda ha iniziato a fornire dispositivi in tutto il mondo e divenne un pioniere dell’aviazione. A partire dal 1928, lanciò le sue stesse autogirst e presentarle prima della folla. Nel suo atterraggio negli Stati Uniti. Si diede il lusso di raggiungere i controlli del suo autogiro al giardino della Casa Bianca, dove è stato intrattenuto dal presidente HC Hoover.

Il 18 settembre 1928 ha fatto Famoso in tutto il mondo dopo aver attraversato il canale della macchia per la prima volta con la sua ingenuità. Ha contato il giornale ABC:

“a sedici anni e sedici apparve all’orizzonte. L’apparato potrebbe essere trasformato con precisione. L’autogyro ha girato l’aeroporto, passando a grande velocità, poi ha scalato un po ‘e, 150 Metri in alto, fermò il motore. Poi il dispositivo cominciò a scendere verticalmente, fermando alcuni momenti nella discesa per riprendere i momenti più tardi. E delicatamente, senza alcun incidente, l’autogyrus cadde sulla terra “.

.

.

Il “Francoist” che non conosceva Franco

del Cere ha fatto anche numerose mostre e visite da parte delle città spagnole, ma non sono riuscite a trovare finanziamenti per un’azienda auto-editing con sede nella penisola, né così I dispositivi saranno commercializzati massicciamente in questo territorio. Durante la presentazione di ulteriori innovazioni ai suoi modelli e ha cercato di conoscere la sua invenzione nel suo Paese del Gruppo, la Federazione Aeronautica Internazionale ha ricevuto la Grande Medaglia nel 1932. Uno dei tanti riconoscimenti che ha ricevuto nella sua breve vita.

a Pochi mesi dopo aver girato 41, il genio dell’aviazione internazionale è morto il 9 dicembre 1936 in un incidente aereo all’aeroporto di Croydon. L’aereo olandese in cui viaggiava con il tetto di una casa vuota e si è schiantato durante il decollo, che ha originato un’esplosione letale per tutti gli occupanti dell’aereo, tranne la hostess. Juan de la Cierva fu sepolto in una cappella cattolica dell’Inghilterra, fino al 1946 i suoi resti furono trasferiti in Spagna.

Nell’incidente in cui l’inventore è morto perì tutti gli occupanti del piano, tranne l’hostess

da all’estero vissuto con preoccupazione i primi mesi di guerra civile, così come il futuro dei loro parenti. Senza andare oltre, suo fratello Ricardo de la Cierva e Codorníu, avvocato e membro del partito di Gil Robles, sarebbe stato ucciso in Paracyli di Jarama dopo essere stato catturato dalle forze repubblicane. In ogni caso, il ruolo dell’inventore Murciano nel colpo di stato del luglio 1936, che ha conseguito la designazione del francoista, era limitato alla mediazione da Londra dall’aereo di Havillaland Dragon Rapide, che si è trasferito in General Franco da Canarias a Marocco. “Non era Franco e non è mai stato interessato alla politica, è stato dedicato a costruire autogyros, molti per la Repubblica. Nel 1936 fu semplicemente chiesto la sua opinione come esperta”, afferma Laura de la Cierva.

L'autogiro progettato e costruito da Juan de la Cierva, volando sopra la capitale valenciana
Autogiro progettato e costruito da Juan de la Cierva, volando sopra la capitale valenciana

Quando la scorsa estate ha decollato il municipio, in applicazione della controversa legge sulla memoria storica, La strada che ha in questa città il precursore dell’elicottero, il costante è stato giustificato che dal buco era “un collaboratore di franchi, senza il cui aiuto è possibile che la guerra non fosse stata prodotta”, come ha indicato “la verità” Macarena OROSA , Consigliere di finanza e presidente della Commissione tecnica della relazione storica.

Ovviamente, il piano sarebbe stato assunto con o senza l’intervento del Murciano, nello stesso modo in cui il colpo di stato si era verificato con o senza la presenza in Marocco de Franco, che fino all’ultimo momento esitato a Entra nella cospirazione. Non consiste su base documentale, in ogni caso, che l’inventore sapesse per una fine che l’apparecchio sarebbe stato usato o avesse qualche interesse per la situazione politica in Spagna, mentre richiamano fonti della famiglia.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *