Dove sono i più antichi ancontros indiani? Il dibattito sulla migrazione di indoaria è rinnovato

  • traduzione pubblicata il 07/07/2017 11:00 GMT
  • Scritto da subhashish panigrahi tradotto da romina navarro
  • Leggi l’articolo su ελληνικά, Português, italiano, inglese

Mappa delle migrazioni indoeuropee. Immagine di Joshua Jonathan attraverso Wikimedia Commons. CC da SA 4.0.

Ancora una volta, la teoria della migrazione di Indoaria, polemica di lunga data, nutre i dibattiti in India come risultato di un articolo pubblicato nel quotidiano indù che indica test genetici Quel popolo indoaroso proveniva dall’Asia centrale e dall’Europa al Sud Asia.

I popoli indoarosi sono un gruppo etnoluistico di persone che parlano varie lingue indoar e che, al momento, vivono al massimo nella regione Sudsian Sud. La popolazione dei discendenti contemporanei di questo gruppo supera 1.000 milioni di persone, una settima parte della popolazione mondiale.

C’è stata una lunga lotta tra coloro a favore e contro la teoria che gli indiani arrivarono in India da altre regioni. Tra gli avversari indiani della teoria sono gli indù nazionalisti, che di solito lo considero il prodotto del colonialismo progettato per denigrare l’India, così come alcuni ricercatori.

teoria alternativa offerta dagli avversari basati su Rigveda, uno dei Le più antiche sculture religiose dell’Induismo, indicano che l’Aryan era originario del subcontinente indiano. Il conflitto è stato ulteriormente approfondito dall’idea di una pura razza di Aria e di una divisione sociale che suggerisce molte scritture indù a seconda delle gare.

I principali ricercatori tendono a rifiutare questa teoria sulla base di studi linguistici e genetici . Invece, affermano che le prove indicano che gli indoaridi e gli iraniani provengono dai protoindoirs. Dopo dividere tra il 1800 e il 1600 A.C., il secondo gruppo si è stabilito nella regione dell’Iran, mentre il primo migrato all’Anatolia (la maggior parte dell’attuale Turchia), il Pakistan, l’India del Nord e il Nepal. I classici modelli di indorioos cercano di spiegare come le migrazioni erano intorno al 1500 A.C. Dall’Asia centrale e dall’Europa orientale al sud dell’Asia e dell’Anatolia, che probabilmente porterebbero agli antenati e al linguaggio sanscrito dei popoli indiani in India.

Un articolo esauriente pubblicato il 16 giugno nell’Aldo e intitolato “Genetica Risolve il dibattito sulla migrazione di Indoaria “affronta molti altri aspetti sociali legati all’ipotesi, come la struttura sociale del patriarcato dell’India e l’arrivo del linguaggio sanscrito al subcontinente indiano insieme agli Aryans.

Migrazione ‘Aria’ in India nel 2000 AC non è più una teoria. Una valanga del DNA risolve il dibattito. Questo è il mio articolo.

L’articolo cita numerose indagini effettuate in diversi paesi, alcuni che approvano e altri che invalidano la teoria. Uno degli appuntamenti che fa è circa una recente indagine su 16 scienziati che hanno portato alla pubblicazione di un revisore Articolo di ricerca per coppia È intitolato “Una cronologia genetica per i punti subcontinenti indiani a pesantemente sesso-biassals” e pubblicato nella rivista “BMC Biologia Evolutiva BMC”:

In particolare L’afflusso genetico dell’Asia centrale nell’età del bronzo è stato fortemente guidato da maschile, coerente con la struttura sociale patriarcale, patrilocale e patrilinea attribuita alla pastorale infondata tempestata della società indoeuropea. Questo faceva parte di un processo molto più ampio di espansione indoeuropea, con una fonte definitiva nella regione del Pontic-Caspio, che portava lignaggi Y-cromosomici Y strettamente correlati, una frazione più piccola di variazione a livello autosomalomatico e una frazione ancora più piccola di mitogenomi Una vasta prova di Erasia tra 5 e 3,5 kA.

In particolare, influenza genetica dall’Asia centrale durante l’Asia centrale durante l’Asia centrale durante l’Asia centrale durante L’epoca del bronzo è stata guidata dagli uomini, che è coerente con la struttura sociale patriarcale, patrilocale e patrilinea che è attribuita alla primitiva società indoeuropea che detrasse la pastorale. Faceva parte di un processo molto più ampio di espansione indoeuropea, con una fonte essenziale situata nella regione pontica del Caspio, di estranei cromosomi e strettamente correlati, una frazione più piccola di variazione di un genoma autosomico e una frazione di mitogenomas ancora lungo una vasta frangia di Eurasia tra 5 e 3,5 kA.

è anche menzionato nell’articolo al professore presso Harvard University David Reich, che ha lavorato per molto tempo in questo campo e nonché le teorie della migrazione di Indoaria. Nel 2009, ha pubblicato il lavoro “Ricostruzione della storia della popolazione indiana” e, in un’intervista che ha tenuto in seguito nel 2016, ha evidenziato la miscela di razze del subcontinente indiano:

All’inizio del 2007, abbiamo iniziato a studiare a livello di genoma intero, il livello di organismismo, il DNA inizialmente venticinque popolazioni indiane diverse. È ora più di 200 che abbiamo studiato. Noi abbiamo studiato. Noi abbiamo studiato. Noi Ha scelto queste popolazioni il più diverse possibili possibile, catturando la diversità linguistica dell’India.

La grande maggioranza dei gruppi indiani oggi discende da una miscela di fondamentalmente solo due popolats ancestrali, uno che chiamiamo l’ancestrale antico Indiano del Nord e uno che chiamiamo l’indiano sud ancestrale. Tutti sono mescolati in India senza eccezioni. Anche i gruppi più isolati, che sono cacciatore-raccoglitori che vivono nella foresta o nei luoghi isolati, tutti sono mescolati con almeno il 20% di ciascuno di ciascuno di THESSTRIES.

All’inizio del 2007, iniziamo a studiare tutto il genoma, tutto l’organismo e il DNA delle prime 25 diverse popolazioni indiane. Ora, ci sono già più di 200 popolazioni studiate. Selezioniamo queste popolazioni in cerca di essere il più vario possibile per catturare la diversità linguistica dell’India.

La stragrande maggioranza dei gruppi indiani di oggi scendono da una miscela di due due popolazioni ancestrali di base, una a cui chiamiamo l’antico antenato dell’India settentrionale e un altro che chiamiamo dall’India meridionale. Tutto in India è un prodotto di miscele, senza eccezioni. Anche i gruppi più isolati, che sono i collezionisti dei cacciatori che vivono in foreste o luoghi isolati, tutti hanno una miscela di almeno il venti percento di questi antenati.

Schema di migrazioni indoeuropee da 4000 a 1000 aC Secondo l’ipotesi di Kurgan. Immagine ottenuta da Wikimedia Commons Commons Dbachmann. CC da SA 3.0.

‘Se hai cambiato veramente i risultati, cambierò anche la mia opinione’

Audrey Truschke, assistente professore della storia meridionale dei rutgers universitari, Situato negli Stati Uniti, ha twittato in riferimento all’articolo:

Risultati linguistici che supportano la teoria della migrazione Aria sono molto solide. Anche per coloro che hanno bisogno di scienze difficili.

Allo stesso modo, sitarm yechury, leader veterano del partito della Comunità dell’India e Devdutt Pattanaik, mitologo e scrittore , ha elogiato l’articolo:

I test storici della migrazione dell’Aria e della confluenza che rappresenta l’India. Un lavoro luminoso Tony Joseph.

Un articolo eccellente. Gli scienziati deluderanno coloro che odiano i miti.

Tuttavia, Anand Ranganathan, direttore consultivo del sito di notizie indiane Newslaundry.com, ha confutato l’articolo dall indù:

Brevi riflessioni sul lavoro interessante della migrazione Aria pubblicata oggi presso l’indù.

In Facebook, l’utente Nityanand Jayaraman ha anche sottolineato la possibilità di una stretta connessione tra gli indiani nord e i popoli dell’Afghanistan e del Pakistan:

Interessante articolo su come Yogi Adityanath e Vishnu Bhagwat possono essere più strettamente correlati ai loro fratelli in Pakistan e in Afghanistan di quanto non importa di riconoscere. E sul multiculturalismo dell’India.

Interessante articolo sulla parentela di Yogi Adityanath e Vishnu Bhagwat con i suoi fratelli del Pakistan e dell’Afghanistan, forse più stretto di quello che vorrebbero riconoscere. E sul multiculturalismo dell’India.

sanjeev sanyal, scrittore che ha opposto alla teoria dell’Aria Invasion, ha scritto su Facebook che leggeva i lavori pubblicati di recente e è disposto a cambiare idea se hai cambiato i test:

Le prove genetiche sull’invasione “Aryan” sembrano spostarsi per supportare alla migrazione intorno al 2000 BC (in base a questo articolo comunque). Non ho seguito da vicino gli ultimi documenti, avrà bisogno di tempo per leggere i nuovi documenti su questo. Se le prove sono cambiate davvero, cambierò anche la mia opinione. Solo modo di fare ricerche.

I test genetici della “Aria Invasion” sembrano essere cambiati per supportare la teoria di una migrazione in giro il 2000 AC.(Certo, secondo questo articolo). Non ho seguito da vicino, ho bisogno di tempo per leggerli. Se hai davvero cambiato i risultati, cambierò anche la mia opinione.

Il dibattito sul fatto che gli Indoari siano migrati in India e portati con sé la loro precedente lingua sanscrita Alla regione Sudasia continua e apre la strada a nuove indagini antropologiche sui popoli, culture e lingue della regione. Ci sono più di 780 lingue in tutta l’India, che fanno uno dei paesi linguisticamente più diversi del mondo. Tuttavia, di queste lingue, solo 22 godono della protezione costituzionale, mentre più di 196 lingue sono in pericolo di estinzione.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *