Creano un aeroplano alimentato da “vento ionico”, senza eliche e che non ha bisogno di carburante

il volo di successo dell’aeromobile ION Test effettuati in una nave – MIT

Gli ingegneri MIT hanno creato un aeromobile che vola senza parti mobili come eliche o turbine e senza utilizzare combustibili fossili

Madridualizzata: 21/11/2018 19: 23H

La nave aziendale solco lo spazio vicino a uno strano pianeta. L’equipaggio decide di avvicinarsi al mondo sconosciuto per esplorare i loro misteri, quindi mandano una navetta diretta per il romanzo territorio. Nessun rumore, galleggiante, solo un raggio di luce blu indica che c’è una forza che propulsiva il piccolo aeromobile che esce attraverso il portello. Un bambino guarda negli anni ottanta questa scena della serie “Star Trek” a casa e mi chiede come può muoversi anche su un pianeta con atmosfera e gravità senza elicotteri o turbine. Questo pensiero accompagnato per tutta la sua vita al bambino, ora diventa un importante ingegnere del MIT e che si è avvicinato al suo sogno di costruire e volare un aereo simile a quello che ha visto in televisione nel suo giorno: con energia pulita e nessuna parte mobile.

Per nove anni, Steven Barrett, professore associato di aeronautica e astronautica al MIT, ha pensato come gli aeromobili simili potrebbero diventare realtà che ha funzionato nella vita reale. L’ispirazione è arrivata una notte di insonnia in un hotel: “A causa del programma, non riuscivo a dormire e ho pensato a tutto questo, così ho iniziato a cercare modi per renderlo possibile”, afferma Barret, che pubblica questo mercoledì i suoi risultati la rivista “natura”. L’ingegnere ha rilevato una forza scoperta nel 1920 che descriveva il principio fisico che si verifica quando una corrente passa tra un elettrodo sottile e una spinta più spessa, nota come elettroeerodinamica o “vento ionico”. Questo sistema era stato utilizzato da dilettanti per volare senza combustibili o parti mobili piccoli aeromobili, ma è stato esitato sulla possibilità di utilizzare questa energia per un aeromobile più grande. Fino a quando Barrett è arrivato.

Aircraft ibrido

“Ho fatto alcuni calcoli sul retro di una busta e ho scoperto Sì, potrebbe diventare un sistema di propulsione valido. Ma è risultato che molti anni di lavoro Vai da quello a un primo volo di prova “, afferma il creatore di questo velivolo che ha appena fatto il suo primo e il suo volo di successo all’interno di una nave. Mentre molto di più è previsto da questa nuova tecnologia che è promessa come pulita e sostenibile, prima per piccoli aeromobili e droni senza equipaggio, allora chi sa se per l’aviazione commerciale.

In effetti, Barrett e il suo team MIT credono che la propulsione ionica possa essere utilizzata insieme a sistemi di combustione più convenzionali in futuro per creare un aeromobile ibrido molto più efficiente. “Ciò ha potenzialmente aperto le possibilità nuove e inesplorate per gli aeromobili più silenziosi, meccanicamente più semplici e non che non emettono le emissioni di combustione (…) dovrebbero essere più simili alle navette in” Star Trek “, che hanno solo un lucentezza blu e loro Scivola in silenzio “, dice.

Come funziona

La progettazione finale dell’aeromobile guidata da “ioni del vento” ricorda i primi alianti del ventesimo secolo. Con un peso di 5 sterline (qualcosa di più di 2 chilogrammi) e una grandezza di 5 metri, la tecnologia è nascosta tra le ali: una fila di cavi caricati sottili caricati positivamente sulla parte anteriore e un altro cavo più spesso caricato negativamente nella parte posteriore, chi crea una spinta elettrodinamica.

Immagine schematica del piano, dove è possibile vedere i cavi sotto le ali
immagine schematica del Aereo, dove è possibile visualizzare i cavi sotto le ali – MIT

La fusoliera dell’aeromobile contiene, inoltre, una pila di batterie polimeriche al litio -Coloada Nel corpo dell’aereo -, che fornisce energia elettrica a 40.000 volt per caricare positivamente i cavi attraverso un convertitore di potenza luminosa. Poiché la nuvola di ioni fluisce ai cavi caricati negativamente, ogni ione coltiva milioni di volte con altre molecole d’aria, creando una spinta che guida l’aeroplano in avanti, rendendo il volo possibile.

Il giorno del volo

La squadra, che includeva anche il personale di laboratorio di Lincoln Thomas Sebastian e Mark Woolstton, ha reso l’aereo volare su diversi voli di prova attraverso la palestra nell’Atlético Dupont Center Di MIT, il più grande spazio interno che potevano trovare per svolgere i loro esperimenti.L’aereo, che ha prodotto abbastanza ionico spinta per mantenere il volo, ha visitato una distanza di 60 metri (la distanza massima all’interno della palestra), ripetendo la stessa traiettoria in modo soddisfacente fino a dieci occasioni.

Studenti MIT preparando l'aereo prima del volo
MIT Studenti preparando l’aereo prima del volo

“Questo è il piano più semplice che potremmo progettare e che potrebbe assaggiare il concetto che un aereo ionico potrebbe volare, anche se è ancora lontano dall’avere applicazioni pratiche. Deve essere più efficiente, volare per più tempo e all’aperto” , scopo.

A questo proposito, punta ad ABC che per la tecnologia per raggiungere le mani, c’è ancora tempo: “Per i droni alati fissi, potrebbe essere in un decennio più o meno. Ma per qualsiasi cosa Questo ha persone, se ce l’abbiamo fattibile, che non è ancora sicuro, stiamo parlando di più di 20 A noi”.

Barrett è consapevole del tante lavoro che rimane avanti. “Devi ancora costruire un aeromobile più efficiente e pratico e fare alcuni progressi fondamentali nella tecnologia di propulsione. Ciò include l’integrazione del sistema di propulsione nella fusoliera del piano per produrre spinta invece di un effetto residuo”, dice. Tuttavia, l’ingegnere ha ancora margine: la trama della sua serie preferita, in cui le navi spaziali sono state spinte da un’energia invisibile, non sono iniziate fino al 2063. Forse per poi essere una realtà, come gran parte della tecnologia che i creatori immaginati La serie senza sapere che si avverebbe.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *