… il cui nome non desidero richiamare …

… il cui nome non desidero richiamare …

malaga. Sono le undici in punto la sera del 25 ottobre 1881. Doña María dà alla luce un ragazzo. Morto, credono, perché non si muove né respira. Lo zio della creatura, presente lì, della professione medica e del nome profetico Salvador, espelle una boccata di fumo dal suo sigaro sulla foce del neonato e il bambino si rompe per piangere. Prende il nome da Pablo Diego José Francisco de Paula Juan Nepomuceno María de los Remedios Cipriano de la Santísima Trinidad. Alcuni autori aggiungono alla stringa Martire Patricio Clito, se non erano abbastanza. Non gli importavano, nessuno lo ricorda per nessuno di loro. Nemmeno dal cognome di suo padre, Ruiz. La storia lo conosce con il nome di sua madre, Doña María, che i suoi antenati hanno portato dall’Italia: Picasso.

È evidente che il famoso pittore di Malaga è il vincitore indiscusso di una competizione con finalisti onorati, tali Come Diego Rivera (Diego María de la Concepción Juan Nepomuceno Estanislao) o Dalí (Salvador Domingo Felipe Jacinto). Ma per quanto riguarda i pittori ed i nomi eterni? C’è qualche correlazione tra il numero di nomi e qualità pittorica? Tutto potrebbe indicare sì, perché il nome completo di Antonio López è: Antonio. Ma è davvero così? E, soprattutto, è un nome scintillante necessario per avere successo?

decisioni principali

Quando intendi lasciare il tuo nome scritto nella storia, è importante sapere se vuoi essere Chiamato per nome, cognome, secondo nome, iniziali, pseudonimo, soprannome … Ci sono quelli che dubitano: “Mi chiamo Bond, James Bond”. Chi dubita molto: Prince, l’artista precedentemente noto come Prince, il suo Purple Majesty … Chi dubita male: Tamara, Amber, Yurena. Ma alla fine, chi altro, che meno, ognuno ha un pomeriggio pensare se vogliono essere Homer Simpson, o potenza massima. Perché se si ottiene l’incurante, la storia sceglie per te.

Può accadere che tu abbia una scelta di diversi (troppi) nomi. Alcune persone ricevono il loro nome, come Camille Anastacia Kendall Maria Nicola Claudel, o alcune persone ottengono il loro cognome, come Magdalena Carmen Frida Kahlo Calderón.

Oppure potresti non avere una scelta, poiché la società ha deciso che le donne come Mary Wollstonecraft Godwin o Agatha Marie Clarisa Miller Miller Scendi nella storia con i cognomi dei loro mariti, Shelley e Christie, rispettivamente.

Vladimir ilich uliánov e iosif vissarionovich dzhugashvili – Fonte: wikipedia

dimmi dove sei e io Ti dico cosa ti chiamo

Ci sono quelli che variano leggermente il suo nome per adattarlo a un nuovo paese, come Andrej Warhola o Marcus Rothkowitz. Finché il paese adottivo non è la Spagna, perché qui, tutto può succedere a te. Dal momento in cui il tuo cognome è spagnolo, e smetti di essere il mononymus Bosch per diventare El Bosco, alla tua nazionalità, che è quello che è successo a Domenikos Theotokópoulos, El Greco.

E non è solo qualcosa di esclusivo per gli artisti : Nel 1808 José Napoleón Bonaparte, poi il re della Spagna, fu battezzato con il nome Castizo Pepe Botella. Non c’è mai stato un soprannome peggiore per un sincero. Ma l’umorismo potrebbe sempre. Se no, chiedi al buon Leopoldo Estéfano Carlos Antonio Gustavo Eduardo Tásilo di Hohenzollem-Sigmaringen, uno dei tre o quattro candidati gravi per il trono della Spagna dopo Isabel II, che ha finito per occupare Amadeo de Saboya. Ed è che prima dell’impossibilità che gli spagnoli pronunciano il cognome di Hohenzollem-Sigmaringen (provalo), hanno finito per chiamarlo “Olé Olé Si Me Eligen”.

meglio conosciuto come …

Ci sono quelli che hanno la possibilità di scegliere il nome con cui scendere nella storia, come Vladimir Ilich Ulyanov o Iosif Vissarionovich Dzhugashvili, che sappiamo dai loro nomi di guerra, Lenin (in onore del fiume Lena) e Stalin (che ha aggiunto alla parola “acciaio” in russo il suffisso del suo predecessore, lenin).

quelli che scelgono il proprio nome lo fanno per una moltitudine di ragioni. Gustavo Adolfo Claudio Domínguez Bastida decide, come suo padre e diversi membri della sua famiglia, ad adottare il cognome del flamenco dei suoi antenati, Bécquere. Charles Edouard Jeanneret voleva anche onorare il cognome di sua nonna, la modificarlo leggermente per sembrare un “corvo” in francese, quindi Lecorbésier divenne Lecorbésier.

nombre le corbusier
Charles Edouard jeanneret – Fonte: wikipedia

Ricardo Eliecer Neftalí Reyes Basoalto non voleva che suo padre, un ferroviere, si vergognava di avere un poeta figlio, così cominciò a firmare i suoi testi come Pablo Neruda.Qualcosa di simile è avvenuto a Eric Arthur Blair, che, in modo che i suoi genitori non associarlo ad alcune delle sue pubblicazioni, unito al nome del santo patrono dell’Inghilterra con quello di un emblematico fiume inglese e divenne noto come George Orwell.

Writer Samuel Langhorne Clemens adottò come Pseudonimo un’espressione dal suo precedente lavoro come pilota del fiume che significava qualcosa come “Segna due”, motivo per cui alcune delle migliori avventure letterarie sono firmate da Mark Twain.

Tuttavia, se il tuo nome è José Victoriano González Pérez e vuoi essere un pittore, saremo tutti d’accordo sul fatto che Juan Gris è un ottimo pseudonimo.

Può anche accadere che tu insisterà Scegliere un nome da passare a posterità, come Richard Bachman, e tutti finiscono per conoscerti (grazie a Dio) per il nome che i tuoi genitori ti hanno dato, Stephen King.

nombre antonio lopez
antonio lópez – Fonte: flickr

Cosa sarebbe il tuo nome senza di te?

L’unica conclusione che possiamo raggiungere è che ci sono grandi nomi, originali, agganciati, meravigliosi, che non sono mai andati giù nella storia, per coloro che li ha posseduti nulla esso; e grandi uomini un D Le donne degne di una pagina nella storia dell’umanità, e con orgoglio sopportando il nome che il tuo prossimo vicino della porta potrebbe sopportare. Per, nelle parole del poeta Ángel Gonzalez (un nome valido come qualsiasi per un grande poeta), “cosa sarebbe il tuo nome senza di te? Proprio come la parola è aumentata senza la rosa: un rumore incomprensibile, goffo, cavo”.

la única conclusione a la queo podemos Llegar es que fieno grandes nombres, originalies, con gancho, maravillosos, que nunca pasaron a la storyia, pule quienes los Poseían no hicieron nada para ello; y gradias hombres y mujeres dignos merecedores de una página en el relato de la humanidad, y que llevan con orgullo el nombre que podría llevar tu vecino del quinto. porfero, en palabras del poeta Ángel González (Un Nomre Tan Válido Como Cualquiera Para Serer Un Gro Poeta), ” ¿QUÉ SERÍA TU NOMBRE SIN TI? Igual Que La Palabra Rosa Sin La Rosa: Un Ruido incomprensidabile, Torpe, Hueco “.

Quindi ora sai, mantieni il tuo nome, modificarlo, cambialo, inventare uno … fai ciò che vuoi, ma chiama Voi stessi quello che vuoi, fai ciò che puoi per entrare nella storia.

E se non ti è piaciuta queste linee, o sono ammiratori di Antonio López, ricorda che il mio nome è Editor Nº 3 di Patio de Sombras.

Añadir A Favoritos (0)

Accedi al segnalibro

Nessun account ancora? Register

Compartir

Facebook twitter reddit Pinterest Whatsapp

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *