Fusioni e acquisizioni: Meccanismi di internazionalizzazione delle banche latinoamericane1

Introduzione

Negli ultimi decenni, un’ondata di megafusioni e acquisizioni, è stato presentato il prodotto della globalizzazione. Secondo Cardona Vélez (2014) questa tendenza risale al XIX secolo negli Stati Uniti, dove i primi assorbimenti orizzontali di società sono stati formalizzati e che nel tempo si sono evoluti in integrazioni verticali per rafforzare i conglomerati creati prima e rispondere al contesto economico del tempo. Queste transazioni hanno avuto un ricevimento speciale dopo la seconda guerra mondiale come strategia di diversificazione, in misura maggiore nel settore bancario. Tuttavia, dal decennio del XX secolo, un’ondata di trasformazione industriale è stata presentata come un meccanismo efficiente contro l’apertura dei servizi, la deregolamentazione dei mercati e degli sviluppi tecnologici, che ha dato origine al boom delle grandi transazioni di M & AS

Le strategie sopra menzionate sono state utilizzate per avventurarsi, crescere e consolidarsi al di fuori dei paesi di origine, un processo noto come internazionalizzazione. Questo processo, secondo Johanson e Vahlne (1997), è dovuto a una serie di decisioni aziendali che tengono conto della precedente esperienza o della conoscenza per identificare i luoghi e la metodologia di crescita in altri paesi, la distanza psicologica (è chiamata così il Distanza culturale che esiste tra un paese e un altro) e le cui passaggi sono gradualmente dati. D’altra parte, Forsgren e Johanson (1992) lo definiscono come reazione ai cambiamenti strategici del mercato che, a causa della sopravvivenza e della crescita, guidano le società per entrare in nuovi territori. Inoltre, è importante notare che la strategia di internazionalizzazione richiede un’elevata flessibilità di rispondere a opportunità e minacce, nonché per identificare il suo vantaggio più forte e selezionare il paese che beneficia il futuro funzionamento (Vermeulen, 2001).

Sebbene molti autori parlino del processo di internazionalizzazione delle aziende, scarse sono quelli che hanno fatto riferimento al grado di internazionalizzazione (misurazione di un insieme di indicatori); In assenza di misure affidabili per stabilire il grado di internazionalizzazione causato dalle indagini empiriche che sono fatte per stabilire la validità delle misurazioni, che non hanno la robustezza necessaria per ottenere un’analisi completa di variabili, concetti e contesto del Informazioni utilizzate per questi studi (Sullivan, 1994).

Troviamo opere che hanno osservato le cause di successo e fallimento nei casi aziendali di internazionalizzazione: Vermeulen (2001) ha studiato Randstad, una società di lavoro temporanea dai Paesi Bassi Chi, con un focus, pazienza e con un alto investimento economico e manageriale nell’acquisizione di società, è riuscita ad aumentare il prezzo della sua azione entro cinque anni.

Come abbiamo detto l’inizio dell’articolo, attività commerciali E gli investimenti bancari internazionali hanno fatto un grande impulso dagli anni ’90. A partire da questo periodo, l’investimento delle banche straniere nei paesi in via di sviluppo è aumentata, da 545,00 milioni di dollari nel 1985 a US $ 1.318,8 milioni nel 2000 (Martinez, Powell, & VLADKOVA-HOLLAR , 2005). Il settore finanziario ha utilizzato fusioni e acquisizioni internazionali come alternativa per contrastare le crisi economiche, il prodotto della struttura debole del settore e la riduzione dei risparmi. È così che le entità bancarie cercano di essere impiantate al di fuori dei loro paesi di origine, raggiungendo nuovi mercati e diversificare il portafoglio di prodotti, per garantire la generazione di valore ai propri azionisti. Diversi lavori di letteratura economica rappresentano che il M & come viene effettuato, tra gli altri motivi, per migliorare la redditività, l’efficienza e le forme di negoziazione.

con il nostro analitico Lavoro, cerchiamo di valutare se il M & AS un meccanismo per l’internazionalizzazione, inteso come un modo per avere bracci commerciali o produttivi estesi all’estero (Proméxico, SF).

Per questo, prendiamo come studi le banche che occupiamo il primo posto (così definite in termini di attività) nei paesi con informazioni disponibili durante il periodo 1990-2014, che sono: Banco do Brasile (Brasile), Bancolombia ( Colombia) e banca di credito del Perù (Perù).

Abbiamo utilizzato tre misure di laurea di internazionalizzazione: dalle attività, dall’utilità e sul reddito (Daniels & Bracker, 1989; STOPFORD & Wells, 1972, Vernon, 1971).

L’analisi mostra che non è consigliabile essere basata su una singola misura perché possono essere omesse funzionalità importanti che influiscono su questa misura. Inoltre, anche se il M & Come meccanismi per avventurarsi nei mercati internazionali, le misurazioni utilizzate possono essere influenzate dal consolidamento del mercato locale della Banca.

Quadro concettuale

Finanziario aziendale Concentrarsi sulle decisioni finanziarie che le aziende prendono e studiano il loro impatto sulla generazione di valore (Ross, Westerfield, & Giaffe, 2014). Aggiunto a questo, Mascareña (1999) si riferisce alle fusioni e alle acquisizioni come meccanismi che consentono l’uso efficiente delle risorse dell’azienda.

Una fusione è un’operazione utilizzata per unificare investimenti e criteri commerciali di due società ( CISNEROS & Jiménez, 2014; Santeiro, 2014). Da parte sua, l’acquisizione è il processo diretto eseguito da un’azienda per prendere il controllo operativo di un altro a causa dell’acquisto diretto o dell’accumulo di azioni (Cardona-Vélez, 2014, CISNEROS & Jiménez, 2014). In una società, entrambe le operazioni sono effettuate con lo scopo di essere più efficienti nella gestione dei costi, fornendo miglioramenti nelle forniture o nei prodotti o di concedere il potere di mercato che consente di attuare una strategia di impostazione dei prezzi (Estrada, 2014). Inoltre, possono essere utilizzati come alternativa a ripensare alle imprese e quindi mitigare il rischio, in termini di investimento e tempo, per creare una società completamente nuova (MCCANN & Gilkey, 1990 ).

sono vari motivi che portano a M & Come, tra gli altri, troviamo: la generazione di sinergie operative in cui è prevista le economie di scala o ambito ; Sinergie finanziarie per ridurre i costi di capitale; diversificare prodotti, canali o mercati; riallineamento strategico che consente di acquisire capacità di adattarsi più rapidamente alle richieste del mercato; La società Acquirer si fida che la valutazione della società target è più accurata di quella del mercato; Acquista beni sottovalutati; Strategia fiscale Laddove la società che acquista o si unisce ottiene vantaggi economici a causa degli scopi fiscali, e infine, poiché il potere di mercato è un’attrazione per la società Acquirer poiché aumentando la quota di mercato migliora la capacità di impostare i prezzi al di sopra dei livelli competitivi (Depamphilis, 2012).

Concetto di internazionalizzazione.

In conformità con la Commissione economica per l’America Latina e il Caraibica -Pedizione- (2011), negli anni ’90 la necessità di “sopravvivenza” di Banking è stata evidenziata in Un mercato globalizzato e un elevato sviluppo tecnologico, che ha costretto le società finanziarie del settore finanziario a una rapida e intensa integrazione del mercato a sfruttare la liberazione dei movimenti di capitali nella maggior parte delle economie del mondo. Questa tendenza sorge principalmente nei paesi sviluppati e poi estesa da America Latina

L’internazionalizzazione è un processo ed è considerato che fa parte del Effetti della globalizzazione; Ciò a sua volta è inteso come un prodotto fenomeno economico dello sviluppo tecnologico, i progressi delle comunicazioni e la riduzione dei costi di trasporto, che consente l’eliminazione dei confini tra i paesi e si converte all’essere umano in un cittadino del mondo (torri, 2014) . Questo fenomeno ha promosso nel settore finanziario la ricerca di opportunità di business nei mercati esteri dato l’ovvia crescita più elevata dell’attività bancaria internazionale contro il commercio mondiale di merci e dall’eliminazione dei controlli dei capitali nei paesi più industrializzati, poiché approfittarono della diminuzione della regolamentazione onere, in un contesto divergente tra i paesi (Laranín, 1995). È così che è stato aggiunto che ha aumentato di utilizzare il set di prodotti, clienti e posizione geografica come mezzo per diversificare il reddito (Rodrigues de Paula, 2003), e sistematicamente in modo che l’esperienza sia un conducente di internazionalizzazione (Vermeulen, 2001) .

Transazioni M & Come è stato un meccanismo per sviluppare le strategie di internazionalizzazione del settore bancario. Ciò si osserva quando si analizza le transazioni del mondo che tra il 1985 e il 2001 hanno partecipato al 20% delle operazioni. Se confrontato con altre industrie come la produzione, vediamo che le sue operazioni rappresentavano a malapena il 34% nel 1990, mentre il settore finanziario ha raggiunto il 13% e la media di tutte le industrie è stata del 24% (Buch & DEONG, 2003).È evidente, quindi, che negli ultimi anni i giocatori più importanti del settore cominciano a aprire terreno nelle aree internazionali e alle imprese di M & come transnazionale aumenta il loro intervento.

Il settore finanziario latinoamericano è stato valido, negli ultimi tre decenni, del M Internazionale come strategia per promuovere la crescita e il rafforzamento del settore. In figura 1, il comportamento e l’evoluzione di M & come, domestico e internazionale, in Argentina, Brasile, Cile, Colombia, Messico e Perù.

Numero di transazioni di altro
Grafico 1.
Numero di transazioni di M & AS
Fonte: Elaborazione del Autori basati su Thomnson One, 2015

Mentre in tutto il mondo è stato caratterizzato da importanti movimenti di questo tipo di transazioni, nei paesi dell’America Latina, un comportamento diverso è evidenziato per l’evoluzione delle strategie di M

AS; Si può concludere che non è una strategia regionale, ma il riflesso delle circostanze di ogni paese e dei bisogni di crescita di loro.

Argentina e Brasile potrebbero essere considerati i pionieri nella regione: Argentina mostra Una forte concentrazione, dal 1995 al 2001, del maggior volume delle transazioni nazionali e, nella Paramount, di International, che sono quelle che sono tenute nel tempo ma con meno intensità. Dagli ultimi anni non vi sono rapporti di operazioni nazionali, che descrivono che il suo settore finanziario ha una chiara tendenza verso la strategia di internazionalizzazione.

Brasile, il paese latinoamericano con il più alto volume di transazioni internazionali dal 1995, riflette Un comportamento ciclico. Tuttavia, negli ultimi cinque anni la tendenza è stata negativa dato che le transazioni nazionali sono stabili nel corso degli anni, senza presentare un rimbalzo che manifesta un’importante variazione dell’economia brasiliana.

fino a quando Colombia e Perù , lo troviamo per alcuni anni presentano elevati dischi di transazioni internazionali. Se tali periodi vengono scartati, osserviamo che il comportamento è stabile o simile nel tempo; Anche, in alcuni anni le riviste del M & come internazionale con quelle dei cittadini sono simili. Il settore finanziario della Colombia riflette una strategia locale e internazionale perché le transazioni delle due tipologie non sono state eseguite; A questo punto coincide con il Messico, ma differisce con il Cile e il Perù, i paesi in cui durante lunghi periodi sono fatti solo le transazioni internazionali.

fusioni e acquisizioni (sia nelle transazioni internazionali che nazionali) possono avere motivazioni correlate ; Nonostante ciò vogliamo sottolineare che, variabili come il costo delle informazioni, il prodotto della distanza; Lingua: cultura; la moneta; la regolamentazione economica e finanziaria del paese; Così come la situazione macroeconomica degli altri paesi (Buch & DEONG, 2003), sono aspetti importanti da considerare nelle operazioni di M & come transnazionale.

Si pensava che la diversificazione geografica possa essere anche una delle ragioni per queste operazioni; Tuttavia, ci sono studi che cercano di dimostrare che le firme con maggiori geografiche e economie di scala non hanno necessariamente un rischio più basso rispetto alle piccole aziende pienamente specializzate (Nicoló, Bartolomeo, Zaman e Zephirin, 2004).

Pochi Gli autori si occupano della questione delle metodologie di misurazione del grado di internazionalizzazione delle imprese; e molto meno, specificamente nel settore finanziario. Per sapere come sono a livello internazionale i giocatori del settore bancario americano latino-americano, è importante capire come è stimato il grado di internazionalizzazione che consente di dimostrare la tendenza presentata dalle transazioni di M & transnazionale.

Ren, Eisingerich e TSAI (2014) suggeriscono che tale misurazione può essere stabilita come relazione tra le vendite all’esportazione e i ricavi totali delle vendite. Da parte sua, Sullivan (1994) afferma che la stima di questo indicatore è arbitraria, tenendo conto del fatto che non è stato possibile creare una metodologia di verifica che copre i concetti teorici e i risultati empirici. Sullivan (1994), stima come la relazione tra le vendite internazionali e le vendite totali; Un altro modo è il quoziente tra i beni internazionali e totali della società; Infine, la relazione tra il numero di uffici all’estero e le filiali o le controllate totali (STOPFORD & Wells, 1972, Vernon, 1971).D’altra parte, l’associazione merci finanziaria colombiana – Sobaker- (2013) determina il grado di internazionalizzazione misurando la partecipazione di investimenti locali contro gli investimenti stranieri e stima la partecipazione del banking locale all’estero utilizzando la crescita degli uffici subordinati delle banche colombiane all’estero per un periodo di tre anni.

Metodologia

Il database consultato per lo sviluppo della ricerca è Thomnson One (2015); Da esso le informazioni relative alle transazioni di M &

Aveva intenzione di studiare la prima banca Di tutti i paesi in America Latina e determinare per ciascuno di essi il grado di internazionalizzazione dal M & AS; Tuttavia, è stato possibile ottenere solo le informazioni finanziarie del Banco do Brasil (Brasile), dalla Bancolombia (Colombia) e dalla Banca di credito del Perù (Perù). Queste banche occupano il primo posto per livello di attività e sono oggetto di studio di questo lavoro.

Primo e recupero informazioni da Thomnson One (2015), la cronologia delle transazioni (domestico) è stata fondata e internazionale) con particolare attenzione a coloro che hanno fatto dei loro confini. Successivamente, il bilancio storico annuale delle banche (acquisito e acquisito) in dollari è stato consultato in S

per ciascuna transazione internazionale identificata, valori di utilità netta, complessivi e vendite totali; Dopo il grado di internazionalizzazione è stato determinato come segue:

Dall’attività: la crescita o la diminuzione della modifica dell’indicatore di attività è stato analizzato nel periodo precedente e dopo la transazione (STOPFORD & Wells, 1972, Vernon, 1971). Successivamente, il grado di internazionalizzazione è stimato come variazione (crescita o diminuzione) della ragione tra le attività all’estero, rispetto ai beni totali della Banca fusa.

Dall’utilità: è calcolato come il variazione (crescita o diminuzione) del rapporto tra l’utilità all’estero, rispetto al totale dell’utilità della banca unificata; Questa misurazione consente di comprendere quale è stata la crescita o la diminuzione dell’indicatore di utilità nel periodo precedente e dopo la transazione.

Dalle vendite: la crescita o la diminuzione dell’indicatore di vendita è stabilita nel periodo precedente e dopo La transazione (Daniels & Bracker, 1989). Si stima che la variazione (crescita o decremento) del rapporto vendite all’estero, rispetto alle vendite totali totali della banca fusa.

Arrivando a questo punto e per finire, applichiamo un comparatore di analisi del comportamento e del tendenza del grado di internazionalizzazione tra le diverse banche.

Risultati

bancolombia.

società dichiarata come gruppo finanziario latinoamericano, con presenza In Colombia, Costa Rica, El Salvador, Isole Cayman, Guatemala, Panama, Perù e Puerto Rico. L’organizzazione ha utilizzato il M & da consolidare locale e regionale e questo è evidente nella sua storia: Bancolombia è nata dalla fusione, nel 1998, della Banca industriale colombiana e della Banca di Colombia; Nel 2005, la fusione è stata effettuata tra Bancolombia, conavi e Corfisura. Il passaggio alle transazioni internazionali è iniziato con l’acquisto, nel 2006, di Banaagriculture in El Salvador; Nel 2007, il 40% del gruppo agromercantil del Guatemala acquisisce; E, nel 2013, acquistare il 90% del funzionamento di HSBC Panama. Con tutte queste operazioni (ha acquisito il 100% di ciascuna delle aziende attraverso le transazioni di acquisto e vendita), la Bancolombia si è consolidata come gruppo finanziario regionale (gruppo Bancolombia, SF).

Nel grafico 2, stima del Il grado di internazionalizzazione è presentato dal punto di vista del M & come, misurato da attività, utilità e reddito. L’indicatore di internazionalizzazione inizia nel 2006.

Bancolombia Laureation. Grafico 2
Grado di internazionalizzazione della Bancolombia.
Fonte: preparazione degli autori basati su informazioni da IQ McGraw Hill Financial, 2015 e tasso di cambio rappresentativo del mercato storico (TRM), investendo, 2015

basato sull’illustrazione, ha identificato che le imprese all’estero all’estero , insieme, sono più efficienti delle attività locali, poiché il grado di internazionalizzazione del reddito risulta essere inferiore alla laurea per attività. Anche così, la laurea determinata secondo l’utilità non cade e rimane vicina al calcolato da attività. Bancolombia, con redditi inferiori, riporta un’utilità simile in termini relativi alle dimensioni delle attività. Allo stesso tempo, la redditività dei beni delle attività locali e internazionali è simile, dato che i gradi di internazionalizzazione per attività e per l’utilità sono molto vicini.

Per quanto riguarda l’evoluzione dell’indicatore dell’internazionalizzazione, è È apprezzato che nel 2006 iniziò con il 22% dalle attività e dall’utilità e dal 16% in base al reddito. Tuttavia, per l’anno successivo, il 36% è diminuito contro una crescita totale del patrimonio del 67%; Pertanto, si può concludere che viene presentato un rafforzamento degli affari locali. Per gli anni 2013 e 2014, i risultati sono paragonabili al 2006, che consente di discutere una maggiore crescita dell’attività interna: con solo tre acquisizioni locali, nel 2006 è stato ottenuto lo stesso grado di internazionalizzazione con un’unica acquisizione internazionale.

Banco do Brasil.

La società costituita con capitale privato e lo stato, focalizzato sull’attenzione ai diversi segmenti personali e alle piccole e grandi aziende (Banco do Brasil, SF). Nella sua storia, un consolidamento segnato è percepito all’interno dei confini del Brasile.

Nel grafico 3 Si è osservato come il grado di internazionalizzazione di questa banca inizia ad evolversi dal 2009 con l’acquisizione parziale della Banca Patagonia. Si può apprezzare come il grado di internazionalizzazione da parte delle attività rappresenta, nel 2014, solo lo 0,5% delle dimensioni del business, tuttavia, è evidente come il business straniero ha ottenuto una redditività sul bene maggiore, perché il grado di internazionalizzazione per le utilità è maggiore di quello dello stesso tipo per attività.

Banco do laureation del Brasile. grafico 3
Grado di internazionalizzazione del Banco Do Brasil.
Fonte: preparazione degli autori basati su informazioni da IQ McGraw Hill Financial, 2015 e rappresentante del mercato del mercato storico (TRM), investimenti, 2015

nel 2014, il suo business internazionale (ottenuto attraverso Transazioni di M & AS), rappresenta lo 0,53% del totale della tua attività; Il 99,5% è un’azienda interna, ma il 3,6% della sua utilità proviene da attività internazionali, che, in confronto, indica che l’attività internazionale ha un ritorno sulle attività (Roa) quasi otto volte maggiore di quella del business domestico: da Asset Size Dare 0,53% e utilizzare il 3,6%. Si osserva che il 2% del totale del loro reddito è internazionale, cioè, se confrontato con la dimensione delle attività, è verificato che il reddito del business internazionale è maggiore, in termini relativi, contro le attività; Confrontandolo con l’utilità mostra che il business internazionale è più efficiente perché riesce a passare dal 2% al 4%. In breve, una volta rispetto alla redditività ed efficienza nel M &

Banca di credito del Perù ( BCP).

Società peruviana che ha iniziato le sue attività nel 1889 con il nome della banca italiana. Ha una chiara orientamento per rafforzare la sua presenza internazionale: è l’unica banca peruviana che ha uffici diretti a Nassau e New York, e ha avanzato l’acquisto parziale della Banca e della Banca di investimento (BCI) del Cile (Thomnson One 2015).

Grado di internazionalizzazione della Banca di credito del Perù (BCP). Grafico 4
Grado di internazionalizzazione della Banca di credito del Perù (BCP).
Fonte: preparazione degli autori basati sulle informazioni da IQ McGraw Hill Financiative e Rappresentati al tasso di cambio del mercato storico (TRM), investimenti, 2015

Il grado di internazionalizzazione della Banca di credito dal Perù è Attivato nel 1997 con l’acquisto parziale del BCI in Cile, ma fino al 2014 è stata la sua unica esperienza di M & come fuori dai suoi confini. Per quanto riguarda il valore delle sue risorse, è registrato che il BCP e il BCI sono di dimensioni molto simili; Si è anche osservato che la crescita del BCI, dal 1997 al 2007, era maggiore rispetto alla crescita del BCP, che ha generato una crescente tendenza (fino al 2007), nel grado di internazionalizzazione.Da quell’anno è riconosciuto, nel valore delle sue attività, che la Banca di credito del Perù iniziò a crescere a un ratto maggiore rispetto al BCI, che ha generato che, entro il 2014, il suo grado di internazionalizzazione si avvicina ai livelli iniziali dei livelli del 1997.

Qui è comodo fermare per un momento per sottolineare che, per la Banca di credito del Perù, l’investimento prodotto nel BCI era più una decisione specifica e, possibilmente, strategica. Alla fine, non è stato adottato come obiettivo di internazionalizzazione, se viene preso in considerazione che durante diciassette anni non ha fatto un altro impegno internazionale e che, al contrario, ha raggiunto un consolidamento locale negli ultimi sette anni.

Analisi tra banche.

Ciascuna delle banche si trova in situazioni molto diverse di internazionalizzazione, anche essere i pionieri nei rispettivi paesi. Banco Do Brasil, nonostante sia il giocatore più grande della dimensione del bene (quasi dieci volte più di Bancolombia), presenta un indicatore di internazionalizzazione da 6 a 20 volte al di sotto, secondo l’indicatore che è studiato. Quanto sopra mostra che la dimensione dei mercati locali è molto importante: Banco do Brasil può essere dieci volte più grande (che Bancolombia) mantenendo un epicentro molto locale e avendo fatto fino a poco tempo (2009), la sua prima transazione di M & come internazionale. Se i risultati ottenuti nei gradi di internazionalizzazione sono stati rigorosamente considerati, sembrerebbe una piccola acquisizione, e in termini relativi, ovviamente, può essere, ma dovrebbe essere notato che l’acquisizione parziale del Banco de Patagonia è quasi del stessa importanza della bananagultura per Bancolombia.

Sulla base di quanto sopra, si può dire che il grado di internazionalizzazione è una misura riguardante ogni “giocatore” e servita a identificare come è posizionato a livello internazionale; anche così, Non dovrebbe essere pensato che una società che presenta un alto grado di internazionalizzazione, comporta necessariamente un business più importante rispetto a un’altra società con un grado minore di internazionalizzazione, perché, secondo le dimensioni locali di ciascun giocatore, il grado di internazionalizzazione è interessato; tuttavia , è possibile confrontare quanto ha diversificato il business, nel senso geografico, un’azienda rispetto a un’altra.

Aggiunto a cosa Rior e come osservato nei grafici 2, 3 e 4, un aumento del grado di internazionalizzazione non risponde sempre al fatto di acquisire una banca in un paese straniero o dalla crescita delle variabili (attività, utilità o reddito nell’esterno ) Coinvolto nella sua stima, poiché a seconda della variabile utilizzata, può essere una situazione locale che colpisce il calcolo. È il caso della Bancolombia, per il quale, nel 2007 e nonostante l’acquisizione di BAM in Guatemala, l’indicatore del grado di internazionalizzazione (utilizzando le tre misure proposte) rientrano a causa del suo consolidamento nel mercato locale (Colombia); Questa situazione è ripetuta nel 2012, poiché la crescita locale è maggiore della Internazionale. In ogni caso, nel 2013, l’acquisto della Banca HSBC in Panama è un fattore importante che si riflette nell’aumento dell’indicatore.

nel grafico 3 è osservato come Banco do Brasil mantiene l’indicatore di Il grado di internazionalizzazione, in termini di attività, molto costantemente, e questo indica che a livello di attività non ha fatto nuove acquisizioni; Tuttavia, potrebbe essere concluso erroneamente che le prestazioni, in termini di utilità e reddito, stavano crescendo; Quanto sopra non è vero dal momento che questo aumento è spiegato dalla diminuzione delle utility e del reddito del mercato locale.

Situazione simile presenta la Banca di credito del Perù nel 2000, dove l’aumento del grado di internazionalizzazione , misurato dai profitti, risponde a una caduta nel mercato locale. La situazione opposta è presentata nel 2005: l’indicatore cresce bruscamente (in base alla misurazione del reddito), a causa di un aumento del reddito nel mercato internazionale, mentre la media da utility mostra un collasso.

In breve, E continuando con il confronto tra le tre imprese studiate, si può affermare che Bancolombia è la banca più diversificata, dal punto di vista geografico, rispetto al suo luogo di origine, così come quello che ha fatto più transazioni di M & come internazionale. Quanto sopra porta a considerare che, quando il grado di internazionalizzazione delle società provenienti da diversi paesi è CONTRAS, non necessariamente quello che è più diversificato avrà un rischio inferiore, poiché gli indicatori e le geografie di diversi paesi vengono confrontati, il che suppone i livelli di discutere del rischio Pertanto, questo confronto potrebbe rendere più senso quando si esibiscono tra aziende in un paese.

CONCLUSIONI

Dall’importante quantità di transazioni M & A partire da tre delle principali banche latinoamericane, questo studio presenta il preventivo da Il grado di internazionalizzazione di esso, misurato in base al tuo livello di attività.

Non esiste un singolo argomento per affermare se l’indicatore di internazionalizzazione traduce qualcosa di positivo o negativo; Ciò può perdere un valore in base ai risultati dell’attività locale o tenendo conto dello scopo con cui il funzionamento di M & come è stato effettuato. Ad esempio, la Bancolombia riflette una chiara strategia di internazionalizzazione, ma continua a rafforzare l’attività locale ad un ritmo maggiore, che diminuisce il grado di internazionalizzazione.

Con l’indicatore stimato di internazionalizzazione, non è possibile concludere Il successo della decisione di avventurarsi all’estero da M & AS, poiché ogni banca ha comportamenti e strategie diversi. Ad esempio, in Bancolombia la sua strategia di regionalizzazione è chiaramente e metodicamente, ma nel caso del Banco do Brasile e BCP non sono costanti e né rappresentanti rispetto alla misurazione delle attività, il che rende difficile interpretare se le decisioni dello shopping erano a Movimento strategico, opportunità di business o intenzione di penetrare nei mercati, tra gli altri.

Il grado di internazionalizzazione è una misura particolare per ogni azienda ed espone la situazione internazionale dell’azienda. Questo è il modo in cui dovrebbe essere tactus quando si confronta i gradi di internazionalizzazione tra aziende provenienti da diversi paesi.

Per il grado di internazionalizzazione è rilevante quando viene eseguita la transazione di M & come; Con il passare del tempo, la velocità della crescita del business, sia domestica che internazionale, influenza l’indicatore.

Viene proposto che gli studi futuri analizzano se il M & come lo sono decisivo nell’evoluzione del grado di internazionalizzazione, cioè, se riesci a trovare prove che le banche che hanno effettuato transazioni di M & come in precedenza un grado di internazionalizzazione rispetto a quelli che non si sono avventurati in queste strategie di crescita.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *