Dainippon Teikoku Rikugun Kokubutai (Imperial Air Force del Giappone) (1939-1945)

la dainippon teikoku rikugun kōkūbutai era molto sviluppato negli anni ’30. All’inizio della guerra aveva un arsenale di aeromobili di prima classe, ma durante il corso del conflitto non aveva ristrutturazione e che lo costò un sacco di Giappone.

La lista dei progettisti e i produttori e i modelli più rappresentativi sono:

Aichi Tokei Denki, è stato fondato a Nagoya nel 1898 come Aichi Tokei Denki Seiz Kabushiki Kaisha, dedicato alla fabbricazione di orologi. Nel luglio del 1912, Aichi Tokei Denki Co., Ltd. è stato rinomato nel 1920, iniziò la produzione di aeromobili, con il consulente tedesco Heinkel. Poi incoraggiato dalla Marina imperiale, ha determinato che i portatori di aeromobili erano l’arma per eccellenza, Aichi iniziò la fabbricazione di aerei navali con il consiglio di brevi fratelli della Gran Bretagna. È rimasto nell’attività fino al 1945.

AICHI TKESI DENKI KK

D3A-VAL
D3A “Val”

Nel 1943 Aichi Tokei ha fatto un turno conforme all’Aichi Kokuki Kabushiki Kaisha, che fu dissolto alla fine della guerra. Attualmente il suo discendente è l’Aichi Kikai Kōgyō Kabushiki Kaisha dedicato alla fabbricazione di parti per camion e camion Nisan.

AICHI KOKUKI KK

B7A-RYUSEI
B7A Ryusei “Grace”

Kawanishi Kokuki è stata fondata nel 1920 nella prefettura di Hyogo come parte della Corporation Kawanishi. Sebbene Kawanishi sia meglio conosciuto per le sue idrovolazioni anche gli aeromobili da caccia fabbricati in base alla terra. La caccia a Kawanishi N1K14 si distingue. Alla fine della guerra è stato rifutato come Shin Meiwa che è stato in seguito chiamato Shin Maywa.

KAWANICHI KKUKI KK

N1K1 KIOFU “Rex”

N2K2 / -J Shiden-Kai “George”

Altri produttori: OMURA KAIGUN Kokusho, Mitsubishi, Aichi showa, Dai-Juichi

h8k
** H8K1 / 2

Kawasaki Kokuki è stato uno dei primi produttori di aeromobili in Giappone fondata nel 1918 come parte dell’organizzazione Kawasaki. Negli anni ’30 ha prodotto biplani e motori sotto licenza e il suo design. Nel 1923 ha assunto il Vogt Richard tedesco per collaborare nella progettazione di aeromobili e addestrare ingegneri giapponesi. Rimase al comando fino al 1933. Uno dei suoi studenti è stato takeo doi che era dopo essere stato un designer di Kawasaki e poi è diventato il capo del design di Blohm & voss.

kawasaki kokuki kogyo kk

KI-45 / A Toryu, “Nick”

kai / b

kai / c

hei

Kai / D

KI-61
KI-61 / I / II / III HIE “Tony”

KI -100-5

KI-102 “RANDY”

KI-48I / IIA / IIB / IIC “Lily”

Mitsubishi è una delle più antiche aziende pesanti giapponesi. Fu fondato a Nagasaki nel 1857 per la fabbricazione di barche. Nel 1934 la produzione di aeromobili iniziò con la compagnia Mitsubishi Jukogyo, ma ha mantenuto l’attività principale che la produzione di navi è uno degli esempi Argentina Maru che è stato in seguito convertito nel corriere Kaiyo e sottomarini da I-19 al leggendario I – 25.

MITSUBISHI JUKOGYO KK

A5M “CLAUDE”

Altri produttori: Dai-Nijuichi KK, Watanabe Tekkosho Kk

A6M A6M Zero-Sen “Zeke”

A6M1

A6M8C

A6M2-N

Altro Produttore: nakajima hikoki kk

F1M
** f1m “pete”

G3M
* G3M1 / 2/3 “NELL”

Altri produttori: Mitsubishi Jukogyo KK-Nagoya, Nakjima Hikoki KK-Koizumi

* G3M1 / 2/3 “Nell”

Altri produttori: Mitsubishi jukogyo kk-nagoya, nakjima hikoki kk-koizumi

g4m
* G4M / 1/2 / 3C / 6m “Betty”

J2M Raiden” Jack “

J2M5

Altro Produttore: Koza Kaigun Kokusho

KI-15 “BABS”

KI-21
* Ki-21 / -i / -iia / iiib ” Sally “

Altri produttore: nakajima hikoki kk

KI-30
* Ki-30 “Ann”

Altri produttori: Tachikawa Dai-ichi Rikugun Kokusho

KI-46
Ki-46 “Dinah”

KI-46 100/1/2/3/4

KI-46-I KI-46-IVB

KI-67
* KI-67 / -A / IB / II /, * Ki-109 Hiryu “Peggy”

Altri produttori: Kawasaki, Nippon Kokusai Koku Kk, Tachikawa

Nakajima Hikoki Kk, è stata la prima fabbrica di aeromobili fondata in Giappone.La società è stata fondata come Nihon Hikoki nel 1918 dall’ingegnere navale Chikuhei Nakajima e il produttore tessile Seibei Kawanishi. Un anno dopo i partner separati e Nakajima comprarono Nihon Hikoki con la venuta del governo giapponese. La società è stata ribattezzata Nakajima Hikoki quella stessa anno. Nakajima aveva tre fabbriche situate a Tokyo, Musashino, Donryu, Ota (che fu distrutta alla fine della guerra per i bombardieri statunitensi e che oggi è l’indiorstries pesanti di Fuji) e Koizumi, anche bombardati verso la fine della guerra e che oggi è il Fabbrica di sanyo

nakajima hikoki kk

B5n1
B5N1 / 2 “Kate”

Altri produttori: Aichi Tokei Denki, Dai-Juichi Kaigun Kokusho (Hiro)

B6N1
B6N1 / 2 hanno “jill”

J1N1
J1N1 “IRVING”

KI27
Ki-27A / B

Altri produttore: Mansy Hikoki Seiz KK

ki43
Ki-43 Hayabusa” Oscar “

Altri produttori: Tachikawa Hikoki KK, Tachikawa Dai-Ichi Rikugun (Arsenal)

KI-44
KI-44-IA / B / C / IIA / B / C / III SHOKI “TOJO”

KI-49
KI-49 / I / II / IIB / III / KI-58 Donryu “Helen”

Altri produttori: Tachikawa Hikoki Kk, Mansy Hikoki

KI-84
* Ki-84-I / A / A / A / C Hayate “Frank”

Altro Produttore: Mansy Hikoki Seizu KK

KI-106

Altro Produttore: Tashikawa Hikoki KK

Yokosuka, Dai-Ichi Kaigun Koku Gijitsusho era un arsenale del governo giapponese fondato nel 1869 dalla Marina Imperiale a Yokohama , Baia di Tokyo. L’Arsenal di nome Yokosuka ha fornito riparazioni, costruzione di barche e stoccaggio di munizioni e forniture. Ha anche avuto la missione della valutazione degli aeromobili acquistati all’estero. Gli aeroplani assemblati e con i propri piloti li hanno valutati. Yokosuka ha anche apportato le modifiche pertinenti in base alle valutazioni e alle proprie esigenze. Durante la guerra l’Arsenal era responsabile della progettazione di aerei navali che venivano successivamente fabbricati da Aichi Kokuki, Watanabe Tekkojo.

Yokosuka, Dai-Ichi Kaigun Koku Gijitsusho

D4Y3
D4Y / 1-C / 2/2-C / 2S D4Y3 SUISEI “JUDY”

Produttori; AICHI KOKUKI KK, DAI-JUICHI KAIGUN KOKUSHO

OHKA
MXY-7 OHKA “BAKA”

Produttore: Dai-iChi Kaigun Kokusho

P1Y1
P1Y1 / 11 / S GINGA “FRANCESE”

Produttori: nakajima hikoki kk, kawanishi kokuki kk

P1Y2S
P1Y2 / 2S

Produttori: nakajima hikoki kk, kawanishi kokuki kk

Pubblicato: March 14/2002 – Aggiornato il 26 agosto / 2020

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *