92.000 morti in un anno: la Spagna è uno dei paesi con più morti nella pandemia

la prima ondata ha colpito la Spagna prima di gran parte del mondo. Il paese era uno dei primi dove sono stati sparati i contagi, lasciando alcune figure dure, dal peggiore europeo: tra il 22 marzo e il 12 aprile 2020, le morti sono raddoppiate rispetto alle stesse date dell’anno precedente, secondo Record ine. Ma non sarebbe l’unico colpo. In estate, i casi sollevati ancora piuttosto che nel resto del continente – la variante del virus che ha dominato la regione in autunno è stata in grado di lasciare il nostro paese – causando due picchi di reddito e defunto in ottobre e gennaio.

La gocciolamento delle figure decedute è diventata consuetudine a parlare di centinaia di morti giornalieri da parte di Covid-19, una malattia che due anni fa non esisteva. Guardandoli con la prospettiva, queste morti sono tradotte in dati eccezionali: sarebbe stato quello del 2020 circa 400.000 morti sono registrati in Spagna – con una media di ciò che è accaduto tra il 2015 e il 2019 – ma sono stati vicini a 500.000, un eccesso di Morto che supera 92.000 persone, in quanto raccolgono registri civili.

Questa figura pone la Spagna tra i paesi con la maggior parte delle vittime del mondo, in relazione alla sua popolazione e in percentuale. La seguente tabella mostra l’eccesso di 44 paesi di cui vi sono dati (tra cui gli europei o hanno più di cinque milioni di abitanti).

La Spagna appare come il sesto paese sulla lista con il peggior eccesso di morti (23% in più del normale nel periodo 2015-2019). È lontano dal paese che lo conduce (Messico, 58%) e altri come il Perù, dove l’eccesso è sicuramente più alto, ma il cui record della morte è incompleto (da lì non lo includiamo nel tavolo). La Spagna raccoglie il terzo peggior numero dei 27 paesi dell’Unione europea nella mancata corrispondenza del defunto, solo dietro la Slovenia (24%) e Polonia (23%), anche se anche vicino al Portogallo (21%), Regno Unito (21%) o Italia (20%).

Dietro a quel gruppo ci sono molti paesi con eccessi inferiori al 20%, come Belgio, Svizzera, Bulgaria, Paesi Bassi, Francia, Svezia o Austria. Di seguito, la Germania appare, che ha adottato misure dure per molti mesi, sebbene sia finita per soffrire una seconda ondata in inverno che ha sollevato la sua figura al 9%. Infine, ci sono paesi che sembrano aver contenuto morti in misura maggiore, almeno al momento, come la Grecia (7%), la Lettonia (6%) o l’Estonia (6%), e in particolare la Danimarca (3%), Finlandia (2%) o Norvegia (0%).

Diverse cronologie tra i paesi

Confrontando le figure per onde, viene osservato un modello: ci sono pochi paesi che hanno avuto due Onde molto dure. Alcuni erano molto picchiati in primavera, come la Spagna o il Regno Unito, e poi hanno avuto inverni difficili, ma non il peggiore. Altri paesi che in primavera hanno avuto pochi casi, come la Repubblica Ceca, la Polonia o la Slovenia, hanno avuto il peggior eccesso di morti in inverno. L’onda che la Slovenia ha sofferto dopo l’estate, ad esempio, è peggiore della Spagna ha sofferto a marzo ea aprile.

È possibile che ciò sia spiegato in parte dall’effetto dell’immunità: il contagio si fermò naturalmente dopo molti Le persone passano la malattia – ci sono meno persone suscettibili – e, anche se è stato visto che non impedisce nuove onde, è probabile che sia conforme alla sua espansione. Altri fattori come la cautela possono anche svolgere un ruolo importante: molti paesi non applicano gravi misure fino alle loro onde fino alle loro onde, nonostante aver visto cosa stava accadendo altrove in primavera, quindi hanno finito per affilare i loro effetti.

In Il grafico che vedi anche le eccezioni, per sempre o male. Gli Stati Uniti o il Brasile hanno avuto cattivi dati durante tutto l’anno. E all’estremità opposta sono la Germania, la Danimarca, la Grecia o Singapore, dove l’eccesso di morti non si avvicinò del 20% in una delle due onde.

in eccesso simile a diverse età

Sappiamo che la malattia è più letale tra la popolazione anziana. Pertanto, è logico pensare che i paesi con persone più anziane registrano più morti. Tuttavia, la grandezza delle morti in eccesso in Spagna è simile quando confrontiamo i dati totali e le strisce specifiche, per età: è il sesto paese con il peggior eccesso in generale (23%), ma è anche il sesto tra quelli da 65 a 74 (24%), il nono tra le persone di età compresa tra 75-84 (18%) e il quarto paese con più eccesso tra gli oltre 85 (29%). I dati dei decessi in eccesso in età più avanzati non sono responsabili, quindi, per aumentare la figura generale. Ciò suggerisce un’epidemia con più contagioni in generale, quindi con effetti su tutti i frange, anche se le morti sono più di 85 anni.

Elimina le ragioni che spiegano la grandezza della pandemia in ogni paese è una questione complessa. Influenza dal momento in cui arrivò il virus – è peggio che lo riceva prima, quando non era noto – persino le abitudini sociali, la densità delle città o la dimensione delle famiglie, senza dimenticare la velocità e la forza con cui potrebbero avere Prese misure.

Le due curve: morti ufficiali e eccesso

La contabilità della morte è stata un grosso problema in molti paesi. Una delle migliori metriche per stimare le vittime delle vittime è l’eccesso osservato nei registri civili, che abbiamo usato finora: è una metrica che cattura molto bene gli eventi insoliti (dalle onde di calore a un focolaio infettivo) e che evita i problemi di sottovalutazione dovuta alla mancanza di test di rilevamento delle malattie. Paesi come la Spagna e il Regno Unito hanno già analizzato gli eccessi delle loro prime onde e hanno confermato che in pratica tutti erano morti con la diagnosi di Covid-19.

Nel prossimo grafico mostriamo come quelle morti si stavano accumulando (In rosso) e aggiungiamo anche le figure ufficiali di morti confermati (in blu). Evoluzioni mostrano alcune differenze tra i paesi: in Messico, le morti crescono costantemente da aprile; In Bulgaria, hanno avuto solo un’onda, che è venuta in inverno; Il Regno Unito o Paesi Bassi sono passati due. La Spagna aveva una prima onda intensa e una seconda molto lunga.

la nostra mappa

Decessi ufficiali di Covidid-19 e in eccesso registrato con il rispetto alla media del 2015-2019. Dati per milione di abitanti

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *