Dio della guerra: Ragnarok: Questa è la brutale Apocalisse nordica nordica su cui il dio della guerra di PS5

Dio della guerra

Condividi

20 settembre 2020, 23: 59 – Aggiornato il 1 ° ottobre 2020, 01:01

La rabbia Kratos è implacabile. Il Dio della Guerra Sony si affacciava la mitologia greca annientò qualsiasi divinità che attraversava la sua strada. Compreso il suo padre, Zeus stesso. E anche se la violenza più esplicita è uno degli elementi centrali della Saga Santa Monica Studios, ciò che possiamo aspettarci dal “Sequel God of War è ad un livello completamente diverso: Cory Balrod scatenerà il Ragnarok su PS5!

Dio della guerra: Ragnarok seguirà la Estela dello spettacolare dio della guerra nel 2018, che era una continuazione diretta dell’intera saga – e una specie di riavvio quasi totale dello stesso – integrando il suo protagonista completamente nelle leggende scandinave . Alla scoperta del giocatore La sua doganale, le sue creature mitologiche, la sua caratteristica atmosfera e cultura e, naturalmente, affrontando le sue divinità.

Una mitologia che, a proposito, era completamente devastata durante la battaglia degli dei più epici mai correlato.

Un evento che i popoli dell’Europa del Nord battezzati come Ragnarok. Solo questo, nell’universo di Dio della guerra (non per perdere l’abitudine) sarà il detonato della inevitabile spirale di caos, morte e distruzione in cui sarà avvolto il resto di Odín, Thor e il resto del Pantheon Nordico.

E sapremo che nelle storie del poetico Edda, il Compendio di opere che ha trasmesso la mitologia scandinava e la Germania Leggende eroiche a questo giorno, il Ragnarok suppone l’inevitabile fine del mondo (e della vita) come sappiamo esso In sostanza, l’apocalisse nordico. Ma, come è nato tutto?

circa la caduta del figlio di Odin e il più grande viaggio del Dio di Deception

EGHF9Y5ueAadocm
Freya che cammina con Atreo in Dio della guerra

è relativamente comune che c’è una specie di conflitto tra il bene e il male nella maggior parte delle convinzioni. Tuttavia, nella mitologia nordica l’argomento più ricorrente è sottilmente diverso: quasi tutto ruota attorno all’equilibrio tra ordine e caos.

The æsir, gli abitanti del regno di Asgard e dei principali dei, simboleggiano l’ordine in opposizione a caos prevalente nel mondo. E nonostante i suoi buoni rapporti con Odino, il re del æsir e il padre delle grandi personalità di Asgard, il Buscare di Loki non era un æsir.

dalle vene di Loki corse il sangue del Jotun, una razza di giganti che erano molto più vicini alla natura di æsir. I reggenti di Asgard erano soprattutto gli altri, i mortali o no, ma Loki non ci è voluto molto per vincere il favore di Odin, che lo vedeva come suo fratello sapendo la sua natura cattiva, contorta e imprevedibile.

Il caos prevale in natura, l’ordine in Asgard

Gli scandinavi consideravano Loki l’origine di tutte le bugie e inganni. Il caos incarnato, ovviamente, capace di generare i più grandi conflitti e i più sottili disaccordi. Ma anche, un essere pieno di ingenuità in grado di fornire una soluzione inaspettata ai problemi più delicati. Di solito, coloro che avevano provocato.

e sebbene non sia chiaro che le sue origini siano di natura divina, la loro padronanza delle arti magiche era prodigiosa. Abbastanza per ingannare il æsir con qualche frequenza. A volte da soli e altri per la vendetta. A cui devi aggiungere i problemi che lui stesso ha portato dietro la schiena. In uno dei suoi scherzi, finì persino di dare a Bilepnir, una potente steed a otto zampe!

Jormungand al Nine Lake
Jörmundggander, uno dei figli di Loki alla mitologia nordica

Mentre Loki aveva bambini relativamente normali (Narfi e Varfi) con sua moglie Sigyn, le leggende nordiche attribuiscono anche la paternità delle creature che avranno un ruolo trascendentale nella Ragnarok, tra cui:

  • Hela, la massima autorità del regno dei morti, la cui metà del corpo sembrava un cadavere
  • il gigante lupo fenrir, figlio del Giantertengroda, che si è concluso incatenato dal æsir per evitare importanti mali nei regni governati da Odin.
  • jörmundggander, il serpente di Midgard, una creatura che raggiungerebbe una dimensione così colossale che era persino in grado di circondare la terra.

Mentre Loki aveva generato creature così potenti E spaventoso, la verità è che le odi che erano cantate attorno al æsir o dall’Odin stesso non rimanga molto indietro. E nonostante le differenze e gli scherzi di Loki, in un certo senso, l’æsir aveva imparato a vivere con lui, essendo consapevole che prima o poi avrebbero finito per ricevere una antipatia. E così fu fino a quando il giorno Loki è andato dalla linea.

ehgrcvucee4q8g

Balder, Bambino da Odin e Frigg e Dio della luce e la verità, Ha sofferto incubi. Ogni volta era più frequente che contemplare la propria morte nei sogni; E questo ha avvisato il æsir: Essere consapevoli del fatto che è stata una premonizione, hanno preso misure e assicurarsi che quasi nessuna arma o creatura potesse danneggiare o porre fine alle loro vite. Tuttavia, c’è stata un’eccezione: vischio. Come potrebbe essere una minaccia?

Dato la sua condizione di quasi immortale, Baleder era solito incitare gli altri a buttargli oggetti per cercare di ferirlo. Un attimo che Loki ha colto l’occasione per ingannare Höðr, il fratello cieco di Balder, offrendogli una freccia di vischio. Balder è stata ferita della morte e che la malizia supponeva la caduta che riempì il vetro per æsir.

Ehgrcvucaahas22
La morte di Balder era l’inizio del crepuscolo degli dei

div “41c022ab75”>

Le motivazioni Loki erano ambigue. Da un lato, era la sua natura, naturalmente, ma aveva anche assistito a come l’æsir aveva trattato crudelmente e condannato i loro figli, convulgarsi o annullarli dopo averli considerati grandi minacce. Tuttavia, a differenza dei loro precedenti incalati, questa volta è stato trovato davanti a tutta la rabbia di Odin e della sua famiglia.

La condanna di Loki: rimarrà legata a una pietra con i visceri di uno dei suoi figli , ricevendo una costante goccia di veleno che causerà un dolore infinito fino alla fine dei tempi. Infatti, è rimasto fino al giorno di Ragnarok.

La Ragnarok, la battaglia della fine del mondo

Kratos e atreus vs daudi kaupmadr

-” >

La Ragnarok è la battaglia definitiva della mitologia nordica. L’evento che condannerà tutti i regni si precipitarono da Asgard e del mondo stesso dopo una rivolta apotosica tra Odin e Loki. Un’epica battaglia senza precedenti in cui, ancora una volta, collidano l’ordine e il caos.

La fine del tempo è preceduta da due grandi eventi. Da un lato, si svolgeranno tre inverni seguiti senza estati intermedi (il FimBulvetr); Mentre, per un’altra le divinità del sole e della luna saranno finalmente raggiunte dal Lobos Sköll e Hati, immergendo il mondo in difficoltà, disperazione e oscurità.

EOR4BESVAAEBQDQ KRATOS E ATREUS prima dell’inclemento freddo Northern

Broken Bilancia tra ordine e caos, lungo i sette regni, le persone subordinate a Asgard cominciarono a salire, compresa la rivolta inaspettata del morto HEL. Il mondo cominciò a rabbrividire nel senso più letterale e, infine, Loki riuscì a liberarsi dal suo recinto.

In questo periodo di completa incertezza, Loki e i suoi figli Hela, Fenrir e Jörmundggander, guideranno il Gli eserciti di Jotun, saranno allineati con Surtur, il re di Muspelheim Fire Giants, e rivendicherà il controllo dei morti di Hel, preparando per la battaglia definitiva contro Odin. Da parte sua, le forze faranno parte della lotta insieme a Einheria, gli spiriti dei guerrieri che erano morti in battaglia.

Come narrato nelle storie del poetico Edda, il destino di Thor è di morire Proprio alla conclusione del suo confronto con il gigantesco serpente Jörmundggander, la vita di Odin uscirà durante la sua battaglia con il lupo di Fenrir e, finalmente, Loki cadrà per mano di Heimdall, prendendo la vita del suo esecutore prima di morire.

dio della guerra concept art tretych 01
Surtur, in uno delle immagini di God of War

Alla caduta in battaglia di Odin, Loki e Thor You Devo aggiungere la perdita di innumerevoli vite, ma la vera estremità del mondo sarà causata da Surtur, che distribuirà tutto il suo potere incenerire l’intero universo e i suoi abitanti nel processo.

Portando tutti gli esseri sulla terra e, infine, seccarlando la superficie del mondo sotto il mare. Essendo la spilla apotheosica del randnarok inclemente e, allo stesso tempo, l’inizio di una nuova era.

Cosa possiamo aspettarci da Dio della guerra: Ragnarok?

EORXG2QUQ0AEUFRW

Gli eventi di Ragnarok sono stati adattati in mille modi durante innumerevoli generazioni alla cultura popolare, incluso l’universo cinematografico di Marvel. Tuttavia, il nuovo capitolo della serie God of War sarà la continuazione diretta del gioco 2018 del 2018. E ciò significa che prima di avanzare dovrebbe avere la sua ultima idea

per questo, e prima Posa di come si adatta alla mitologia nordica e alla saga di Santa Monica, lo consigliamo vivamente da questo articolo hai completato la principale storia del gioco.

In altre parole, sotto troverai spoiler sul Final de God of War (2018) Con una vista per allineare i pezzi del gioco al tuo sequel.

Tyr Banner Ascensore Panel01 02
Ultima linea di avvertimento su spoiler

Come probabilmente hai già visto, Cory Balrod e il suo team ci hanno svegliato in mitologia nordica, distanziando, con molto successo, degli eventi descritti in Poetic Edda. Tuttavia, avrete anche dedotto che anche il God of War climax suppone il primo passo verso Ragnarok.

Compreso la caduta di Balder (Baldur nel gioco) e la successiva rivelazione dell’identità del figlio Di Kratos: Atreo è lo stesso Loki.

Durante il Dio della guerra, Atreo – sempre sotto la protezione del Kratos ha l’opportunità di interagire con molti degli agenti chiave del Ragnarok, incluso il Jörmundgger Snake. Ma vince anche, accanto a suo padre, l’ira di Freya, la strega della foresta e la moglie di Odin. Ma, soprattutto, la madre di Baldur.

Siamo d’accordo sul fatto che Baldur è lontano dall’essere il personaggio descritto in Poetic Edda. Inoltre, troviamo anche un Loki (vale la pena ricordare che Atreus è un figlio di un jotun) che poco a poco ha cominciato a forgiare il suo personaggio e che ha appena iniziato a scoprire la sua natura divina, che proviene dal padre.

Molto probabilmente, almeno mentre Kratos Viva, il Loki di Dio della guerra sarà molto meno cattivo e spudorato di quello della mitologia nordica. Ma questo non significa che sia meno interessante.

È chiaro che stanno arrivando grandi eventi. La collisione tra un Thor che ha sollevato molto fugace in Dio della guerra e Kratos (o l’Atreo stesso) è inevitabile. E che il simbolo del gioco è allo stesso tempo un occhiolino a Jörmundggander, che in teoria è destinato a divorare il Dio del tuono, ci dà più indizi sull’inevitabile che questo confronto sarà.

EOR4BETOUYAAA2RTH JÖRMUNDGANDGANDER, VERSUS KRATOS e ATREUS

Tuttavia, i tasti per capire un po ‘meglio cosa è venire noi non li troveremo sparsi nei nostri viaggi attraverso i regni, ma nei ricordi Di Mimir, la testa che Kratos ha sospeso e che ci guida tra hack e demolizioni. Secondo le sue stesse parole, l’uomo più intelligente c’è.

La profezia di Ragnarok è conosciuta (e temuta) dal æsir di Dio della guerra. Infatti, Mimir stesso parla di come l’Odin stesso, sempre più diffidente, cerca di far progredire l’evento, acquisendo tutte le possibili conoscenze attraverso le visioni proprie e aliene.

Screenshot 2068
Baldur, il preventivo di FimBulvet Prima di Ragnarok

odin è descritto in Dio della guerra come carattere molto ambizioso, maniaco, terribilmente bellicista e costantemente tormentato dai propri desideri e ossessioni. Un reggente che ambienta il controllo di tutti i regni, nonostante il fatto che non abbia problemi di eliminare i giganti e altre creature. Un’ossessione sadica che, in un certo modo, ha ereditato suo figlio Thor.

tra le visioni che Odin è riuscita a sottolineare quella del Grana, il Guardiano della conoscenza, che per anni ha viaggiato dal Regno Lettura di Tomos dell’antica saggezza.

Nel tempo, ha ottenuto una visione del Ragnarok, risvegliando la curiosità del re del æsir, che ha preso la sua conoscenza, le sue rune, la propria vita e un’ultima profezia: un fantasma pallido da terre lontane E suo figlio sarà coinvolto nella battaglia che darà origine alla fine dei tempi.

La caduta di Baldur per mano di Kratos e Atreo presupposte l’inizio del Fimbulvetr e il pronance della rabbia di i re æsir. Avanti, ci sono tre inverni successivi fino a quando il più grande conflitto si è mai verificato nel saga Dio della guerra, il periodo in cui Atreo deve crescere come un guerriero, accettare il suo destino come Dio.

E, quando il tempo, Di fronte al æsir nell’inevitabile Ragnarok.

Screenshot 2069
Atreo, parte chiave per l’eredità del dio della saga di guerra

Il Ragnarok è considerato Allo stesso tempo la fine di tutto e l’inizio di tutto. Nella mitologia nordica, dopo la distruzione del mondo, inizia una nuova era, un nuovo sole apparirà e persino la vita aprirà via in una nuova e promettente tela vuota.

Ci sarà una nuova consegna di Dio Guerra dopo l’Apocalisse Nordico di Santa Monica Studios? Bene, la cosa non punta niente per Kratos.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *