Come educare i bambini che prendono tutto da altri

Una situazione che “irrequieta” a molti genitori è cosa fare quando il bambino di solito si appropria di altri giocattoli per bambini. È una situazione che di solito accade abbastanza frequentemente e di solito preoccuparsi (e fastidio), ma devi essere calmo poiché è qualcosa di abbastanza normale nei più piccoli.

È importante sapere perché agiscono come che per essere in grado di agire e correggere correttamente questi comportamenti. Ti diciamo quali possono essere le cause di un bambino proprio ciò che gli altri hanno e ti diamo un consiglio su come educare i bambini che prendono tutto lontano dagli altri.

Perché ci sono bambini che vogliono solo gli altri

Come educare i bambini che prendono tutto rimuovi tutto per gli altri

Qualcosa che caratterizza lo sviluppo dei più piccoli, fino a 3-4 anni, è un pensiero egocentrico. I bambini ad una certa età, vedi il mondo e interpretarlo per quanto riguarda il loro punto di vista, è difficile per loro essere collocato dall’altro posto, comprendendo gli altri … qualcosa che si riflette in molti aspetti del piccolo sviluppo, Poiché possono essere la lingua e il gioco.

Per quanto riguarda il gioco del bambino, si sta evolvendo parallelo allo sviluppo in altre aree, (cognitivo, sociale …) che va da un gioco iniziale da solo o in parallelo a più forme di gioco “social”. I bambini piccoli giocano da soli, o tanto in parallelo agli altri bambini, ma non c’è un gioco condiviso come tale. Fino a 4 anni possiamo differire tra:

– Gioco individuale. Prima di due anni, non tiene conto degli altri.

– Gioco parallelo. È un tipo di gioco in cui i bambini giocano insieme, ma non c’è relazione tra loro. Sono osservati e imitati ma non interagire. È comune tra 2 e 4 anni.

Per tutto ciò è normale che in questo settore, 3-4 anni, possa verificarsi situazioni in cui i bambini portano via i loro giocattoli per gli altri nel parco, a casa o nella classe. Ed è molto importante che i genitori e gli adulti che relazionano al bambino, sappiamo agire.

Alcuni genitori scelgono perché sono i bambini stessi che “risolvono” il problema, ma è difficile per I bambini da 3 -4 anni lo fanno correttamente. Il conflitto è solitamente rifinito con un piccolo pianto o strappando improbabile il giocattolo usurpato all’altro figlio. Altri genitori possono scegliere di sgretare e punire il bambino senza i loro giocattoli. O con un discorso sull’importante cosa per condividere i giocattoli con altri bambini e come l’altro bambino può sentire.

Il bambino che toglie tutto per gli altri non è nemmeno un bambino “cattivo”. Cosa avere qualche problema, ma è in mente conoscere queste situazioni in modo da imparare a poco a poco come recitare. Normalmente il bambino che toglie qualcosa ad un altro è semplicemente perché ha visto qualcosa che gli piace e vuole averlo. Non tiene conto se è da un altro bambino o come sta per sentire, lo vuole solo e lo vuole ora. Non ci sono intenzioni scure dietro.

Suggerimenti per educare i bambini che prendono le cose lontano dagli altri

in queste situazioni, come possiamo agire?

1. A questo punto, i limiti sono importanti. Lascia il bambino chiaro, cosa può e cosa non può fare, e insegnargli il modo corretto di agire. Impostare i limiti e non concedere tutti i tuoi desideri è importante, in questo modo il bambino sta capendo che non può avere tutto ciò che vuole e vuole, che ci sono cose che non può avere.

2. Qualcosa che dobbiamo evitare sta rimproverando il bambino in eccesso. Se quando rimuovi un giocattolo, (o qualsiasi oggetto, cibo, ecc …) ad un altro bambino, non ti rimprovera e mi mostro in eccesso, il bambino può reazioni con più rabbia e frustrazione e entrare nel campo di “tantrum” . Possiamo avvicinarci e tranquillamente dire il piccolo che non possiamo rimuovere i giocattoli e siamo tornati all’altro figlio. Se il bambino si arrabbia e si arrabbia, possiamo “portarlo fuori” dal gioco per un momento con noi, e semplicemente dirgli di chiedere cose. Richiama che i colloqui lunghi non servono molto nei bambini piccoli. Se, al contrario, il bambino reagisce bene, lo rafforzeremo e faremo che ci piace il suo comportamento.

3. Una performance che non è consigliabile, è “sovraccarica” il bambino. Ad esempio, un bambino sta mangiando un chuche e un figlio mio figlio e lo rimuove. Siamo tornati all’altro figlio, ma per evitare il “dramma” che compro un altro. Stiamo insegnando al bambino a ottenere ciò che vuole inadeguatamente e non impara a gestire la frustrazione.

4. È anche importante insegnarti come dovremmo agire quando voglio qualcosa che un altro figlio ha, insegnandolo a condividere, giocare con altri bambini, e posso persino fare un modello e un mediatore. Poco a poco impareranno da solo.

In sintesi si tratta di correggere il bambino poiché la comprensione del momento evolutivo in cui è, fissando i limiti e stabilendo alcune regole relazionali con i suoi uguali.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *